Vai al contenuto

  • Log In with Google      Accedi   
  • Registrati ora!


Risparmia acquistando online! Clicca Qui!
TorinoChisinau MilanoChisinau VeronaChisinau VeneziaChisinau BolognaChisinau RomaChisinau CagliariChisinau


  Moldova-mms.com News dal Regina Pacis Seborganelmondo  



SMMS   a
moldova-mms.com

     VEDI MEGLIO
    
e commenta >>

     SMS     a:   +39 (coming soon)
     MMS   a:   live @ moldova-mms . com



verona - chisinau
Verona Chisinau Verona

* * * * * 1 voti

MEMORIE DI UN CONCIERGE - I SEGRETI DEGLI HOTEL VISTI DAL BANCO DELLA RECEPTION: “CHI PRENOTA ONLINE, VIENE TRATTATO PEGGIO. LE MANCE? SI DANNO QUANDO SI ARRIVA IN HOTEL” – ATTENTI AL FRIGO-BAR


  • Non puoi aprire una nuova discussione
  • Effettua l'accesso per rispondere
Questa discussione ha avuto 4 risposte

#1 XCXC

XCXC

    TpX2MI

  • Ambasadiani MIra
  • StellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStella
  • Messaggi: 17,162

Inviato 24 October 2014 - 01:29:12


MEMORIE DI UN CONCIERGE

- I SEGRETI DEGLI HOTEL VISTI DAL BANCO DELLA RECEPTION: “CHI PRENOTA ONLINE, VIENE TRATTATO PEGGIO. LE MANCE? SI DANNO QUANDO SI ARRIVA IN HOTEL”

- ATTENTI AL FRIGO-BAR

“Le mance bisogna darle all’arrivo e bisogna farlo come se da questo dipendesse la propria vita. Venti dollari consegnati discretamente a chi ti riceve al bancone bastano a conquistare l’intera reception. Ottenere una camera migliore dipende solo da come si è trattato al proprio arrivo il personale dell’albergo”…

Immagine inviata

Vittorio Sabadin per “la Stampa”

Immagine inviata
IL LIBRO “HEADS IN BED” DI JACOB TOMSKY

Jacob Tomsky ha lavorato alla reception di molti alberghi a New Orleans e a New York e ora ha scritto un libro, «Heads in Bed», per spiegare a tutti perché a volte ci tocca una bella camera e altre volte no. Tomsky prima di tutto rivela che non dipende dal numero di stanze già occupate; dipende solo da come i clienti trattano il personale dell’albergo.

Chi sta alla reception ha il potere di consegnare la chiave della camera. Ma può anche decidere se la qualità del soggiorno di chi l’ha prenotata sarà al di sotto o al di sopra della media senza violare nessuna regola, ma semplicemente usando l’ampio margine di arbitrio di cui dispone.

Tomsky poi cerca di spiegare nel suo libro come ragionano le persone che stanno dietro al front desk nello stabilire come trattare un cliente. Quando arriviamo in albergo, infatti, non tutti siamo uguali. La prima distinzione, ad esempio, viene fatta sulla base della prenotazione. Chi ha riservato la camera attraverso un sito web che offre prezzi scontati o vantaggiose offerte last minute, non può aspettarsi granché: avrà solo quello che ha pagato, cioè una piccola camera vicino all’ascensore con le finestre che danno sul cortile.

Immagine inviata
JACOB TOMSKY

Questo tipo di cliente decide all’ultimo momento e difficilmente tornerà un’altra volta nello stesso albergo. La camera migliore andrà invece a chi ha prenotato attraverso il sito dell’hotel, segnalando quindi una disponibilità alla fedeltà che va incoraggiata.
Tutti sanno che è meglio non litigare mai con il cameriere di un ristorante prima di avere pagato il conto, e Tomsky suggerisce di trattare sempre molto bene il personale della reception, anche quando si deve protestare per qualcosa.

La colpa non è mai delle persone che stanno al front desk, ma il potere di risolvere o no il problema ce l’hanno loro. Quando si telefona per dire che l’asciugacapelli del bagno non funziona più, bisogna essere collaborativi, suggerire una soluzione, chiedere con chi si deve parlare. Ricordare i nomi di battesimo degli addetti alla reception è il massimo della cortesia: il nuovo phon arriverà in pochi minuti invece che in mezz’ora.

Immagine inviata
JACOB TOMSKY

Un altro errore che compiono quasi tutti i clienti degli alberghi è di lasciare una mancia quando se ne vanno. Le mance vanno invece date all’arrivo e bisogna farlo come se da questo – scrive Tomsky – dipendesse la propria vita. Venti dollari consegnati discretamente a chi ti riceve al bancone bastano a conquistare l’intera reception. Le camere non sono tutte uguali, anche quelle che hanno la stessa tariffa. Alcune sono un po’ più grandi, altre offrono un bel panorama, altre hanno in bagno due lavandini invece di uno. Ottenerle dipende solo da come si è trattato al proprio arrivo il personale dell’albergo.

Immagine inviata
JACOB TOMSKY

In un hotel di qualità, si legge nel libro, il costo giornaliero di una camera è di circa 40 dollari, 31 euro. Questo costo comprende il lavaggio delle lenzuola, la pulizia, lo stipendio della cameriera e della persona che rifornisce il minibar, i detersivi e l’energia elettrica. Viste le tariffe delle camere, i margini di guadagno dovrebbero essere molto elevati. Tomsky invita quindi tutti a non sentirsi in imbarazzo nel far valere le proprie ragioni sul conto del mini-bar.


Immagine inviata
COPERTINA DEL LIBRO HEADS IN BED

La gestione del frigo di una stanza è così caotica che è impossibile ricostruirla. Il rifornimento a volte è incompleto, a volte raddoppia per sbaglio alcuni articoli. Capita anche che i clienti precedenti abbiano bevuto una bottiglia di whisky rimettendola poi a posto, tappata e vuota. Fare verifiche è macchinoso e richiede troppo tempo, e basta dire alla reception «Io non ho bevuto quella roba», per vedersela - assicura - quasi sempre cancellata dal conto.
Immagine inviata


#2 giemme74

giemme74

    Tpx4MI

  • Ambasadiani MI1a
  • StellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStella
  • Messaggi: 4,650

    Medaglie



Inviato 24 October 2014 - 10:48:47


in Italia si è persa l'abitudine alla mancia, mentre si è diffusa la convinzione che i propri 10 euro valgano per 20, mentre i 10 euro degli altri valgano 5... da li tutta una distorsione dei rapporti interpersonali e commerciali causati dall'arroganza del cliente che pretende sempre di più ma volendo spendere sempre di meno...



Immagine inviata


#3 moldsport

moldsport

    TpMI

  • Ambasadiani MI1e
  • StellaStellaStellaStella
  • Messaggi: 1,064

Inviato 24 October 2014 - 12:12:07


Visualizza messaggioXCXC, su 24 October 2014 - 01:29:12, dice:

Capita anche che i clienti precedenti abbiano bevuto una bottiglia di whisky rimettendola poi a posto, tappata e vuota.
Immagine inviata

A me è capitato proprio sabato scorso a Monaco di Baviera!

Un qualche spilorcio ha pensato bene di aprirsi una bottiglietta di champagne e di farsi due arachidi a sbafo Immagine inviata

Siccome avevo acquistato in aeroporto un paio di cose da tenere in frigo

ho notato la cosa non appena presa la camera.

Il tipo della reception ha detto che capita spessissimo

al check-out in molti dicono di non avere consumazioni

ma

avendo l'hotel la "strisciata" fatta con la carta di credito del cliente al momento del check-in,

hanno addebitato il tutto (mi pare una ventina di euro) al taccagno di turno.

Non solo spilorcio quel tipo.... ma anche idiota :lol:



Tutto spento...pilota contento, tutto acceso...pilota un po' teso.
http://flyone.aero/

#4 andy

andy

    MI

  • Ambasadiani MI1e
  • StellaStella
  • Messaggi: 420

Inviato 24 October 2014 - 17:42:08


Personalmente ritengo che a partire da una certa categoria di prezzo il contenuto del frigo-bar dovrebbe essere compreso nel prezzo della camera. Poi se si vogliono degli extra giustamente si pagano a parte.

A gennaio sono stato in un albergo non sò se 5 stelle o 4 lusso a Napoli. Niente da dire, la camera valeva il prezzo. Però per potersi connettere a internet volevano 20 euro al giorno ed oltrettutto la connessione era lentissima. Questa la trovo un'esagerazione.


#5 giemme74

giemme74

    Tpx4MI

  • Ambasadiani MI1a
  • StellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStella
  • Messaggi: 4,650

    Medaglie



Inviato 25 October 2014 - 17:45:55


Visualizza messaggiogiemme74, su 24 October 2014 - 10:48:47, dice:

arroganza del cliente che pretende sempre di più ma volendo spendere sempre di meno...

Visualizza messaggioandy, su 24 October 2014 - 17:42:08, dice:

ritengo che a partire da una certa categoria di prezzo il contenuto del frigo-bar dovrebbe essere compreso nel prezzo della camera.

ecco, appunto...

e chi non consuma dal frigobar ? è lo scemo che paga anche per quello che si ingozzza con ogni bottiglietta o pacchetto di noccioline che trova ? senza contare quelli che si riempirebbero la valigia con il contenuto del frigobar, almeno il 70/80% della clientela...



Immagine inviata





Leggono questa discussione 1 utenti

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi










                                                                                    Effettua i tuoi pagamenti con PayPal.  un sistema rapido, gratuito e sicuro.  



 info@ambasada.it    info@pec.ambasada.it    Telegram.me/Ambasada    iMessage: info@ambasada.it   fax +39 02 45503457  tel +39 02 45071457


ATTENZIONE! per i recapiti dell'Ambasciata della Moldavia a Roma click qui , per il Consolato di Milano click qui , per il Consolato di Padova click qui ATTENZIONE!


Privacy e Cookie Policy / Termini e Regole del Forum