Vai al contenuto

  • Log In with Google      Accedi   
  • Registrati ora!


Risparmia acquistando online! Clicca Qui!
TorinoChisinau MilanoChisinau VeronaChisinau VeneziaChisinau BolognaChisinau RomaChisinau CagliariChisinau


  Moldova-mms.com News dal Regina Pacis Seborganelmondo  



SMMS   a
moldova-mms.com

     VEDI MEGLIO
    
e commenta >>

     SMS     a:   +39 (coming soon)
     MMS   a:   live @ moldova-mms . com



verona - chisinau
Verona Chisinau Verona

* * * * * 1 voti

La Moldavia non e' piu' il Paese piu' povero d'Europa?


  • Non puoi aprire una nuova discussione
  • Effettua l'accesso per rispondere
Questa discussione ha avuto 2 risposte

#1 XCXC

XCXC

    TpX2MI

  • Ambasadiani MIra
  • StellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStella
  • Messaggi: 17,161

Inviato 12 September 2015 - 00:56:18


La Moldavia non e' piu' il Paese piu' povere d'Europa!

---------
MISERIA NERA

– I 18 PAESI MESSI PEGGIO AL MONDO IN BASE A DISOCCUPAZIONE E COSTO DELLA VITA

– IN TESTA IL VENEZUELA, DOVE UN IPHONE COSTA 47MILA DOLLARI, POI SIRIA E DJIBOUTI, DOVE 1 PERSONA SU 2 NON HA LAVORO, MA CI SONO ANCHE GRECIA E SPAGNA

Diventa veramente dura tirare avanti quando il lavoro manca e il costo della vita continua a crescere. L’economista americano Arthur Okun si è basato proprio su questi due fattori

– tasso di disoccupazione e aumento dell’inflazione

– per stilare una classifica dei paesi in base al loro “indice di miseria”. Lo studio ha ricevuto parecchie critiche da chi sostiene…

Immagine inviata
Elena Holodny per http://uk.businessinsider.com

Immagine inviata
protesta in venezuela

Diventa veramente dura tirare avanti quando il lavoro manca e il costo della vita continua a crescere. L’economista americano Arthur Okun si è basato proprio su questi due fattori – tasso di disoccupazione e aumento dell’inflazione – per stilare una classifica dei paesi in base al loro “indice di miseria”.  Lo studio ha ricevuto parecchie critiche da chi sostiene, sulla base di studi estensivi di economia, che la disoccupazione influenzi in negativo la vita delle persone molto più dell’inflazione. Tuttavia, quando la somma di entrambe è alta, le cose non possono che andare male. Ecco la classifica dei 18 stati più miseri del mondo (tutti quelli di cui è stato possibile reperire i dati) insieme al commento che si trova sul “World Factbook” della CIA:

Immagine inviata
mangiafuoco tunisia

18. Tunisia

Indice di miseria: 20.1 - Inflazione: 4.9% - Disoccupazione: 15.2%

Una volta era uno degli stati più agiati dell’Africa e del Medio Oriente ma, in seguito alla rivoluzione del 2011 la situazione del paese è decisamente peggiorata: il governo deve cercare di rassicurare gli investitori e tenere sotto controllo il deficit nei conti pubblici.

Immagine inviata
husain bolt jamaica

17. Giamaica

Indice di miseria: 20.7% - Inflazione: 7.1% - Disoccupazione: 13.6%

L’economia della Giamaica si basa principalmente sul turismo ma il paese deve fronteggiare un alto tasso di criminalità e corruzione. Il governo sta combattendo per rafforzare la disciplina fiscale in modo da onorare i suoi debiti e anche per ridurre gli episodi di criminalità.

Immagine inviata
croazia

16. Croazia

Indice di miseria: 20.8% - Inflazione: -0.2% - Disoccupazione: 21%

La Croazia era uno degli stati più prosperosi dell’ex Jugoslavia ma in seguito alla crisi finanziaria del 2008 la sua economia ha subito un forte rallentamento. I problemi più grossi riguardano lo squilibrio delle varie regioni in termini di sviluppo e la disoccupazione.

Immagine inviata
tram in ucraina

15. Ucraina

Indice di miseria: 20.9% - Inflazione: 12.1% - Disoccupazione: 8.8%

L’economia dell’Ucraina si è fermata durante la crisi finanziaria, ha visto un rimbalzo nel 2010 e poi è definitivamente implosa dopo l’annessione della Crimea da parte della Russia (il Pil è calato del 6,8% nel 2014). La corruzione dei politici e le riforme inefficienti continuano a strangolare il paese.

Immagine inviata
cavaliere mongolo

14. Mongolia

Indice di miseria: 21.7% - Inflazione: 12.9% - Disoccupazione: 8.8%

Sul “World Factbook” della CIA c’è scritto che l’economia mongola dovrà affrontare dei problemi nel breve termine legati alle sue politiche fiscali e monetarie, che stanno contribuendo all’aumento dell’inflazione e alla diminuzione della richiesta di prodotti da parte dei paesi importatori.

Immagine inviata
spalatore egiziano

13. Egitto

Indice di miseria: 23.5% - Inflazione: 10.1% - Disoccupazione: 13.4%

L’economia egiziana si è trovata in forte difficoltà a seguito dell’incertezza politica e militare portata dalla primavera araba. I settori più colpiti sono stato quelli turistico e manifatturiero. In più, tassi di cambio monetario sfavorevoli e una crescita economica debole hanno aperto voragini insostenibili nelle finanze pubbliche.
Immagine inviata
spagna mercato della frutta

12. Spagna

Indice di miseria: 24.1 - Inflazione: -0.2% - Disoccupazione: 24.3%

La Spagna è entrata in deflazione durante la crisi finanziaria ma nel 2014 l’economia è tornata a crescere è il tasso di disoccupazione sta diminuendo a ritmi da record per la storia del paese. Lo spread è in picchiata rispetto ai massimi raggiunti nel 2012 e l’inflazione sta diminuendo.

Immagine inviata
grecia

11. Grecia

Indice di miseria: 25.5 - Inflazione: -1.3% - Disoccupazione: 26.8%

La Grecia è stata la protagonista dell’estate con la trattativa sul rifinanziamento del suo debito. E l’incertezza riguardo alla permanenza del paese nell’Eurozona ha naturalmente scoraggiato gli investitori.

Immagine inviata
raffineria in iran

10. Iran

Indice di miseria: 26.1 - Inflazione: 15.8% - Disoccupazione: 10.3%

L’alleggerimento delle sanzioni internazionali potrebbe aprire una finestra di crescita per l’Iran, che possiede una popolazione giovane e istruita oltre a un mercato di grandi dimensioni. A ciò va aggiunto che il petrolio iraniano potrebbe tornare sui mercati.

Immagine inviata
serbia

9. Serbia

Indice di miseria: 27.8 - Inflazione: 1.7% - Disoccupazione: 26.1%

La Serbia si trova ad affrontare numerose sfide per il futuro: creazioni di posti di lavoro, diminuzione della spesa pubblica, l’aumento del debito estero sia pubblico che privato e anche il tentativo di attirare investitori stranieri. La Serbia di trova anche a combattere contro alti livelli di corruzione e una popolazione che sta invecchiando.
Immagine inviata
vendemmia in macedonia

8. Macedonia

Indice di miseria: 27.9 - Inflazione: -0.1% - Disoccupazione: 28%

La Macedonia ha fatto importanti passi in avanti da quando ha ottenuto l’indipendenza, ma non è riuscita ad attrarre investitoti stranieri come invece hanno fatto gli altri stati dei Balcani. In più la corruzione e il non rispetto delle leggi rischiano di soffocare ulteriormente l’economia.

Immagine inviata
pescatori in sud africa

7. Sud Africa

Indice di miseria: 31.1 - Inflazione: 6.1% - Disoccupazione: 25%

Il Sud Africa è uno dei mercati emergenti più famosi del mondo ma la sua economia ha rallentato negli ultimi anni. La disoccupazione, la povertà e la disuguaglianza sociale sono alcuni dei problemi a lungo termine che il paese si trova ad affrontare.
Immagine inviata
lesotho

6. Lesotho

Indice di miseria: 32 - Inflazione: 3.9% - Disoccupazione: 28.1%

Il governo di Lesotho è il più grande datore di lavoro del paese, ma l’economia può contare anche sull’industria tessile e l’agricoltura. L’estrazione di diamanti è cresciuta notevolmente negli ultimi anni e gli analisti pensano che possa arrivare a rappresentare l’8,5% del Pil entro la fine del 2015.

Immagine inviata
ragazze in yemen

5. Yemen

Indice di miseria: 35.2 - Inflazione: 8.2% - Disoccupazione: 27%

Immagine inviata
argentina

Nel libro della CIA si legge che lo Yemen ha pochissimi introiti la maggior parte dei quali derivano dai giacimenti petroliferi che si stanno esaurendo. Il paese si trova anche a confrontarsi con il calo delle risorse idriche, alti tassi di disoccupazione, carestie e la guerra civile.

4. Argentina

Indice di miseria: 44.1 - Inflazione: 36.4% - Disoccupazione: 7.7%

L’economia dell’Argentina è attanagliata da un deficit pubblico insostenibile e in crescita, stagnazione economica, inflazione alle stelle e una forte criminalità legata al traffico di droga.

3. Djibouti

Immagine inviata
djibouti

Indice di miseria: 62.9 - Inflazione: 2.9% - Disoccupazione: 60%

Djibouti conta principalmente sull’assistenza di stati esteri per il pagamento dei suoi debiti e in più deve convivere con un tasso di disoccupazione del 60%. L’inflazione non è un problema, ma solo perché il franco di Djibouti è legato al valore del dollaro.

2. Syria

Immagine inviata
profughi siriani

Indice di miseria: 67.8 - Inflazione: 34.8% - Disoccupazione: 33%

L’economia siriana è in caduta libera. Le cose sono ulteriormente peggiorate dopo le sanzioni internazionali imposte nel 2014 che hanno affossato i consumi. Il problema più grande del paese rimane comunque il flusso di migranti in uscita.

1. Venezuela

Indice di miseria: 70 - Inflazione: 62.2% - Disoccupazione: 7.8%

In Venezuela le cose vanno di male in peggio. Il calo del prezzo del petrolio nel 2014 sommato alla recessione ha mandato in tilt l’economia del Venezuela. L’inflazione è fuori controllo: un iPhone 6 costa circa $47,700 in questo momento.

Immagine inviata
venezuela


#2 Gaudente

Gaudente

    Nb

  • Ambasadiani MI1e
  • Stella
  • Messaggi: 17

Inviato 21 September 2015 - 17:10:02


la significativita' del "misery index" calcolato con la semplice somma di inflazione e disoccupazione e' ovviamente assai discutibile. Soprattutto perche' in molti paesi avanzati le statistiche sulla disoccupazione sono depurate dei disoccupati di lungo periodo , se questi fossero conteggiati avremmo molti paesi con un misery index simile alla Spagna, dove comunque la gente se la passa sicuramente meglio che in Moldova.


#3 XCXC

XCXC

    TpX2MI

  • Ambasadiani MIra
  • StellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStella
  • Messaggi: 17,161

Inviato 21 September 2015 - 19:24:05


si d'accordo... ma poi bisogna vedere se e' piu' facile vivere in Grecia o in Moldova...





Leggono questa discussione 12 utenti

0 utenti, 12 ospiti, 0 utenti anonimi










                                                                                    Effettua i tuoi pagamenti con PayPal.  un sistema rapido, gratuito e sicuro.  



 info@ambasada.it    info@pec.ambasada.it    Telegram.me/Ambasada    iMessage: info@ambasada.it   fax +39 02 45503457  tel +39 02 45071457


ATTENZIONE! per i recapiti dell'Ambasciata della Moldavia a Roma click qui , per il Consolato di Milano click qui , per il Consolato di Padova click qui ATTENZIONE!


Privacy e Cookie Policy / Termini e Regole del Forum