Vai al contenuto

  • Log In with Google      Accedi   
  • Registrati ora!


Risparmia acquistando online! Clicca Qui!
TorinoChisinau MilanoChisinau VeronaChisinau VeneziaChisinau BolognaChisinau RomaChisinau CagliariChisinau


  Moldova-mms.com News dal Regina Pacis Seborganelmondo  



SMMS   a
moldova-mms.com

     VEDI MEGLIO
    
e commenta >>

     SMS     a:   +39 (coming soon)
     MMS   a:   live @ moldova-mms . com



verona - chisinau
Verona Chisinau Verona

* * * * * 1 voti

Firmare entro il 31 maggio 2016 la proposta di legge di iniziativa popolare “Misure urgenti per la massima tutela del domicilio e per la difesa legittima”


  • Non puoi aprire una nuova discussione
  • Effettua l'accesso per rispondere
Nessuna risposta in questa discussione

#1 XCXC

XCXC

    TpX2MI

  • Ambasadiani MIra
  • StellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStella
  • Messaggi: 17,141

Inviato 20 April 2016 - 19:35:12


Firmare entro il 31 maggio 2016 la proposta di legge di iniziativa popolare, in relazione all'art.71 della Costituzione e dell'art. 48, in relazione all'art. 7, della Legge 25 maggio 1970 n. 352 - pubblicata sulla G.U. n. 40 del 18/02/2016: “Misure urgenti per la massima tutela del domicilio e per la difesa legittima”, promossa da Italia dei Valori.

Una firma per introdurre “Misure urgenti per la massima tutela del domicilio e per la difesa legittima”. L’invito sta girando in questi giorni insistentemente sui social network spesso con poca chiarezza su che cosa sia l’iniziativa che promette di inasprire le pene per i ladri d’appartamento.
Quella che è diventata una catena virale sui social network in questi giorni è in realtà un’iniziativa promossa nel mese di febbraio dal partito dell’Italia dei Valori che ha iniziato una raccolta firme per una proposta di legge di iniziativa popolare con l’obiettivo di inasprire le pene previste da due leggi del codice penale.

LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE

Quella promossa dall’Italia dei Valori è dunque una legge di iniziativa popolare, ovvero quella procedura prevista dalla Costituzione che permette ad un gruppo di cittadini, che abbiano raccolto 50mila firme valide, di presentare un progetto di legge ai presidenti di Camera e Senato affinché questo venga discusso e votato in Parlamento. Perché sia valida la raccolta delle firme deve avvenire in presenza di un autenticatore.

LA PROPOSTA

Nello specifico la proposta di legge presentata dall’Idv, e per la quale sta raccogliendo le firme attraverso i banchetti, mira ad integrare e modificare due articoli del codice penale. Ovvero intende punire più severamente chi si macchia del crimine di violazione del domicilio col raddoppio delle pene escludendo altresì qualsiasi responsabilità per danni subiti da chi volontariamente si è introdotto nelle sfere di privata dimora. Inoltre la proposta di legge vuole accrescere la possibilità di difesa legittima senza incorrere nell’eccesso colposo.

LA PROPOSTA DI LEGGE
 NEL DETTAGLIO


Il testo della proposta è il seguente:
Art. 1
(Modifiche all’articolo 614 del codice penale)
1. All’articolo 614 del codice penale sono apportate le seguenti modifiche:
a) Al primo comma le parole “da sei mesi a tre anni” sono sostituite dalle seguenti ”da uno a sei anni”;
b) Al terzo comma sono aggiunte le seguenti parole:”Ma si procede d’ufficio se il fatto è stato commesso per eseguire un delitto perseguibile d’ufficio”:
c) Al quarto comma le parole “da uno a cinque anni” sono sostituite dalle seguenti “da due a sette anni”;
d) Dopo il quarto comma è inserito il seguente: “Colui che ha posto in essere una condotta prevista dai commi precedenti non può chiedere il risarcimento di qualsivoglia danno subìto in occasione della sua introduzione nei luoghi di cui al primo comma”.

Art. 2
(Modifiche all’articolo 55 del codice penale)

1. All’articolo 55 del codice penale, in fine, è aggiunto il seguente paragrafo: “Non sussiste eccesso colposo in legittima difesa quando la condotta è diretta alla salvaguardia della propria o altrui incolumità o dei beni propri o altrui nei casi previsti dal secondo e dal terzo comma dell’articolo 52”.

---------

Ciao Comunico a tutti coloro che ne siano interessati che presso l'UFFICIO SEGRETERIA o ANAGRAFE del vostro comune di residenza é possibile firmare per un referendum di iniziativa popolare sulla legittima difesa della casa e dei beni. Nella proposta di legge sarà potenziata la tutela della persona che difende la propria casa, i propri beni e i propri cari. La cosa più importante é che viene negato il risarcimento delle eventuali lesioni causate dal ladro o agli eredi in caso di morte. Mi permetto di segnalarlo perché partiti, giornali e televisioni non ne stanno dando assolutamente notizia, pertanto vi prego di firmare e far firmare il maggior numero di persone. C'è tempo fino a metà maggio. Serve solo la.carta di identità in corso di validità ed essere residenti. PASSATE PAROLA ANCHE AD Amici. SI DOVRANNO RECARE PRESSO I LORO COMUNI DI APPARTENENZA
http://www.beppegril...a-popolare.html

--------

PRECISAZIONI TECNICHE SULLA RACCOLTA DI FIRME PER LA LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE PER LA LEGITTIMA DIFESA : COSA FARE SE I COMUNI NON HANNO I MODULI ?


Su suggerimento di alcuni lettori , riprendiamo l’articolo pubblicato il 28 Marzo per fornire alcune utili precisazioni che riguardano la autentica della propria firma ed il tempo utile per la raccolta:

PARMA – La proposta di legge popolare per la tutela della legittima difesa dei cittadini nella loro abitazione è stata presentata alla corte costituzionale per la ratifica da parte della Italia dei Valori.
La proposta vuole sollevare il cittadino dalla minaccia di danno giuridico , morale, economico e sociale per essersi difeso dai delinquenti, ed inasprisce le pene di chi si introduce nella proprietà privata per rubare o rapinare.

ATTENZIONE
Per la validità della adesione è necessario autenticare davanti ad un Funzionario abilitato, in COMUNE ( in molti casi all’Ufficio delibere oppure in segreteria) la propria firma sul modulo che esplicita la volontà del sottoscrittore.
Ci risulta che non tutti i comuni lo abbiano ricevuto.



Il modulo va consegnato al Comune dove si è iscritti nelle liste elettorali.
Il Comune DEVE PREVENTIVAMENTE VIDIMARLO, e successivamente metterlo a disposizione del pubblico. Gli interesati dovranno firmare DAVANTI al funzionario.

Se il comune non garantisce di rispedire i moduli, fatelo Voi, ritirandolo ed inviandolo con raccomandata RR alla sede della IDV ( Italia dei Valori, promotrice della iniziativa) Via Santa Maria in via, 22- 00187 ROMA

DATA SUGGERITA PER LA RISPEDIZIONE : 15 MAGGIO ( IL 31 MAGGIO SCADE A ROMA)


----------

File allegato  4no_Proposta_Legge_LEGITTIMA_DIFESA_v3_SENZA_CROCINI.pdf   344.64K   50 Download





Leggono questa discussione 0 utenti

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi










                                                                                    Effettua i tuoi pagamenti con PayPal.  un sistema rapido, gratuito e sicuro.  



 info@ambasada.it    info@pec.ambasada.it    Telegram.me/Ambasada    iMessage: info@ambasada.it   fax +39 02 45503457  tel +39 02 45071457


ATTENZIONE! per i recapiti dell'Ambasciata della Moldavia a Roma click qui , per il Consolato di Milano click qui , per il Consolato di Padova click qui ATTENZIONE!


Privacy e Cookie Policy / Termini e Regole del Forum