Vai al contenuto

  • Log In with Google      Accedi   
  • Registrati ora!


Risparmia acquistando online! Clicca Qui!
TorinoChisinau MilanoChisinau VeronaChisinau VeneziaChisinau BolognaChisinau RomaChisinau CagliariChisinau


  Moldova-mms.com News dal Regina Pacis Seborganelmondo  



SMMS   a
moldova-mms.com

     VEDI MEGLIO
    
e commenta >>

     SMS     a:   +39 (coming soon)
     MMS   a:   live @ moldova-mms . com




* * * * * 1 voti

TI IMPALO ALLA TURCA PER DRACULA - TROVATA SULLE RIVE DEL MAR NERO, LA CELLA IN CUI VERSO LA METÀ DEL 1400 FU DETENUTO DAGLI OTTOMANI VLADES III DETTO “TEPES” (OVVERO “L’IMPALATORE”), PERCHÉ AMAVA FAR IMPALARE NEMICI E BANDITI

dracula

  • Non puoi aprire una nuova discussione
  • Effettua l'accesso per rispondere
Nessuna risposta in questa discussione

#1 XCXC

XCXC

    TpX2MI

  • Ambasadiani MIra
  • StellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStella
  • Messaggi: 17,218

Inviato 15 September 2014 - 20:35:31


IL MIO EROE :)


-----------



Immagine inviata


14 set 2014 11:06
TI IMPALO ALLA TURCA PER DRACULA - TROVATA SULLE RIVE DEL MAR NERO, LA CELLA IN CUI VERSO LA METÀ DEL 1400 FU DETENUTO DAGLI OTTOMANI VLADES III DETTO “TEPES” (OVVERO “L’IMPALATORE”), PERCHÉ AMAVA FAR IMPALARE NEMICI E BANDITI

Il principe transilvano (1431-1476) avrebbe trascorso da giovane quasi dieci anni prigioniero dei turchi. Sembra che Vlad abbia imparato molte cose dai suoi carcerieri che gli furono molto utili poi sul trono di Valacchia: studiò con particolare attenzione le tecniche di tortura usate dai turchi e si innamorò dell’impalamento…

Immagine inviata



Immagine inviata
young dracula di warhol e morissey

Un posto “completamente circondato da tunnel segreti e molto misterioso”, racconta l’archeologo turco Ibrahim Cetin, lo scopritore della “prigione di Dracula”. Una scoperta degna della leggenda di Vlad III l’Impalatore, il nobile transilvano diventato una star mondiale grazie allo scrittore Bram Stoker.

Immagine inviata
suarez dracula

Cetin ha annunciato di avere trovato sotto il castello selgiudico di Tokat, sulle rive del Mar Nero, la cella in cui verso la metà del 1400 fu detenuto dagli ottomani il terrificante principe della Valacchia. Il team di archeologi da lui diretto ha scovato sotto il castello una rete di cunicoli, una specie di “bunker” militare, e due celle segrete, nelle quali sarebbe stato rinchiuso dopo essere stato catturato dai nemici ottomani, Vlades III detto “tepes” (ovvero “l’impalatore”), perché amava far impalare nemici e banditi.

Immagine inviata
dracula sepolto a napoli 8

L’uomo, secondo la leggenda, era anche chiamato “Dracula” o “Draculea”, “figlio del drago” in rumeno. Un nomignolo sotto il quale il truce guerriero transilvano ha ispirato il celebre vampiro creato da Stoker, che doveva al padre Vlad II, cavaliere dell’Ordine del Drago fondato dall’imperatore Sigismondo per difendere l’Occidente cristiano dall’avanzata dei turchi.

Immagine inviata
vlad tepes conte dracula

Secondo alcune ricostruzioni storiche il principe transilvano (1431-1476), strenuo difensore dell’Occidente contro le invasioni dell’impero ottomano, avrebbe trascorso da giovane quasi dieci anni prigioniero dei turchi. Cetin ha detto a Hurriyet, uno dei principali giornali turchi, di essere convinto di avere trovato il luogo in cui Dracula fu tenuto prigioniero.

Immagine inviata
young dracula di warhol e morissey

“Ma è difficile dire in quale cella” esattamente vivesse, ammette. Sembra che Vlad abbia imparato molte cose dai suoi carcerieri che gli furono molto utili poi sul trono di Valacchia: studiò con particolare attenzione le tecniche di tortura usate dai turchi e si innamorò dell’impalamento.


Immagine inviata
fracchia contro dracula

Immagine inviata
STRACULT DRACULA CONTRO ZOMBIE jpeg

Immagine inviata
DRACULA ED jpeg

Immagine inviata
dracula sepolto a napoli 9

Tornato a casa, si ritiene verso la metà del 1400, lo applicò con tale entusiasmo ai nemici da guadagnarsi il soprannome di “tepes“, l’impalatore appunto. La scoperta della sua prigione potrebbe ora portare ossigeno turistico a Tokat, città di 130mila abitanti nella Turchia europea. C’è chi pensa già a un museo di Dracula, magari a un percorso dell’impalatore, sfruttando la tuttora immensa popolarità del sanguinario principe transilvano.
Immagine inviata
FOTOGALLERY

Immagine inviata Immagine inviata Immagine inviata Immagine inviata Immagine inviata Immagine inviata Immagine inviata Immagine inviata Immagine inviata Immagine inviata Immagine inviata Immagine inviata Immagine inviata Immagine inviata Immagine inviata






Leggono questa discussione 0 utenti

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi










                                                                                    Effettua i tuoi pagamenti con PayPal.  un sistema rapido, gratuito e sicuro.  



 info@ambasada.it    info@pec.ambasada.it    Telegram.me/Ambasada    iMessage: info@ambasada.it   fax +39 02 45503457  tel +39 02 45071457


ATTENZIONE! per i recapiti dell'Ambasciata della Moldavia a Roma click qui , per il Consolato di Milano click qui , per il Consolato di Padova click qui ATTENZIONE!


Privacy e Cookie Policy / Termini e Regole del Forum