Vai al contenuto

  • Log In with Google      Accedi   
  • Registrati ora!


Risparmia acquistando online! Clicca Qui!
TorinoChisinau MilanoChisinau VeronaChisinau VeneziaChisinau BolognaChisinau RomaChisinau CagliariChisinau


  Moldova-mms.com News dal Regina Pacis Seborganelmondo  



SMMS   a
moldova-mms.com

     VEDI MEGLIO
    
e commenta >>

     SMS     a:   +39 (coming soon)
     MMS   a:   live @ moldova-mms . com




* * * * * 1 voti

ORO FISICO NON DICHIARATO ATTENTI........PRESTO NON VARRA' CHE LA META'


  • Non puoi aprire una nuova discussione
  • Effettua l'accesso per rispondere
Questa discussione ha avuto 4 risposte

#1 Mercato Libero

Mercato Libero

    ilpunto-borsainvestimenti .blogspot.com

  • Ambasadiani MI1-e
  • StellaStellaStellaStella
  • Messaggi: 1,363

Inviato 02 July 2014 - 07:52:00


confisca dell'oroper chi possiede grandi quantita' di oro fisico non dichiarato in Italia si prepara una grande trappola...

PRESTO NON SI POTRA' PIU' VENDERLO SE NON E' STATO DICHIARATO SE NON PAGANDO PENALI SALATISSIME...
IL CONTANTE SARA' SEMPRE PIU' RARO...
TUTTE LE TRANSAZIONI VERRANNO CONTROLLATE...
PORTARLO FUORI DAL CONFINE AVRA' UN COSTO ALTISSIMO IN QUANTO SARA' VIA VIA PIU' PERICOLOSO.
E ANCHE ALL'ESTERO..A UN NON RESIDENTE...SI RISCHIERA' CHE NON GLIELO CAMBINO IN DENARO...PERCHE' LE LEGGI DI TUTTI I PAESI AL MONDO SI STANNO ADEGUANDO
PER UN PO' DI ANNI L'ORO FISICO NON DICHIARATO AVRA' UN VALORE PIU' BASSO RISPETTO AL VALOREDELL'ORO FISICO DICHIARATO..E L'ORO FISICO DICHIARATO...SARA' SOGGETTO A POSSIBILE CONFISCA O TASSAZIONE O PATRIMONIALE.

IL DILEMMA DI MOLTI ITALIANI CHE PENSAVANO DI SALVARSI IL CULO DETENENDO ORO IN QUANTITA' E NON DICHIARATO...SARA' ENORME E MOLTI LO SVENDERANNO...

SOLUZIONI A QUESTO PROBLEMA? SI CI SONO...E OGGI COSTANO , MA NON MOLTO...CON IL PASSARE DEI MESI...SARA' SEMPRE PIU' COSTOSO..
E POI NON DITE CHE NON VI ABBIAMO AVVISATO AMICI DELL'ORO .."NERO"



#2 XCXC

XCXC

    TpX2MI

  • Ambasadiani MIra
  • StellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStella
  • Messaggi: 17,204

Inviato 02 July 2014 - 16:18:08


sisi peccato che meta' dell'oro lavorato a Vicenza, Valenza, Arezzo ecc... sia proprio acquistato dalle aziende a nero...

sai che problemi vendere oro per chi ce l'ha !!! :D


#3 Mercato Libero

Mercato Libero

    ilpunto-borsainvestimenti .blogspot.com

  • Ambasadiani MI1-e
  • StellaStellaStellaStella
  • Messaggi: 1,363

Inviato 04 July 2014 - 18:59:00


In questo articolo non mi rivolgo ai tanti italiani che hanno in casa 20 o 30 mila euro di monete d'oro...non valgono nulla oggi e varrano ben poco domani...Mi rivolgo invece ai molti italiani che pensano di essere furbi perche' hanno sotto il cuscino, in giardino o in una casseta di sicurezza dell'oro per quantita' ingenti ..ovvero sopra i 200 mila euro almeno....e li ha con lingotti magari  da un chilo...

QUESTE PERSONE SONO CONVINTE CHE SE DOVESSE CAPITARE IL PEGGIO ..LORO SARANO LIBERI E IL LORO ORO VARRA' TANTISSIMO.....in realta' potrebbe non essere cosi'   

forse...sara' un aiuto....ma molto probabilmente no...ECCO QUELLO CHE HO SCRITTO IN SETTIMANA:

ORO FISICO NON DICHIARATO  ATTENTI........PRESTO NON VARRA' CHE LA META'

per chi possiede grandi quantita' di oro fisico non dichiarato in Italia si prepara una grande trappola... PRESTO NON SI POTRA' PIU' VENDERLO SE NON E' STATO DICHIARATO SE NON PAGANDO PENALI SALATISSIME...IL CONTANTE SARA' SEMPRE PIU' RARO...TUTTE LE TRANSAZIONI VERRANNO CONTROLLATE...
PORTARLO FUORI DAL CONFINE AVRA' UN COSTO ALTISSIMO IN QUANTO SARA' VIA VIA PIU' PERICOLOSO.
confisca dell'oroE ANCHE ALL'ESTERO..A UN NON RESIDENTE...SI RISCHIERA' CHE NON GLIELO  CAMBINO IN DENARO...PERCHE' LE LEGGI DI TUTTI I PAESI AL MONDO SI  STANNO ADEGUANDO
PER UN PO' DI ANNI L'ORO FISICO NON DICHIARATO AVRA' UN VALORE  PIU' BASSO RISPETTO AL VALORE DELL'ORO FISICO DICHIARATO..E L'ORO FISICO  DICHIARATO...SARA' SOGGETTO A POSSIBILE CONFISCA O TASSAZIONE O  PATRIMONIALE.
IL DILEMMA DI MOLTI ITALIANI CHE PENSAVANO DI SALVARSI IL CULO  DETENENDO ORO IN QUANTITA' E NON DICHIARATO...SARA' ENORME E MOLTI LO  SVENDERANNO... SOLUZIONI A QUESTO PROBLEMA? SI CI SONO...E OGGI COSTANO , MA NON MOLTO...CON IL PASSARE DEI MESI...SARA' SEMPRE PIU' COSTOSO..
E POI NON DITE CHE NON VI ABBIAMO AVVISATO 
IN TANTI SONO COLORO CHE NON HANNO ANCORA CAPITO IL SENSO DELL'ARTICOLO E NON CI CREDONO...SI SENTONO AL SICURO CON I LORO CHILI DI ORO SOTTO IL CUSCINO....MAGARI RASSICURATI DA PERSONE CHE NON RAGIONANO MOLTO,....
AVERE ORO IN ITALIA NON E' GARANZIA DI LIBERTA' E DI SICUREZZA...QUANDO SI E' IN UNA DITTATURA..PUOI AVERE TUTTO L'ORO DEL MONDO MA SARAI SEMPRE UN PEZZENTE...PERCHE' NON POTRAI USARLO E QUANDO TUTTO SI FARA' VIOLENTO..NON SARAI CERTO LIBERO CON QUALCHE CHILO D'ORO.
LA LIBERTA' LA OTTIENI SOLO ANDANDO VIA DAL SISTEMA MALATO E DITTATORIALE PRIMA CHE ACCADA IL PEGGIO...

 Quindi occhio a chi afferma che non e' un problema L'ORO FISICO 

IN ITALIA..forse vuole solo fare qualche cliente in piu'...o proteggere 

il suo credo ..che magari aveva diffuso a destra e sinistra e ora non puo' che

 difendere quanto fino a ieri aveva predicato...

Infatti gli italiani possono essere paragonati agli ebrei al tempo del nazismo. L'agenzia delle entrate e il sistema di tasse è sempre piu' ossessivo e controlla tutto, monitora ogni movimento di denaro e di ricchezza. LO STESSO ACQUISTO E VENDITA DI ORO E' CONTROLLATO ATTENTAMENTE DAL SISTEMA DITTATORIALE ITALIANO.

Tutti i beni sono sotto il controllo della ghestapo italiana. Le persone si stanno comportando un po' come gli ebrei...cercano di far contento il potere per evitare rappresaglie..ma la fame di soldi da parte dello stato e' sempre piu' grande...

leggetevi questa storia vera e meditate....Renzi è come Mussolini, il FMI,Junker e la Merkel sono gli aguzzini..e l'oro del popolo italiano potrebbe fare una brutta fine..

Il rastrellamento del Ghetto di Roma

il 16 ottobre 1943: i nazisti portarono via dalle loro case  più di mille ebrei e li mandarono nei campi di sterminio

    Poco dopo le 5 del mattino di sabato 16 ottobre 1943 i militari  delle SS naziste che avevano occupato la città di Roma con la fine del  regime fascista e l’armistizio tra Italia e alleati, accompagnati dalla  polizia militare tedesca, fecero irruzione nel ghetto ebraico di Roma e  iniziarono ad arrestare e radunare gli ebrei, lì e in tutta la città. In  poche ore arrestarono 1024 persone, tra cui oltre 200 bambini. Due  giorni dopo, il 18 ottobre, tutti i prigionieri partirono dalla stazione  Tiburtina diretti ai campi di sterminio in Germania. Fu la prima  massiccia deportazione di ebrei dall’Italia in Germania (ma centinaia di  ebrei erano stati arrestati a Trieste pochi giorni prima).
L’oro di Roma

Il 26 settembre sembrava che i tedeschi non avessero né  l’intenzione né la capacità di procedere al rastrellamento degli ebrei. Quella sera stessa, però, Kappler convocò a villa Wolkonsky i capi della  comunità ebraica romana, il rabbino capo Ugo Foà e il presidente della  comunità Dante Almansi, e chiese loro di consegnare entro 36 ore 50  chili d’oro, oppure di consegnare 200 capi famiglia come ostaggi.  Durante il processo seguito alla fine della guerra, Kappler spiegò  quella richiesta dicendo che pensava così di mostrare ai suoi superiori  di Berlino che era possibile sfruttare in altro modo gli ebrei di Roma e  quindi di riuscire ad evitare la loro deportazione.
 Quella  notte stessa la comunità ebraica si riunì per discutere cosa fare . La comunità dibatté a lungo, ma alla fine venne presa la decisione di  pagare. Per tutto il 27 settembre ci fu una lunga coda davanti  all’edificio della presidenza della comunità. Vennero donati gioielli,  lingotti, collane, anelli e persino denti d’oro. Alla donazione  parteciparono anche diversi cattolici che, per evitare rappresaglie,  vennero iscritti nei registri senza il loro vero nome e ricevettero  ricevute anonime. Alle 11 di mattina del 28 settembre la raccolta  dell’oro venne terminata e ci furono grida di gioia quando venne  proclamato che in tutto erano stati messi insieme 50 chili e 300 grammi  d’oro. L’oro venne caricato in dieci scatole su un taxi e alcuni  rappresentanti della comunità salirono sull’auto diretti in via Tasso,  dove aveva sede il quartiere generale della Gestapo. Alcuni di loro  raccontarono che fecero i tre chilometri di viaggio con il terrore di  aver sbagliato i conti.
sequestro beni ebrei UnitàIl rastrellamento
Dopo alcune ore di tensione, in cui l’oro venne pesato di  nuovo, il riscatto venne accettato. La comunità ebraica di Roma si sentì  al sicuro: Kappler aveva dato la sua parola, in cambio dell’oro la  comunità non sarebbe stata disturbata. I 50 chili vennero spediti  immediatamente a Berlino. Ma in Germania i comandanti delle SS si erano  accorti che a Roma stavano cercando di ignorare i loro ordini. Il 6  ottobre arrivò a Roma il capitano delle SS Theo Dannecker, un veterano  della “questione ebraica”. Dannecker aveva lavorato nella deportazione  degli ebrei di Parigi nel 1942 ed era stato poi nominato capo delle  operazioni contro gli ebrei in Bulgaria. Dannecker arrivò con un ordine  scritto che imponeva a tutte le autorità di polizia di collaborare con  lui per completare la deportazione nel più breve tempo possibile. La  retata venne preparata su una grande cartina di Roma a villa Wolkonsky.  Gli ebrei, anche quelli che vivevano fuori dal ghetto, erano registrati  dal 1938 (quando il regime fascista aveva approvato le “leggi razziali“)  quindi era facile individuare le loro case sparse per la città. Alcuni  commissari di polizia italiana aiutarono Dannecker nella sua  pianificazione. La mattina del 16 ottobre Dannecker non volle nessun  italiano tra gli uomini che dovevano compiere l’azione: i tedeschi non  si fidavano della reazione della popolazione e nemmeno di quella delle  autorità di polizia. In tutto vennero coinvolti 379 tra soldati e  ufficiali delle SS e della Feldgendarmerie, la polizia militare  dell’esercito tedesco. Un centinaio, accompagnati da pochi camion, erano  destinati al ghetto, il resto doveva raggiungere gli altri ebrei sparsi  per la città.
La data scelta per il rastrellamento fu sabato 16 ottobre, all’alba  del giorno di festa, in modo da trovare il numero più alto possibile di  persone in casa. Alle 5 e un quarto, dopo aver bloccato le vie di  accesso al ghetto, le SS cominciano a bussare alle porte delle varie  case. In ogni casa chiedevano quante persone vi abitassero e poi  consegnavano un bigliettino con alcuni ordini. Le famiglie ebree  dovevano prepararsi a un lungo viaggio, mettere insieme otto giorni di  viveri, prendere con sé gioielli e altri oggetti di valore, chiudere a  chiave le case e presentarsi in strada entro 20 minuti. Molti testimoni  di quella notte raccontarono che erano anni che nessuno aveva in casa  cibo per otto giorni. Chi dopo il tempo assegnato non si fece trovare in  strada venne trascinato a forza fuori dalla propria casa. Mentre il  rastrellamento procedeva, molti uomini corsero a nascondersi nelle  cantine o nelle soffitte. Erano convinti che i tedeschi volessero  soltanto prendere gli uomini abili al lavoro e mandarli a scavare  trincee al fronte. Dopo poco, le grida di donne e bambini li avvertirono  che le SS stavano prelevando tutti. In poche ore e dopo numerosi viaggi  dei pochi camion a disposizione di Dannecker, 1.259 persone vennero  radunate al Collegio Militare di Palazzo Salviati, a Trastevere.
Dopo il 16 ottobre

 
I tedeschi compirono quel giorno i primi controlli tra le  persone radunate al Collegio e poco più di duecento persone vennero  liberate – riconosciuti come cittadini stranieri o non ebrei. I  prigionieri vennero fatti attendere per 30 ore. Poi, intorno alle 14 del  18 ottobre 1943, vennero fatti salire su 18 vagoni di un treno alla  stazione Tiburtina e vennero portati al campo di sterminio di Auschwitz.  Soltanto 15 uomini e una donna riuscirono a ritornare. Nessuno dei 200  bambini catturati quella notte sopravvisse. Dopo la guerra Kappler venne  processato da un tribunale militare italiano e condannato  all’ergastolo. Riuscì ad evadere nel 1977 e morì l’anno dopo in  Germania. Dannecker morì suicida, poco dopo essere stato catturato dagli  alleati nel 1945. Oggi a Roma, la deportazione è stata commemorata da una marcia silenziosa partita da piazza Santa Maria in Trastevere e  che ha raggiunto via Portico d’Ottavia: a ritroso sul percorso che i  camion carichi di deportati compirono per tutta la mattina del 16  ottobre 1943.      



#4 giemme74

giemme74

    Tpx4MI

  • Ambasadiani MI1a
  • StellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStella
  • Messaggi: 4,664

    Medaglie



Inviato 05 July 2014 - 09:49:29


io non darei ulteriore spazio a questo demente... gli è andata male con la delocalizzazione in forma ridicola che proponeva e adesso si butta sull'oro ? mah...



Immagine inviata


#5 XCXC

XCXC

    TpX2MI

  • Ambasadiani MIra
  • StellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStella
  • Messaggi: 17,204

Inviato 05 July 2014 - 20:52:53


ma no dai che e' simpatico :p





Leggono questa discussione 2 utenti

0 utenti, 2 ospiti, 0 utenti anonimi










                                                                                    Effettua i tuoi pagamenti con PayPal.  un sistema rapido, gratuito e sicuro.  



 info@ambasada.it    info@pec.ambasada.it    Telegram.me/Ambasada    iMessage: info@ambasada.it   fax +39 02 45503457  tel +39 02 45071457


ATTENZIONE! per i recapiti dell'Ambasciata della Moldavia a Roma click qui , per il Consolato di Milano click qui , per il Consolato di Padova click qui ATTENZIONE!


Privacy e Cookie Policy / Termini e Regole del Forum