Vai al contenuto

  • Log In with Google      Accedi   
  • Registrati ora!


Risparmia acquistando online! Clicca Qui!
TorinoChisinau MilanoChisinau VeronaChisinau VeneziaChisinau BolognaChisinau RomaChisinau CagliariChisinau


  Moldova-mms.com News dal Regina Pacis Seborganelmondo  



SMMS   a
moldova-mms.com

     VEDI MEGLIO
    
e commenta >>

     SMS     a:   +39 (coming soon)
     MMS   a:   live @ moldova-mms . com




- - - - -

Lavoro nero e sfruttamento di immigrati


  • Non puoi aprire una nuova discussione
  • Effettua l'accesso per rispondere
Nessuna risposta in questa discussione

#1 sergio3

sergio3

    TpXMI

  • Ambasadiani MI1ax
  • StellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStella
  • Messaggi: 10,426
    Località:INSUBRIA -PADANIA
    Interessi: TUTTO

    Medaglie




Inviato 26 April 2010 - 16:33:19


News > Cronaca > Lavoro nero e sfruttamento di immigrati, in carcere i caporali di Rosarno  Operazione congiunta di Polizia, Carabinieri e Guardia di Finanza Lavoro nero e sfruttamento di immigrati, in carcere i caporali di Rosarno
Reggio Calabria, 26 apr. (Adnkronos/Ign) - Duro colpo al caporalato nel reggino. In un'operazione congiunta di Polizia, Carabinieri e Guardia di Finanza, denominata 'Migrantes', a Rosarno sono stati eseguiti 31 provvedimenti cautelari (tra arresti in carcere e ai domiciliari, obblighi di dimora) nei confronti di altrettante persone accusate di associazione per delinquere finalizzata all'immigrazione clandestina, violazione della normativa prevista nella legislazione del lavoro subordinato, truffa agli enti pubblici. Tra gli arrestati figurano sia italiani che stranieri, finiti in manette grazie alla collaborazione di una quindicina di stranieri, nei confronti dei quali è stata avanzata una richiesta di permesso di soggiorno per motivi speciali.

L'indagine, coordinata dalla procura della Repubblica di Palmi, ha fatto luce sulle storie di caporalato e illegalità diffusa che da anni si sono succedute nella Piana di Gioia Tauro ed ha avuto un input importante dopo la rivolta di Rosarno a gennaio scorso.

Contemporaneamente all'esecuzione dell'ordinanza di custodia cautelare sono stati sequestrati beni per 10 milioni di euro. Gli investigatori hanno messo i sigilli a venti aziende, di cui cinque cooperative, e sequestrato 200 terreni dove venivano sfruttati gli extracomunitari.

Tre euro per essere portati sul luogo di lavoro a bordo dei furgoncini era il prezzo che gli immigrati dovevano pagare ai caporali per andare a raccogliere arance. Tre euro che dovevano essere scomputati dai 25 euro di paga giornaliera per turni massacranti di lavoro, dall'alba al tramonto, a fronte dei 38 euro di tariffa sindacale, che gli imprenditori agricoli davano loro.

Le posizioni degli indagati sono state distinte: delle 31 ordinanze di custodia cautelare nove in carcere riguardano stranieri che sfruttavano i connazionali, e 21 sono italiani posti agli arresti domiciliari, vale a dire i proprietari dei terreni e gli imprenditori agricoli che facevano lavorare gli extracomunitari in condizioni pessime. Un altro italiano è stato sottoposto all'obbligo di dimora nel comune di residenza. Uno degli immigrati finiti in manette è stato arrestato a Casal di Principe; potrebbe dunque sussistere un forte legame tra i fatti emersi nell'operazione 'Migrantes' e le dinamiche del casertano.

"I provvedimenti giudiziari rivolti a perseguire i reati commessi da datori di lavoro e 'caporali' in violazione dei diritti fondamentali del lavoro si iscrivono nella più ampia iniziativa di contrasto del lavoro nero in agricoltura che interessa non solo la Regione Calabria ma anche le Regioni Campania e Puglia" ha detto il ministro del Lavoro e delle politiche sociali, Maurizio Sacconi.

Le tensioni esplose a Rosarno, spiega il ministro, "hanno peraltro solo intensificato una linea adottata sin dall'inizio dell'attività di governo e rivolta a dare assoluta priorità nelle funzioni ispettive alle violazioni più gravi, a partire da quelle che negano con l'impiego di lavoro sommerso tutti i più elementari diritti o determinano con il 'caporalato' odiose forme di sfruttamento del lavoro".

Il ministro della Giustizia, Angelino Alfano, ha sottolineato in una nota che l'operazione di oggi ''dimostra che la strada intrapresa dal governo per riaffermare la presenza dello Stato in Calabria è quella giusta".

"I fatti di questa mattina confermano una preoccupazione che c'era e danno forza e ragione alla nostra scelta di celebrare a Rosarno il primo maggio" ha dichiarato Guglielmo Epifani, a margine della presentazione del 16° congresso nazionale della Cgil. "Ci sono altre situazioni come Rosarno - ha sottolineato Epifani - in ogni caso dove non c'è legalità, non c'è rispetto del lavoro".

Ieri, intanto, a Rosarno un carabiniere è rimasto ferito a una mano mentre sedava una rissa. Lo ha rivelato il questore di Reggio Calabria, Carmelo Casabona durante la conferenza stampa tenuta in questura per illustrare i dettagli dell'operazione. Nella rissa, scoppiata tra rosarnesi e bulgari, è stata usata una pistola ad aria compressa



Io non mi sento italiano, voglio resistere e insorgere





Leggono questa discussione 0 utenti

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi










                                                                                    Effettua i tuoi pagamenti con PayPal.  un sistema rapido, gratuito e sicuro.  



 info@ambasada.it    info@pec.ambasada.it    Telegram.me/Ambasada    iMessage: info@ambasada.it   fax +39 02 45503457  tel +39 02 45071457


ATTENZIONE! per i recapiti dell'Ambasciata della Moldavia a Roma click qui , per il Consolato di Milano click qui , per il Consolato di Padova click qui ATTENZIONE!


Privacy e Cookie Policy / Termini e Regole del Forum