Vai al contenuto

  • Log In with Google      Accedi   
  • Registrati ora!


Risparmia acquistando online! Clicca Qui!
TorinoChisinau MilanoChisinau VeronaChisinau VeneziaChisinau BolognaChisinau RomaChisinau CagliariChisinau


  Moldova-mms.com News dal Regina Pacis Seborganelmondo  



SMMS   a
moldova-mms.com

     VEDI MEGLIO
    
e commenta >>

     SMS     a:   +39 (coming soon)
     MMS   a:   live @ moldova-mms . com



verona - chisinau
Verona Chisinau Verona

- - - - -

Si inietta in vena e permette di fare a meno di respirare anche per 30 minuti.


  • Non puoi aprire una nuova discussione
  • Effettua l'accesso per rispondere
Nessuna risposta in questa discussione

#1 XCXC

XCXC

    TpX2MI

  • Ambasadiani MIra
  • StellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStella
  • Messaggi: 17,020

Inviato 21 July 2012 - 02:41:57


Si inietta in vena e permette di fare a meno di respirare anche per 30 minuti.

017929_470_ossigeno_iniettabile.jpeg

Una siringa contenente microparticelle iniettabili di ossigeno, in   grado di tenere in vita una persona che non è in grado di respirare per   15 o 30 minuti: è questa l'invenzione del dottor John Khier del Children's Hospital di Boston.  

  L'idea gli è venuta sei anni fa, quando una ragazza sua paziente, affetta da polmonite, morì perché i polmoni non erano più in grado di garantire al cervello l'apporto di ossigeno necessario

Utilizzando una procedura nota come sonicazione ha mescolato lipidi   e ossigeno, creando un mix composto da particelle di ossigeno   circondate da un "guscio" esterno di grasso, ciascuna con un diametro   tra i due e i quattro micron.    

  Le particelle sono così piccole da poter passare attraverso i capillari a differenza dell'ossigeno puro che, se iniettato direttamente, formerebbe delle bolle in grado di bloccare il flusso sanguigno provocando un'embolia.  

  Queste particelle, inserite in un vettore liquido, possono invece essere   iniettate in sicurezza nel flusso sanguigno, come gli esperimenti sugli   animali da laboratorio hanno dimostrato, e contengono da tre a quattro   volte il quantitativo di ossigeno trasportato dai globuli rossi: ne è   sufficiente quindi una piccola dose, da calibrare a seconda della   necessità.

  I test hanno dimostrato come questa soluzione permetta di tenere in vita animali con la trachea   bloccata per 15 minuti senza la necessità che questi debbano respirare:   in pochi secondi l'idea del dottor Khier è in grado di riportare i   livelli di ossigeno nella norma.

  «È un sostituto dell'ossigeno a breve termine, un modo per iniettare   ossigeno nei pazienti durante pochi minuti critici. Alla fine, potrebbe   essere conservato in siringhe presenti in ogni carrello per le   emergenze, nelle ambulanze o negli elicotteri del soccorso per aiutare a   stabilizzare i pazienti che hanno difficoltà a respirare» spiega il dottor Khier.

  Questo sistema è definito «a breve termine» perché può essere   utilizzato al posto della normale respirazione al massimo per 15 o 30   minuti; continuare più al lungo sarebbe pericoloso, perché il vettore   liquido sovraccaricherebbe la circolazione sanguigna.  

  Una descrizione particolareggiata dell'iniezione di ossigeno è stata pubblicata su Science Translational Medicine.





Leggono questa discussione 0 utenti

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi










                                                                                    Effettua i tuoi pagamenti con PayPal.  un sistema rapido, gratuito e sicuro.  



 info@ambasada.it    info@pec.ambasada.it    Telegram.me/Ambasada    iMessage: info@ambasada.it   fax +39 02 45503457  tel +39 02 45071457


ATTENZIONE! per i recapiti dell'Ambasciata della Moldavia a Roma click qui , per il Consolato di Milano click qui , per il Consolato di Padova click qui ATTENZIONE!


Privacy e Cookie Policy / Termini e Regole del Forum