Vai al contenuto

  • Log In with Google      Accedi   
  • Registrati ora!


Risparmia acquistando online! Clicca Qui!
TorinoChisinau MilanoChisinau VeronaChisinau VeneziaChisinau BolognaChisinau RomaChisinau CagliariChisinau


  Moldova-mms.com News dal Regina Pacis Seborganelmondo  



SMMS   a
moldova-mms.com

     VEDI MEGLIO
    
e commenta >>

     SMS     a:   +39 (coming soon)
     MMS   a:   live @ moldova-mms . com




* * * * * 1 voti

Indagare sul business dell'immigrazione clandestina: con la proposta 5 Stelle si può


  • Non puoi aprire una nuova discussione
  • Effettua l'accesso per rispondere
Questa discussione ha avuto 3 risposte

#1 Beppe Grillo

Beppe Grillo

    MI

  • Ambasadiani MI1a
  • StellaStella
  • Messaggi: 254

Inviato 02 May 2017 - 17:00:48




di MoVimento 5 Stelle

ll MoVimento 5 Stelle ha depositato oggi una proposta di legge che consente alle Procure il potere di svolgere efficacemente indagini, rispetto ai reati più gravi che si consumano in mare mediante la possibilità di avvalersi della Polizia Giudiziaria in navi di guardia costiera e navi militari. In sostanza la legge del MoVimento 5 Stelle, che mira a contrastare reati come sfruttamento dell'immigrazione clandestina, associazione a delinquere finalizzata all'agevolazione dell'immigrazione clandestina, tratta dell'immigrazione, terrorismo, traffico internazionale di armi e di droga, concede a chi indaga gli stessi poteri di indagine anche in mare aperto, a ridosso di coste internazionali.

Attualmente le procure hanno le mani legate e si trovano quasi sempre in una situazione di ritardo rispetto ai reati commessi in mare: la presenza di polizia giudiziaria in mare garantirebbe allo Stato italiano un monitoraggio costante e in tempo reale di tutte le attività illecite e, contemporaneamente, aprire un fascicolo di indagine con tutti i poteri che ne conseguono.

Vi sono diverse Procure in Italia che indagano sul business criminale dell'immigrazione clandestina.

Immediatamente dopo la modifica del codice della navigazione, il MoVimento 5 Stelle presenterà proposte di risoluzione finalizzate a garantire, tramite tutte le possibili forme di cooperazione internazionale, che la polizia giudiziaria possa svolgere le proprie funzioni anche su navi straniere impegnate in missioni internazionali sotto la guida italiana.

La proposta del MoVimento 5 Stelle, dunque, serve anche per svelare, oltre alla tratta illecita di persone, anche eventuali altri reati come traffico internazionale di droga, armi, terrorismo, ecc. Una legge che, contrariamente alle politiche restrittive del Governo che sta depotenziando l'uso e le risorse destinate alle intercettazioni e che sta legando le mani agli inquirenti attraverso l'abbreviazione dei tempi per compiere le indagini, riconosce, invece, più poteri e strumenti ai Magistrati che indagano, finalizzati a tutelare lo Stato anche in mare.

Ricordiamo come il business dell'immigrazione ne centri di accoglienza sia stato alimentato negli anni da tutti i partiti di destra e sinistra. Dalla Lega di Salvini, che ha stanziato grazie all'allora Ministro degli Interni Maroni i milioni di euro per la gestione dei campi rom che sono finiti per finanziare Mafia Capitale e che ha firmato nel 2003 il regolamento di Dublino 2, a causa del quale è stato imposto al nostro Paese l'obbligo di accogliere e gestire a spese dei cittadini italiani (nonostante spendiamo già oltre 5 miliardi di euro l'anno)  tutti i migranti approdati in Italia (solo nell'ultimo anno 180 mila), senza possibilità di ripartizione con altri Paesi, passando per il NCD di Alfano che avrebbe gestito il Cara di Mineo per concedere assunzioni in cambio di voti politici, sino al PD travolto proprio dallo scandalo per corruzione in Mafia Capitale, attraverso il coinvolgimento di suoi moltissimi esponenti politici locali e cooperative rosse.

Il MoVimento 5 Stelle è l'unico che dalle parole passa ai fatti.
L'unico che ha come unica priorità, non la propaganda elettorale, ma solo quella di difendere i cittadini e lo Stato da qualsiasi sopruso e abuso.

SABATO 20 MAGGIO MARCIA PER IL REDDITO DI CITTADINANZA PERUGIA ASSISI: SCOPRI TUTTE LE INFO!


Leggi e commenta il post su www.beppegrillo.it




#2 Beppe Grillo

Beppe Grillo

    MI

  • Ambasadiani MI1a
  • StellaStella
  • Messaggi: 254

Inviato 03 May 2017 - 14:30:07


mediterrong.jpg

di MoVimento 5 Stelle Europa

È arrivato il momento di fare chiarezza. Il Parlamento europeo sta discutendo un rapporto sul controllo di bilancio del finanziamento delle ONG. Per la prima volta, una Istituzione chiede al variegato mondo delle ONG trasparenza finanziaria, patrimoniale e del personale. Si chiamano organizzazioni NON governative anche se i fondi governativi arrivano copiosi: 1.2 miliardi di euro l'anno, secondo il rapporto. Denaro dei contribuenti europei che dovrebbe essere utilizzato "in modo esauriente e credibile", ma che invece finisce nelle tasche di poche, fortunate, ONG: "nel 2015 quasi il 60% dei finanziamenti disponibili è stato assegnato soltanto a 20 ONG". A quelle che si occupano di immigrazione sono stati assegnati circa 48 milioni di euro. Presenteremo una interrogazione alla Commissione europea per avere anche i dati relativi al 2016, l'anno di sbarchi boom in Italia.

Il gruppo Efdd - MoVimento 5 Stelle presenterà degli emendamenti per migliorare il testo che chiede più trasparenza a tutte le ONG, non solo quelle impegnate in operazioni di soccorso nel Mar Mediterraneo. Chiederemo di tracciare l'utilizzo dei fondi pubblici, per far luce su "l'opacità e l'incongruenza" della Commissione europea nel finanziamento delle ONG. Chiederemo un sistema unico centralizzato di registrazione e gestione delle sovvenzioni e dichiarazione dello stato patrimoniale e delle remunerazioni dei dirigenti. Lo stesso Vicepresidente della Commissione europea Frans Timmermans, nel suo intervento di mercoledì scorso in plenaria a Bruxelles, ha chiesto più trasparenza.

Per quanto riguarda le ONG impegnate nel Mar Mediterraneo, vogliamo capire se alcune di esse lucrano sul traffico di esseri umani, lavorando nell'illegalità, così come denunciato dal Presidente di Frontex in una intervista a Die Welt e dal procuratore di Catania Carmelo Zuccaro. Noi non vogliamo bloccare i finanziamenti alle organizzazioni che lavorano nella legalità, contro cui non abbiamo nessun preconcetto. Chi salva le vite umane merita rispetto e sostegno. Chiediamo chiarezza su risorse e uso dei soldi pubblici per tutelare tutte quelle organizzazioni che fanno bene il proprio lavoro, addirittura sostituendosi alle incapacità delle Istituzioni europee nel gestire le emergenze.

L'intervento delle ONG nelle acque del Mar Mediterraneo
si concentra su salvataggio, assistenza e soccorso dei migranti, ma per fermare la tratta degli esseri umani, serve la mano "pubblica". Oltre a salvare le vite umane, bisogna individuare e arrestare gli scafisti e questo non è un compito delle ONG, ma delle forze di polizia.

Al Parlamento europeo Socialisti e Verdi hanno chiesto di bloccare la discussione della relazione sulle ONG. Vogliamo sapere il perché. Cosa e chi nascondono? Noi vogliamo trasparenza. Il relatore, il tedesco Markus Pieper, vada avanti in questa operazione di trasparenza sui finanziamenti oltre che sulle loro attività. Troppi politici entrano ed escono dalla porta girevole che porta dal mondo delle politica a quella delle ONG. Sono gli stessi che poi le finanziano con i soldi pubblici.


Leggi e commenta il post su www.beppegrillo.it




#3 Beppe Grillo

Beppe Grillo

    MI

  • Ambasadiani MI1a
  • StellaStella
  • Messaggi: 254

Inviato 04 May 2017 - 13:03:51


seawa.jpg

di MoVimento 5 Stelle

Oggi due importanti quotidiani nazionali (Corriere e Messaggero) pubblicano stralci del rapporto su cui si basa l'indagine della Procura di Catania. Si tratta di un documento riservato di 20 pagine, datato 10 aprile e proveniente ancora una volta dall’agenzia europea Frontex. Il dossier dimostra che il MoVimento 5 Stelle ha ragione: sulle ONG bisogna continuare a indagare e bisogna rispettare e tutelare il lavoro di magistrati coraggiosi come il procuratore di Catania Zuccaro.

"Nel 90 per cento dei salvataggi eseguiti dalle navi delle Organizzazioni non governative nel 2017 - si legge -, le imbarcazioni coinvolte sono state individuate direttamente dalle Ong e soltanto in seguito è stata data comunicazione al centro operativo della Guardia costiera a Roma". Nello stesso documento si riporta un episodio in cui "due mezzi veloci della Golfo Azzurro [nave della ONG Proactiva Open Arms] hanno interferito con la navigazione di un’imbarcazione della Guardia costiera libica che stava rientrando in Libia e hanno convinto l’ufficiale a bordo a trasferire i migranti sul proprio mezzo" per portarli in Italia.

Dopo l'operazione, la Ong in questione "pubblica online le immagini del salvataggio" e "dichiara che i migranti sono stati salvati a 60 chilometri dalla costa", ma "in realtà - si legge ancora nel documento Frontex - l’incidente è avvenuto a 36 chilometri dal litorale libico che si trova a 16 chilometri dalle acque territoriali. Alle 8,10 la Golfo Azzurro dichiara alla sala operativa di Roma di aver preso a bordo 22 migranti. Nessun cenno viene fatto alla presenza della Guardia costiera libica".

Non solo. La Procura di Trapani avrebbe messo sotto inchiesta un'altra Ong aprendo un'indagine per favoreggiamento all'immigrazione clandestina per missione navale "umanitaria" non richiesta. Il sospetto è che un'imbarcazione sarebbe entrata in azione senza un SOS dei potenziali naufraghi o una richiesta di intervento delle autorità italiane.

Questi due episodi confermano una volta per tutte sia le denunce mosse dal procuratore di Catania Carmelo Zuccaro, sia le perplessità sollevate dal MoVimento 5 Stelle sull'argomento. C'è chi, con toni retorici e demagoghi, in questi giorni ha tentato di ridurre il dibattito sulle operazioni in mare ad una mera polemica da bar, tra chi ritiene che le vite debbano essere salvate e chi invece sarebbe pronto a lasciar morire. E' falso, oltre che politicamente strumentale. Ed è questa, forse più di ogni altra cosa, la vera grande speculazione sulla pelle dei migranti, specie perché giunge da chi, come il Pd, predica "pace e amore" e poi, oltre a tagliare ogni anno i fondi alla Cooperazione internazionale (volti a stabilizzare le aree di crisi all'origine dei flussi), annuncia un aumento delle spese militari dell'Italia (fino al 2% del Pil nell'ambito dell'accordo Nato) per una cifra che varia tra i 13 e i 15 miliardi di euro in più ogni anno.

Sono le stesse persone convinte che le guerre si risolvano con altre guerre, le stesse che restano in silenzio di fronte ai bombardamenti dei sauditi in Yemen, effettuati peraltro con le nostre bombe, o che sorvolano di fronte alla "madre di tutte le bombe" (MOAB, l'ordigno non nucleare più potente al mondo) sganciata dagli Usa in Afghanistan, come a testimoniare, ancora una volta, il fallimento di un intervento militare che si protrae ormai da oltre 15 anni.

Noi lezioni di democrazia da questa gente non ne prendiamo. Il dossier di Frontex riportato oggi da alcuni organi di stampa e l'inchiesta aperta dalla Procura di Trapani dimostrano che avevamo ragione noi e che i dubbi del procuratore Zuccaro sono fondati. Sentire che l'intento del M5S sia stato quello di gettare fango su tutte le Ong indiscriminatamente è paradossale: fare luce su coloro che operano all'oscuro e che sono accusati di comportamenti illeciti potrà solo arrecare un beneficio al comparto e a tutte quelle Ong che invece spendono risorse ed energie per fini sociali e umanitari. Se l'alternativa sarebbe dovuta essere il silenzio, noi abbiamo scelto, come sempre, la trasparenza. E ne andiamo fieri.

Oggi qualcuno ci deve delle scuse. A tutto il MoVimento 5 Stelle e in particolare a Luigi Di Maio che è stato vigliaccamente attaccato da tutti i partiti e i media.


Leggi e commenta il post su www.beppegrillo.it




#4 Beppe Grillo

Beppe Grillo

    MI

  • Ambasadiani MI1a
  • StellaStella
  • Messaggi: 254

Inviato 04 May 2017 - 15:14:02


sapfi.jpg

di MoVimento 5 Stelle Europa

Chiediamo chiarezza e chiarezza avremo durante una audizione che abbiamo ottenuto al Parlamento europeo. Ci sono ONG finanziate con fondi europei coinvolte nel traffico di vite umane? La Commissione Controllo di Bilancio ha detto sì alla richiesta del MoVimento 5 Stelle presentata dal portavoce Marco Valli e nelle prossime settimane verranno convocati tutti gli attori coinvolti nel Mar Mediterraneo, comprese le ONG che operano in Italia e Grecia. Quelle che si occupano di immigrazione hanno ricevuto circa 48 milioni di euro nel 2015.

Soccorrere vite umane è un obbligo. Combattere la mafia che si nasconde dietro gli sbarchi pure. Ecco perché vogliamo chiarezza da parte delle ONG. Come denunciato dal procuratore di Catania Carmelo Zuccaro, ieri in Senato, la loro presenza nel Mar Mediterraneo complica le indagini contro gli scafisti: ci sono comunicazioni satellitari e telematiche, movimenti delle navi delle ONG e persino flussi finanziari che devono uscire dall'ombra in cui sono oggi.

Questo è un importante successo politico che rompe il muro di silenzio e omertà che i partiti vogliono far calare sulla vicenda. Infatti, tutti i gruppi politici, tranne il nostro, hanno deciso il rinvio di 8 mesi del rapporto sul controllo di bilancio del finanziamento delle ONG. Si aspettano i dati della Corte dei Conti europea. Il gruppo Efdd non permetterà che questo rapporto venga impantanato perché, per la prima volta, si chiede trasparenza finanziaria, patrimoniale e del personale a tutte le ONG che ricevono soldi dei contribuenti europei. Cosa sta facendo l'Olaf, l'organismo che investiga contro le frodi al bilancio dell'Unione europea? Chi non ha mai fatto nulla di male non teme i controlli.

A Trapani è stata aperta la prima indagine per "favoreggiamento dell'immigrazione clandestina" su una ONG. Il procuratore di Catania Carmelo Zuccaro, ieri in Senato, ha chiesto nuovi e più efficaci strumenti legislativi per rafforzare il la lotta agli scafisti. Il ruolo delle ONG va chiarito. È sbagliato fare di tutta l'erba un fascio: ci sono volontari e organizzazioni che nel Mar Mediterraneo stanno facendo il lavoro che dovrebbe fare l'Europa: salvare vite umane. Tuttavia, bisogna individuare e arrestare gli scafisti e questo non è un compito delle ONG, ma delle forze di polizia.

L'arrivo della Guardia costiera europea non ha risolto il problema degli sbarchi illegali che mettono in pericolo vite umane e arricchiscono bande criminali. Bisogna individuare i trafficanti e colpire le organizzazioni criminali che agiscono con metodi mafiosi e sfruttano la povertà dei migranti per lucrare e far soldi. Questi scafisti sono dei diabolici assassini.


Leggi e commenta il post su www.beppegrillo.it







Leggono questa discussione 0 utenti

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi










                                                                                    Effettua i tuoi pagamenti con PayPal.  un sistema rapido, gratuito e sicuro.  



 info@ambasada.it    info@pec.ambasada.it    Telegram.me/Ambasada    iMessage: info@ambasada.it   fax +39 02 45503457  tel +39 02 45071457


ATTENZIONE! per i recapiti dell'Ambasciata della Moldavia a Roma click qui , per il Consolato di Milano click qui , per il Consolato di Padova click qui ATTENZIONE!


Privacy e Cookie Policy / Termini e Regole del Forum