Vai al contenuto

  • Log In with Google      Accedi   
  • Registrati ora!


Risparmia acquistando online! Clicca Qui!
TorinoChisinau MilanoChisinau VeronaChisinau VeneziaChisinau BolognaChisinau RomaChisinau CagliariChisinau


  Moldova-mms.com News dal Regina Pacis Seborganelmondo  



SMMS   a
moldova-mms.com

     VEDI MEGLIO
    
e commenta >>

     SMS     a:   +39 (coming soon)
     MMS   a:   live @ moldova-mms . com



verona - chisinau
Verona Chisinau Verona

* * * * * 1 voti

Aprire azienda informatica in moldavia e lavorare in italia


  • Non puoi aprire una nuova discussione
  • Effettua l'accesso per rispondere
Questa discussione ha avuto 39 risposte

#31 MAURUM01

MAURUM01

    Nb

  • Ambasadiani MI1e
  • Stella
  • Messaggi: 6

Inviato 06 July 2015 - 12:13:19


Salve ... sto facendo piu' o meno la stessa cosa cioe' aprire una societa' di software in moldavia e una stabile organizzazione in italia che poi sara' quella che trattera' coi clienti  italiani ...  sono andato in moldavia gia' dal 1996 su richiesta di una catena di supermercati per la gestione software dei negozi ...  e' possibile parlarsi poi al telefono ? per scambiarsi idee ?


#32 flanders

flanders

    MI

  • Ambasadiani MI1e
  • StellaStella
  • Messaggi: 144

Inviato 06 July 2015 - 13:35:24


Se sei andato nel 1996 e non ci sei più ritornato ....troverai "Chisinau" molto differente.
MA ha senso aprire una società in Moldova e nello stesso una rappresentanza fiscale in Italia ? Io penso che ti complicheresti la vita.
Semprechè tu non faccia fatturati in euro con molti zeri .....


#33 Rick

Rick

    Tpx5MI

  • Ambasadiani MI1a
  • StellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStella
  • Messaggi: 5,219

    Medaglie



Inviato 06 July 2015 - 18:36:47


Visualizza messaggioflanders il 06 July 2015 - 13:35:24 ha detto:

Se sei andato nel 1996 e non ci sei più ritornato ....troverai "Chisinau" molto differente.

Ciumbia ...1996
un' altra era geologica !



Immagine inviata


#34 XCXC

XCXC

    TpX2MI

  • Ambasadiani MIra
  • StellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStella
  • Messaggi: 16,904

Inviato 09 July 2015 - 15:56:21


catena di supermercati in MD nel 1996?


#35 MAURUM01

MAURUM01

    Nb

  • Ambasadiani MI1e
  • Stella
  • Messaggi: 6

Inviato 13 July 2015 - 11:02:43


Ci sono andato nel '96 per  automatizzare il primo supermercato (forse il primo di tipo moderno che c'era allora)  di una ditta che poi ne ha aperti altri 5 e in moldavia ci sono andato continuamente fino a oggi 2 volte all'anno.....


#36 MAURUM01

MAURUM01

    Nb

  • Ambasadiani MI1e
  • Stella
  • Messaggi: 6

Inviato 13 July 2015 - 11:14:23


il concetto e' creare utile in moldavia pagando alla ditta moldava il software (venduto in italia) che e' di sua proprieta' cioe  in una installazione il 50 % del valore e' rappresentato dal software, il restante 50% dall'hardware e dalle spese di installazione e istruzione
tale importo rimarra'  alla stabile organizzazione in italia per pagare tasse e dipendenti...


#37 MAURUM01

MAURUM01

    Nb

  • Ambasadiani MI1e
  • Stella
  • Messaggi: 6

Inviato 13 July 2015 - 11:19:36


... abbiamo automatizzato negli anni 90 anche 13 negozi a mosca....ma come ci si poteva aspettare nel giro di qualche anno si sono arrangiati da soli i russi..... <_<


#38 XCXC

XCXC

    TpX2MI

  • Ambasadiani MIra
  • StellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStella
  • Messaggi: 16,904

Inviato 13 July 2015 - 20:53:40


Visualizza messaggioMAURUM01 il 13 July 2015 - 11:14:23 ha detto:

il concetto e' creare utile in moldavia pagando alla ditta moldava il software (venduto in italia) che e' di sua proprieta' cioe  in una installazione il 50 % del valore e' rappresentato dal software, il restante 50% dall'hardware e dalle spese di installazione e istruzione
tale importo rimarra'  alla stabile organizzazione in italia per pagare tasse e dipendenti...

in MD devi avere un referente/responsabile con le palle... gente con il pelo sullo stomaco che sa "mediare" con i vari "controllori"...

altrimenti lascia perdere...


#39 MAURUM01

MAURUM01

    Nb

  • Ambasadiani MI1e
  • Stella
  • Messaggi: 6

Inviato 17 July 2015 - 13:41:52


Grazie ... terrò conto del consiglio cercando di capire se le persone con cui sono gia' in contatto sono all'altezza ... ma penso di si .. spero


#40 XCXC

XCXC

    TpX2MI

  • Ambasadiani MIra
  • StellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStella
  • Messaggi: 16,904

Inviato 25 August 2015 - 21:00:05


E-residency, in Estonia la cittadinanza digitale si ottiene con un clic

È il primo stato al mondo ad aver introdotto questa opportunità e sono oltre 3000 i residenti digitali che hanno fatto richiesta da oltre 108 paesi del mondo.  "Abbiamo la possibilità di aiutare milioni di imprenditori a far crescere il proprio business", ha detto a Repubblica Taavi Kotk, Chief information officer del governo estone, "e nel frattempo attraiamo nel nostro Paese nuovi investimenti. Entro il 2025 puntiamo ai 10 milioni di e-resident" di SARA STEFANINI




Immagine inviata


     
   Immagine inviata

L'ESTONIA, quel piccolo e silenzioso Paese ai confini estremi dell'Europa che solo dal 2011 fa parte dell'Eurozona, è il primo in assoluto a introdurre la e-residency. Essere cittadini digitali è la nuova frontiera del web. E l'ha capito bene Tallinn che si fa promotrice di un progetto che la porterà ad aumentare la sua economia digitale. Bastano 50 euro, una smart card con chip e un software da installare sul pc per creare una compagnia online, firmare documenti a distanza, concludere transazioni digitali in sicurezza e interagire via internet con la pubblica amministrazione. Un sistema che non solo abbatte i costi e il lungo iter burocratico - che noi italiani conosciamo fin troppo bene - ma che attrae investitori e denaro nella piccola e-Estonia.


  
  • Immagine inviata

  • Immagine inviata

A oggi sono più di 3060 gli e-resident che provengono da oltre 108 paesi. Finlandia, Russia, Usa e Ucraina sono quelli che hanno maggiormente aderito a questa iniziativa promossa dallo stesso governo estone. L'investimento è stato esiguo - solo 500mila euro, fanno sapere da Tallinn - per una copertura di 13 anni. Inoltre, entro il 2025, stimano di avere 10 milioni di e-estonians. Insomma, nel Paese in cui è nato Skype, fare affari online è un gioco da ragazzi.


Ma come si diventa un e-cittadino? Lo ha spiegato a Repubblica Taavi Kotka, Chief information officer del governo estone, che è stato anche uno degli ideatori della e-residency. "Da maggio è possibile compilare un form online e pagare una tassa di 50 euro per richiedere la e-cittadinanza. Dopodiché noi valuteremo la richiesta e faremo verifiche e accertamenti". Una volta approvata - in una decina di giorni lavorativi, ci assicura - basta presentarsi alla polizia di frontiera di Tallinn (o ambasciate o consolati del proprio paese) per ricevere il kit, lasciare le impronte digitali e una scansione del proprio viso. Insomma, in un mese si diventa cittadini digitali. "Con la e-residency abbiamo la possibilità di aiutare milioni di imprenditori a far crescere il proprio business", ha detto orgoglioso Kotka, "e nel frattempo attraiamo nel nostro Paese nuovi investimenti. La nostra iniziativa, unica al mondo, ha degli enormi vantaggi tra cui la flessibilità. Sin da subito abbiamo ottenuto feedback positivi e dopo le prime diciotto ore gli iscritti erano già più di 4mila".

Come e quando è nata l'idea?
"Nell'aprile del 2014 abbiamo presentato l'idea al governo. Idea che è stata subito accettata con entusiasmo, infatti, la legge è stata approvata nove mesi fa e il Parlamento ha votato sì all'unanimità. Non c'è stato neanche un voto contrario".

Secondo lei è possibile attuare un progetto simile in un Paese come l'Italia?
"Potenzialmente sì, anche se non sono necessarie soltanto delle strutture adeguate, ma anche una mentalità più aperta verso nuove tecnologie, come ad esempio la firma digitale. Per riprodurre l'e-residency in Italia ci vorrebbe tanto tempo. Ormai, un cittadino estone s'insospettisce se gli porgi un contratto cartaceo. Per avere successo con questo progetto, quindi, l'Italia dovrebbe favorire l'interazione con il settore pubblico e quello privato attraverso internet".

E come scegliete chi può diventare cittadino digitale? Quali sono i parametri?
"La polizia estone verifica dettagliatamente ogni singola richiesta e fa degli accertamenti. Se sei un criminale ovviamente vieni respinto e non abbiamo il dovere di spiegare perché non sei stato accettato. Ottenere l'e-residency è un benefit, non un diritto. Di oltre 4mila persone, 3060 hanno ricevuto il kit".

Da chi e da dove arrivano le richieste?
"I più interessati sono sicuramente gli imprenditori che amano il business online. Tra i servizi più gettonati ci sono proprio quelli legati alla gestione di aziende internazionali indipendenti nel web. Gli e-resident possono costituire una società online in un giorno, amministrarla da qualsiasi parte del mondo senza la necessità di un rappresentante locale, possono fare trasferimenti di denaro online, dichiarare le tasse online e firmare documenti e contratti con i partner esterni. I finlandesi sono più numerosi (24%): hanno molte aziende qui e visitano molto spesso il nostro Paese. La stessa cosa si può dire per i russi (12%). Ma la e-residency attrae anche chi viene dagli Usa e dall'Ucraina (entrambi 6%). Per esempio, c'era un artista ucraino che voleva vendere i suoi quadri online, ma non sapeva come fare. Con un'identità digitale ha potuto avviare il suo business. Poi c'è un 4% che proviene dalla Germania e dal Regno Unito. A seguire c'è l'Italia che insieme ai Paesi Bassi sfiora il 3%, poi India, Svezia, Francia e Lituania il 2%. Infine una minima percentuale di richieste proviene da Ungheria, Giappone, Bielorussia, Canada, Norvegia e Danimarca. Ovviamente contiamo di arrivare a 10 milioni di persone entro il 2025 e abbiamo 18mila iscritti alle newsletter che potrebbero essere dei potenziali e-resident".

Ma non c'è il rischio che qualcuno possa utilizzare la e-residency come un escamotage per riciclare denaro o evadere il fisco?
"L'identità digitale non comporta ulteriori rischi (ad esempio, il riciclaggio di denaro). Al contrario, li rende più evidenti e gestibili perché con le impronte digitali, eventuali 'furbetti' sono facilmente rintracciabili, anche se utilizziamo questo metodo solo se abbiamo dei sospetti. Inoltre, secondo la legge internazionale, le tasse si pagano nel paese in cui è nato il valore. Se crei un'azienda in Italia con cittadinanza estone, paghi le tasse in Italia. Noi non vogliamo diventare un Paese offshore, puntiamo sulla trasparenza. In più, abbiamo delle leggi sul riciclaggio che sono le più rigide d'Europa, dopo quello che è successo durante l'occupazione sovietica".

Come garantite privacy e sicurezza, in un web dove gli attacchi hacker sono all'ordine del giorno?
"L'Estonia è conosciuta in tutto il mondo per la sua competenza avanzata sulla sicurezza informatica. Cerchiamo di attenuare i possibili rischi. Lo stesso ID dell'e-resident così come i servizi sono costruiti con strategie tecnologiche studiate ad arte".

Qual è il futuro della residenza digitale e come intendete farla evolvere?
"Noi estoni utilizziamo la cittadinanza digitale già da una decina di anni. Il nostro Paese è soprannominato e-Estonia, perché siamo una delle società più tecnologicamente avanzate al mondo, ma adesso la nostra nuova frontiera è proprio creare una realtà senza confini. Per esempio, una persona che vive nella Silicon Valley e vuole aprire un'azienda in Estonia, può tranquillamente farlo senza venire a vivere qui".

Semplicità, efficienza e velocità sembrano essere quindi le chiavi di successo per la e-residency, che fin da subito ha suscitato grande curiosità e anche tante polemiche. Il progetto ha superato la fase alpha, dove erano in studio interfaccia grafica e sicurezza, ma è in continua evoluzione. Attualmente è nella fase beta, dove ognuno può dare feedback e suggerire modifiche. Inoltre, il governo sta lavorando con delle aziende private per incrementare i servizi offerti. Ma come evolverà veramente la e-residency non lo sa nessuno. Se i residenti digitali dovessero davvero diventare 10 milioni come si comporterà l'e-Estonia? Temi come tasse e diritto al voto potrebbero diventare temi davvero scottanti.





Leggono questa discussione 3 utenti

0 utenti, 3 ospiti, 0 utenti anonimi










                                                                                    Effettua i tuoi pagamenti con PayPal.  un sistema rapido, gratuito e sicuro.  



 info@ambasada.it    info@pec.ambasada.it    Telegram.me/Ambasada    iMessage: info@ambasada.it   fax +39 02 45503457  tel +39 02 45071457


ATTENZIONE! per i recapiti dell'Ambasciata della Moldavia a Roma click qui , per il Consolato di Milano click qui , per il Consolato di Padova click qui ATTENZIONE!


Privacy e Cookie Policy / Termini e Regole del Forum