Vai al contenuto

  • Log In with Google      Accedi   
  • Registrati ora!


Risparmia acquistando online! Clicca Qui!
TorinoChisinau MilanoChisinau VeronaChisinau VeneziaChisinau BolognaChisinau RomaChisinau CagliariChisinau


  Moldova-mms.com News dal Regina Pacis Seborganelmondo  



SMMS   a
moldova-mms.com

     VEDI MEGLIO
    
e commenta >>

     SMS     a:   +39 (coming soon)
     MMS   a:   live @ moldova-mms . com




- - - - -

PERCHE' SI DICE COSI' ?


  • Non puoi aprire una nuova discussione
  • Effettua l'accesso per rispondere
Questa discussione ha avuto 10 risposte

#1 Carlo

Carlo

    Tpx3MI

  • Ambasadiani MI1a
  • StellaStellaStellaStellaStellaStellaStella
  • Messaggi: 3,832

    Medaglie



Inviato 07 January 2010 - 12:26:06


Ci sono modi di dire a cui spesso non facciamo più caso poichè sono entrati nel linguaggio di tutti i giorni.

Certo, per i moldavi, spesso questi modi di dire sono incomprensibili così come il fatto che una parola, da noi, può avere significati diversi o che una cosa, un oggetto o animale possa avere nomi diversi.

In quest'ottica ieri ho fatto caso ad una frase che ho scritto e cioè "comportarsi in modo ortodosso".

Essere ortodosso in arte, in letteratura,  significa seguire le norme, gli schemi tradizionali. Dal che ne desumo che comportarsi in modo ortodosso voglia dire seguire le norme o gli schemi, avere cioè una opinione corretta.

Farò un pò di ricerche ed in questo post riporterò ... perchè si dice così ? ...





#2 Carlo

Carlo

    Tpx3MI

  • Ambasadiani MI1a
  • StellaStellaStellaStellaStellaStellaStella
  • Messaggi: 3,832

    Medaglie



Inviato 07 January 2010 - 12:33:11


La pietra dello scandalo.

Al tempo dei Romani, quando un disgraziato commerciante falliva, doveva sedersi su una pietra e dir forte ai suoi creditori: Cedo bona ossia ‘cedo i miei averi’: Dopo ciò, i creditori non avevano più diritto di molestarlo. La pietra, testimone del fatto doloroso, si chiamava pietra dello scandalo.




#3 Rudy

Rudy

    MI

  • Ambasadiani MI1e
  • StellaStella
  • Messaggi: 367

Inviato 07 January 2010 - 12:55:51


Visualizza messaggioCarlo, su 7-Jan-2010 13:26, dice:

Ci sono modi di dire a cui spesso non facciamo più caso poichè sono entrati nel linguaggio di tutti i giorni.

Certo, per i moldavi, spesso questi modi di dire sono incomprensibili così come il fatto che una parola, da noi, può avere significati diversi o che una cosa, un oggetto o animale possa avere nomi diversi.

In quest'ottica ieri ho fatto caso ad una frase che ho scritto e cioè "comportarsi in modo ortodosso".

Essere ortodosso in arte, in letteratura,  significa seguire le norme, gli schemi tradizionali. Dal che ne desumo che comportarsi in modo ortodosso voglia dire seguire le norme o gli schemi, avere cioè una opinione corretta.

Farò un pò di ricerche ed in questo post riporterò ... perchè si dice così ? ...


Te lo posso dire io, che ho qualche ricordo del liceo classico.
In Italiano moltissime parole, di uso normale, derivano dal Latino; come nel Romeno del resto.
Molte altre parole, di uso colto, invece derivano dal Greco.
Ortodosso e Ortodossia sono appunto parole greche.
Sono composte da Orthos, che significa diritto o giusto e da Doxa, che significa opinione o modo di pensare.
Quindi ortodosso è chi ha l' opinione giusta, chi la pensa correttamente.

Come la Chiesa Ortodossa, che mantenne la giusta opinione quando la Cattolica, guidata dal Papa, diede luogo a quella che da loro fu considerata un' eresia e provocando lo scisma del 1054; allorché il Papa Leone IX ed il Patriarca Michele I Cerulario si scomunicarono a vicenda.




e se non piangi, di che pianger suoli?

#4 Rudy

Rudy

    MI

  • Ambasadiani MI1e
  • StellaStella
  • Messaggi: 367

Inviato 07 January 2010 - 13:32:43


Visualizza messaggioCarlo, su 7-Jan-2010 13:33, dice:

La pietra dello scandalo.

Al tempo dei Romani, quando un disgraziato commerciante falliva, doveva sedersi su una pietra e dir forte ai suoi creditori: Cedo bona ossia ‘cedo i miei averi’: Dopo ciò, i creditori non avevano più diritto di molestarlo. La pietra, testimone del fatto doloroso, si chiamava pietra dello scandalo.


Questo non succedeva al tempo dei Romani, ma a Padova nel medioevo.
La "Pietra del Vituperio" si può ancora oggi vedere dentro al Palazzo della Ragione (cioè di Giustizia). Credo che sia un unico blocco di pietra nera basaltica. Io mi ci sono pure seduto sopra una volta. A quel tempo si poteva e molti ci si facevano pure le foto.

Questa usanza venne istituita nel 1231 dal Comune di Padova come forma di berlina per i falliti, ma anche di clemenza verso di loro, perché sostituiva il carcere. Si parla del carcere di quei tempi.
Il fallito invece veniva fatto sedere su questa pietra in mutande.
Da qui l' espressione "restare in braghe di tela".

La decisione fu presa dopo ripetute insistenze e suppliche da parte di Sant' Antonio (da Padova, ma più precisamente da Lisbona).
In definitiva fu una forma di attenzione alla persona, di civiltà e di carità cristiana di tipo molto moderno, tutto sommato.
Quest' uso fu poi esportato in molte altre parti d' Italia.

Ai tempi dei Romani invece poteva succedere che chi aveva grossi debiti cui non poteva più far fronte fosse ridotto in schiavitù e venduto al miglior offerente, anche con tutta la sua famiglia se uno non bastava.

Vedi informazioni sul Palazzo della Ragione di Padova a questi indirizzi:
http://www.pd.astro....RA/G0000SAL.HTM
http://www.padovanet...s...565&id=9227
http://it.wikipedia....agione_(Padova)
E per altre pietre del vituperio a quest' altro indirizzo:
http://www.pesconlin...n...df=1&id=113

Allega immagini

  • cimg3812.jpg20051120225154.jpg





e se non piangi, di che pianger suoli?

#5 giemme74

giemme74

    Tpx4MI

  • Ambasadiani MI1a
  • StellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStella
  • Messaggi: 4,664

    Medaglie



Inviato 07 January 2010 - 13:55:48


credo che nell'accezzione più moderna del termine "ortodosso" si intenda seguire regole e schemi in modo molto rigido, senza la minima deviazione...



questo, da un lato può significare una corretta applicazione della "regola nota" a cui ci si riferisce, dall'altro un'eccessiva rigidità può scivolare nella limitatezza, nel non essere aperti alle "novità"...



Immagine inviata


#6 XCXC

XCXC

    TpX2MI

  • Ambasadiani MIra
  • StellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStella
  • Messaggi: 17,209

Inviato 07 January 2010 - 17:09:42


Visualizza messaggiogiemme74, su 7-Jan-2010 13:55, dice:

credo che nell'accezzione più moderna del termine "ortodosso" si intenda seguire regole e schemi in modo molto rigido, senza la minima deviazione...
.


mi hai tolto le parole dalla bocca :)


#7 Rudy

Rudy

    MI

  • Ambasadiani MI1e
  • StellaStella
  • Messaggi: 367

Inviato 07 January 2010 - 17:28:17


Visualizza messaggiogiemme74, su 7-Jan-2010 14:55, dice:

credo che nell'accezzione più moderna del termine "ortodosso" si intenda seguire regole e schemi in modo molto rigido, senza la minima deviazione...

Questo è uno dei significati moderni; quello un po' piú deteriore.

L' altro è quello classico, che equivale a corretto.
Per esempio, se si parla di chirurghi, pochi si fiderebbero a mettersi nelle mani di chi usa metodi "poco ortodossi".




e se non piangi, di che pianger suoli?

#8 Carlo

Carlo

    Tpx3MI

  • Ambasadiani MI1a
  • StellaStellaStellaStellaStellaStellaStella
  • Messaggi: 3,832

    Medaglie



Inviato 08 January 2010 - 10:35:18


Calma e gesso!

Questo non è propriamente un modo di dire ma un’esclamazione con la quale si invita una persona a non prendere delle decisioni affrettate delle quali, in futuro, potrebbe pentirsi; ma, al contrario, valutare con la massima attenzione una determinata situazione per affrontarla nel modo migliore e “goderne”, eventualmente, i benefici.
Gli appassionati del gioco del biliardo dovrebbero conoscerla bene. Prima di un tiro particolarmente difficile, i giocatori esperti valutano con la massima calma la posizione delle biglie e strofinano con il gesso la punta della stecca al fine di renderla “uniforme” ed essere sicuri, quindi, di riuscire ad effettuare al meglio il tiro studiato attentamente.




#9 Rosa

Rosa

    Amministratrice

  • Ambasadiani MIra
  • StellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStella
  • Messaggi: 4,829

    Medaglie




Inviato 08 January 2010 - 16:16:32


Visualizza messaggiogiemme74, su 7-Jan-2010 14:55, dice:

questo, da un lato può significare una corretta applicazione della "regola nota" a cui ci si riferisce, dall'altro un'eccessiva rigidità può scivolare nella limitatezza, nel non essere aperti alle "novità"...

Dipende molto del tipo di novita' e se, o a cosa, servono ;)



Connettere internet cuore e cervello prima di scrivere!! (Franangy)

#10 Carlo

Carlo

    Tpx3MI

  • Ambasadiani MI1a
  • StellaStellaStellaStellaStellaStellaStella
  • Messaggi: 3,832

    Medaglie



Inviato 09 January 2010 - 17:52:23


Alla romana

Alla romana è un idiotismo della lingua italiana, da tradurre in: "dividendo in parti uguali" .

Viene così definita la modalità di dividere una spesa in parti uguali fra tutti i partecipanti, senza tener conto dell'effettiva fruizione di ciascuno di loro. Ad esempio, in una cena al ristorante di un gruppo di persone si paga alla romana dividendo il conto in parti uguali tra i commensali, senza considerare il fatto che qualcuno abbia consumato di più e qualcuno meno. In questo modo ognuno sa velocemente quanto deve pagare.
Il modo di dire deriverebbe dall'antica usanza delle trattorie romane che per praticità e rapidità facevano pagare il conto ai pellegrini dividendo il costo delle pietanze portate all'intera tavolata.

Tuttavia alcuni intendono che ogni commensale pagherà solo quanto effettivamente consumato (senza per questo dover necessariamente richiedere al ristoratore tante ricevute quante sono le persone paganti o fare i conti esatti al centesimo di Euro). Questo modo di pagare il conto è più propriamente detto "alla genovese".







Leggono questa discussione 2 utenti

0 utenti, 2 ospiti, 0 utenti anonimi










                                                                                    Effettua i tuoi pagamenti con PayPal.  un sistema rapido, gratuito e sicuro.  



 info@ambasada.it    info@pec.ambasada.it    Telegram.me/Ambasada    iMessage: info@ambasada.it   fax +39 02 45503457  tel +39 02 45071457


ATTENZIONE! per i recapiti dell'Ambasciata della Moldavia a Roma click qui , per il Consolato di Milano click qui , per il Consolato di Padova click qui ATTENZIONE!


Privacy e Cookie Policy / Termini e Regole del Forum