Vai al contenuto

  • Log In with Google      Accedi   
  • Registrati ora!


Risparmia acquistando online! Clicca Qui!
TorinoChisinau MilanoChisinau VeronaChisinau VeneziaChisinau BolognaChisinau RomaChisinau CagliariChisinau


  Moldova-mms.com News dal Regina Pacis Seborganelmondo  



SMMS   a
moldova-mms.com

     VEDI MEGLIO
    
e commenta >>

     SMS     a:   +39 (coming soon)
     MMS   a:   live @ moldova-mms . com



verona - chisinau
Verona Chisinau Verona

- - - - -

Con il gas esilarante il bebè si fa ridendo Sperimentazione in un ospedale di Milano


  • Non puoi aprire una nuova discussione
  • Effettua l'accesso per rispondere
Nessuna risposta in questa discussione

#1 XCXC

XCXC

    TpX2MI

  • Ambasadiani MIra
  • StellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStella
  • Messaggi: 17,020

Inviato 04 October 2011 - 23:44:55


Con il gas esilarante il bebè si fa ridendo Sperimentazione in un ospedale di Milano

Partorire con il sorriso sulle labbra. Almeno  all'ospedale Buzzi di Milano, dove da luglio si è iniziato a  sperimentare l'utilizzo del protossido di azoto, meglio noto come gas  esilarante. Riduce il dolore fino al 50 per cento. E rende euforiche le  mamme

Milano
- Urla durante il parto? Meglio una bella risata  tra un respiro e l’altro. D’ora in avanti la vita diventerà più facile  per le mamme. Partoriranno con il sorriso sulle labbra, nel vero senso  della parola e reagiranno meglio ai «forza, signora spinga» delle  ostetriche.

All’ospedale Buzzi di Milano arriva una novità: il protossido di azoto,  meglio noto come gas esilarante. Da luglio è stato utilizzato in via  sperimentale e sembra funzionare. Il «gas delle risate» è in grado di  ridurre il dolore nelle partorienti fino al 50 per cento. Quasi meglio  di un’epidurale. A promuoverne l’utilizzo è Ida Salvo, responsabile del  reparto di Anestesia, rianimazione e terapia intensiva pediatrica  dell’ospedale milanese dei bambini. Lei di bebè ne ha visti nascere a  centinaia e sa bene cosa voglia dire per le mamme contorcersi per le  contrazioni e i dolori.
«Il protossido di azoto è un farmaco antico, già usato dai dentisti  nell’Ottocento - spiega la Salvo - e assolutamente sicuro, che si assume  per inalazione e viene eliminato con il respiro, senza alcun effetto  per fegato e reni». Sostanzialmente le partorienti, dopo una breve  spiegazione, respirano da una particolare mascherina il gas mischiato a  ossigeno a seconda della necessità quando arriva la contrazione e  smettono quando passa.
«Si tratta di un analgesico lieve - continua Salvo - che riduce il  dolore del parto del 40-50 per cento e che potrebbe evitare altre  anestesie. Considerando che solo il 19% degli ospedali italiani offre  l’epidurale, questa può essere una valida ed economica alternativa per  le partorienti e gli ospedali, visto che non necessita dalla presenza di  un anestesista, ma basta solo formare ostetrici e ginecologi. Si può  usare anche nei casi in cui l’anestesia è sconsigliata, o dopo il parto,  quando si mettono i punti». Tra l’altro, durante la sperimentazione si è  visto che il 20 per cento delle donne che hanno respirato il protossido  d’azoto, dopo non hanno più voluto l’anestesia peridurale. Quindi il  gas ha un duplice vantaggio: non è invasivo e costa poco. E quest’ultimo  aspetto non è di poco conto se si pensa che gli ospedali sono chiamati a  mettere a posto i loro bilanci e a tagliare le spese, a cominciare da  quelle per i farmaci, per far fronte alla manovra finanziaria.
Il gas esilarante già da qualche tempo è usato a questo scopo negli  Stati Uniti e Regno Unito. In Italia è usato solo nelle sale operatorie  ma non fuori, per evitare tossicità da esposizione cronica negli  operatori sanitari. Ma con la sperimentazione di questa doppia  mascherina e un particolare sistema di aspirazione del gas, si è visto  che non vi è alcun inquinamento ambientale, e dunque nessun rischio per  gli operatori.
Gli effetti collaterali per le mamme? Una sonora risata, una strana  euforia e un lieve stato di confusione. Qualcuno parla anche di un  blando effetto afrodisiaco. Insomma, conseguenze su cui la maggior parte  delle donne metterebbe la firma, soprattutto dopo travagli di ore e  dolori lancinanti. Non c’è nulla di meglio che accogliere il proprio  bambino con il sorriso. E anche per i papà che assistono alla fatica del  parto tutto sarà un po’ più facile, esilarante di sicuro.





Leggono questa discussione 0 utenti

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi










                                                                                    Effettua i tuoi pagamenti con PayPal.  un sistema rapido, gratuito e sicuro.  



 info@ambasada.it    info@pec.ambasada.it    Telegram.me/Ambasada    iMessage: info@ambasada.it   fax +39 02 45503457  tel +39 02 45071457


ATTENZIONE! per i recapiti dell'Ambasciata della Moldavia a Roma click qui , per il Consolato di Milano click qui , per il Consolato di Padova click qui ATTENZIONE!


Privacy e Cookie Policy / Termini e Regole del Forum