Vai al contenuto

  • Log In with Google      Accedi   
  • Registrati ora!


Risparmia acquistando online! Clicca Qui!
TorinoChisinau MilanoChisinau VeronaChisinau VeneziaChisinau BolognaChisinau RomaChisinau CagliariChisinau


  Moldova-mms.com News dal Regina Pacis Seborganelmondo  



SMMS   a
moldova-mms.com

     VEDI MEGLIO
    
e commenta >>

     SMS     a:   +39 (coming soon)
     MMS   a:   live @ moldova-mms . com




- - - - -

Vulcano Islanda, verso chiusura Malpensa


  • Non puoi aprire una nuova discussione
  • Effettua l'accesso per rispondere
Questa discussione ha avuto 7 risposte

#1 sergio3

sergio3

    TpXMI

  • Ambasadiani MI1ax
  • StellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStella
  • Messaggi: 10,426
    Località:INSUBRIA -PADANIA
    Interessi: TUTTO

    Medaglie




Inviato 16 April 2010 - 19:42:14


ANSA.it > Mondo > News
Vulcano Islanda, verso chiusura Malpensa
La sala operativa di Eurocontrol, mai vista cosa simile nel settore aereo
16 aprile, 19:40

Islanda:nube s'avvicina a Italia
  
Enac, ecco i diritti dei passeggeriDALL'ISLANDA, IL RACCONTO DELL'INVIATO MARCELLO CAMPOA rischio i funerali del presidente polacco KaczynskiPhotostory: Le immagini della nube dal satellitePhotostory: Milioni di passeggeri bloccati, bivacco negli scaliPhotostory: Vulcano islandese, nuvole di cenereApprofondimenti


ROMA - "La situazione per gli aeroporti in Italia è dinamica, in evoluzione, abbiamo fatto a Roma la riunione con l'Enac, l'Aeronautica Militare e le altre strutture di servizio per la gestione del traffico aeroportuale: probabilmente stasera chiude l'aeroporto di Bolzano e domani probabilmente anche l'aeroporto di Malpensa". Lo ha annunciato il sottosegretario alla Protezione Civile, Guido Bertolaso, a margine del sopralluogo sulla frana di Montaguto, a proposito dei problemi creati anche in Italia dall'eruzione del vulcano in Islanda.



Rispondendo alle domande dei giornalisti, Bertolaso ha rilevato che "questa problematica che ha già paralizzato gran parte dell'Europa, comincia ad allargarsi verso l'Italia". "Noi - ha aggiunto - non possiamo fare molto, non possiamo evitare la cenere vulcanica nell'atmosfera, quindi dobbiamo semplicemente seguire l'evoluzione del comportamento del vulcano in Islanda, seguire le correnti e aspettare che questo fenomeno si esauriscà". "Qui comanda Madre Natura - ha detto ancora - e nessun altro si può sostituire a Madre Natura che decide quello che deve essere il destino del traffico aereo nei prossimi giorni e nelle prossime settimane: si naviga a vista".

LA SITUAZIONE IN EUROPA
ISLANDA: paradossalmente, nessun problema è segnalato per gli aeroporti del Paese, risparmiato dalla nuvola grazie alla
direzione dei venti.
GRAN BRETAGNA - Spazi aerei inglese e gallese chiusi fino alle 08:00 ora italiana di domani. Voli limitati dalla Scozia e
dall'Irlanda del Nord.
FRANCIA - Rimangono chiusi fino alle 08:00 di domani gli aeroporti nel nord del Paese, compresi quelli di Parigi.
GERMANIA - Prevista da stasera la chiusura di tutti gli aeroporti, compreso quello di Francoforte, il terzo d'Europa.  
Chiusa anche per i prossimi due giorni la base americana di Ramstein, il più importante aeroporto militare europeo, dal
quale decollano con regolarità voli diretti, tra l'altro, in Afghanistan e Iraq.
POLONIA - Chiuso l'intero spazio aereo. Chiuso dunque anche l'aeroporto di Cracovia, nel sud, dove domenica sono attese 80
delegazioni straniere per i funerali del presidente Lech Kaczynski.  
SVIZZERA - Prevista chiusura a partire dalla mezzanotte di tutto lo spazio aereo fino a sabato mattina.
AUSTRIA - Chiusura progressiva da stasera di tutto lo spazio aereo, che dovrebbe durare fino a domani.
BELGIO, OLANDA, DANIMARCA, FINLANDIA, ESTONIA, LETTONIA,  REPUBBLICA CECA, SLOVACCHIA E UNGHERIA - Spazi aerei chiusi fino almeno a domani mattina.  
NORVEGIA E SVEZIA - operativi solo alcuni voli interni

ROMANIA - Chiuso lo spazio aereo sul nord-ovest del Paese.  
RUSSIA - Per ora nessuna chiusura di spazio aereo o aeroporti.

''PEGGIO DELL'11 SETTEMBRE'' - La sala operativa di Eurocontrol, l'organismo che raccoglie 40 paesi europei, UE e non, per garantirne la sicurezza aerea, è incredibilmente tranquilla malgrado debba gestire una crisi senza precedenti. I telefoni squillano poco, gli operatori parlano a bassa voce e guardano piuttosto sconsolati i monitor che rivelando una Europa letteralmente tagliata in due dalla grande nuvola. La gigantesca massa di cenere, che sta raggiungendo un'altezza di 10 km, si sta muovendo verso sud est e ora lambisce le Alpi. Al di sopra di questa linea gotica vulcanica, l'Europa è blu e vuota. Al di sotto è attraversata da una miriade di piccole tracce, rosse gialle e verdi, che indicano in tempo reale gli spostamenti dei voli. Il bacino del mediterraneo sembra è tutto un ribollire di colori rispetto al vuoto del centro e nord Europa, anche se il monitor che mostra le previsioni dello spostamento della nuvola indicano che per domani mattina lambirà il nord dell'Italia. Il black out dei voli interessa dieci dei 40 paesi che aderiscono a Eurocontrol, ma rappresentano il 50% di tutto il traffico aereo europeo.

"E' la peggiore emergenza che abbiamo visto. In confronto l'11 settembre non è stato un grosso problema", spiega Giovanni Lenti, uno degli operatori da ieri impegnati a fronteggiare l'emergenza vulcano. "Noi siamo scelti per mantenere la calma, ma certo non possiamo dire che sia 'business as usual'", ammette commentando l'atmosfera concentrata e silenziosa, che regna nella sala operativa di Eurocontrol. A metà pomeriggio i voli effettuati sono stati 10.119 rispetto ai 29.500 previsti per oggi. Una ecatombe che potrebbe continuare ancora per tempi non prevedibili. I metereologi riescono a fare previsioni solo per le prossime 24 ore e l'unica certezza a Eurocontrol è che la sicurezza dei passeggeri non può essere messa in discussione e che le misure di blocco dei cieli saranno in piedi fino a quando dal vulcano continueranno ad arrivare colonne di cenere. "Pensare che ci eravamo preparati. Avevamo fatto delle simulazioni recentemente proprio nel caso ci fosse stata l'eruzione di un vulcano in Islanda, ma questa è una situazione completamente nuova per noi", confessa Joe Sultana, uno dei dirigenti di Eurocontrol. "E' una situazione senza precedenti", ripete quasi incredulo.

CENERI MOLTO PIU' SOTTILI DEL PREVISTO - Intanto si apprende che le ceneri del vulcano Eyjafjallajokull sono molto più sottili del previsto e il magma è molto più viscoso, tanto da rendere l'attività del vulcano più esplosiva. E' quanto emerge dalle prime analisi fatte dall'università islandese di Reykjavik, rese note dal geofisico Mike Burton, dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv). Da Eurocontrol, l'organismo della sicurezza aerea europeo, non arrivano notizie incoraggianti: le previsioni sono che il blocco dei cieli durerà altre 24 ore, tenendo in scacco complessivamente sei milioni di passeggeri in tutto il mondo, se il blocco dovesse durare tre giorni, secondo le proiezioni del Center for Asia Pacific Aviation (Capa). Oggi, secondo i calcoli di Eurocontrol, dovrebbero essere assicurati 11.000 voli in Europa contro i 28.000 dei giorni normali, mentre dei trecento voli previsti dagli Usa verso l'Europa ne dovrebbe partire solo un terzo, circa 100-120. Lo spostamento verso oriente della mega nuvola sta facendo rifiatare alcuni scali, come quello di Dublino. La Norvegia ha deciso di riaprire una parte del suo spazio aereo come la Svezia.

Oltre alla Gran Bretagna, alla Danimarca, all'Olanda e al Belgio che manterranno chiuso il loro spazio aereo almeno per tutta la giornata di oggi e alla Francia dove il parigino Charles de Gaulle non sarà accessibile fino a stasera, il black out dei voli ha ormai colpito centri nevralgici come Francoforte che ha chiuso insieme ad altri 12 scali tedeschi. A vietare il sorvolo oggi anche Austria, Paesi baltici, l'aeroporto di Praga ha deciso di sospendere le attività. E la nuvola comincia a lambire Mosca. Lo stop ai voli europei ha già colpito la riunione dei ministri economici Ue a Madrid e non è escluso che possa mettere a rischio i funerali solenni del presidente polacco Lech Kaczynski, previsti per domenica a Cracovia alla presenza di numerose delegazioni straniere.



Io non mi sento italiano, voglio resistere e insorgere


#2 sergio3

sergio3

    TpXMI

  • Ambasadiani MI1ax
  • StellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStella
  • Messaggi: 10,426
    Località:INSUBRIA -PADANIA
    Interessi: TUTTO

    Medaglie




Inviato 17 April 2010 - 07:53:17


Nessun aereo per aria--silenzio assoluto--

???

Mahhhh, c'è un magnifico sole e un cielo limpido --Ore 08.50-- del 17/04/20010

:)



Io non mi sento italiano, voglio resistere e insorgere


#3 begliocchi_78

begliocchi_78

    Nb

  • Ambasadiani MI1e
  • Stella
  • Messaggi: 23

Inviato 17 April 2010 - 14:26:15


Oggi anche il volo Air Moldova è stato cancellato...


#4 sergio3

sergio3

    TpXMI

  • Ambasadiani MI1ax
  • StellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStella
  • Messaggi: 10,426
    Località:INSUBRIA -PADANIA
    Interessi: TUTTO

    Medaglie




Inviato 17 April 2010 - 18:06:34


Adesso si va alla chiusura aeroporti del Nord fino a lunedì alle 08,00--
Ma sarà tutto vero questo allarme ??

Mi sa ma sotto c'è qualcosa che non mi convince.



Io non mi sento italiano, voglio resistere e insorgere


#5 sergio3

sergio3

    TpXMI

  • Ambasadiani MI1ax
  • StellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStella
  • Messaggi: 10,426
    Località:INSUBRIA -PADANIA
    Interessi: TUTTO

    Medaglie




Inviato 18 April 2010 - 15:16:53


Vulcano, ci sono davvero rischi?
Lufthansa: "Pronti a ripartire"
Air Berlin: "E' tutta una bufala"
Klm: "Fateci volare di nuovo"
Enac effettua test pomeridiano
Air France, verifiche a Tolosa
I piloti: "Nessuna prova di pericoli"

  
  

Mentre alcuni stati hanno già allungato lo stop sino a domani alle 17 - In Italia il divieto scade alle 8 di domani, lunedì - Ma British Airways non volerà per tutto il lunedì - Compagnia ed enti stanno testando la reale pericolosità della situazione: possibile intervento dell'Unione Europea - Bertolaso: "Non abbiamo trovato tracce di ceneri"


VULCANO ISLANDA: TEST DI VOLO OK PER LUFTHANSA E KLM -----(ANSA-REUTERS)  ----------------AMSTERDAM, 18 APR - I test di volo senza passeggeri, compiuti ieri sera da Klm e Lufthansa negli spazi aerei europei chiusi a causa della nube di cenere vulcanica islandese che da giovedì sera ha di fatto paralizzato il traffico aereo europeo, sono stati portati a termine apparentemente senza danni per gli aerei. Lo hanno riferito i portavoce delle due compagnie aeree.    La olandese Klm ha detto che, se il risultato di esami più affronditi avvalorerà la prima impressione, oggi cercherà di far rientrare sette aerei dalla Germania alla base di Amsterdam e chiederà il permesso per far ripartire almeno parzialmente la sua operatività. La compagnia ha affermato di aver fatto volare un Boeing 737-800 alla normale quota di 10.000 metri, oltre che a 13.000 e altre quote.    "Non abbiamo notato nulla di anomalo, né durante il volo né alla prima ispezione a terra" ha detto il direttore esecutivo della compagnia olandese, Peter Hartman.    Il portavoce della Lufthansa, Aage Duenhaupt, ha riferito che la compagnia tedesca ha fatto volare dieci aerei (tra Airbus A340 e Boeing 747-400) da Monaco di Baviera a Francoforte, per lo più su una quota di 3.000 metri (ovvero ben al di sotto dello strato di ceneri vulcaniche) ma con puntate fino a 8.000 metri di quota.    "Tutti gli aerei - ha detto Duenhaupt - sono stati ispezionati al loro arrivo a Francoforte e non presentavano danni né ai finestrini della cabina di pilotaggio, né alla fusoliera né ci sono state conseguenze per i motori". (AMSA-REUTERS).

LUFTHANSA: DECISIONI AFFRETTATE, GLI AEREI POSSONO VOLARE. (AGI/REUTERS) - Berlino, 18 apr. - Dopo Air Berlin anche la Lufthansa ha criticato aspramente la decisione di chiudere gli spazi aerei dopo che al termine di 10 voli di prova nel cuore della nube di cenere non hanno riscontrato alcun problema. Il portavoce della compagnia di bandiera, Klaus Walter ha denunciato alla Bild che «il blocco dei voli è stato deciso solo in base alla simulazione dei computer e questo sta causando miliardi di euro di perdite alle compagnie». Sui 10 aerei che hanno volato ieri da Francoforte a Monaco nessuno «ha registrato problemi, neanche il più lieve graffio sul vetro della cabina di pilotaggio, sulla fusoliera o sui motori». (AGI) Gis 181240 APR 10 NNN

AIR BERLIN: UNA BUFALA!. (AGI) - Berlino, 18 apr. - Il rischio per gli aerei causato dalla nube emessa dal vulcano islandese è solo una bufala, poichè i divieti si basano solo su simulazioni fatte al computer, senza il minimo riscontro con la realtà. Lo afferma al domenicale ’Bild am Sonntag’ Joachim Hunold, presidente di Air Berlin, la seconda compagnia aerea tedesca, secondo il quale «la chiusura dello spazio aereo è avvenuta unicamente sulla base di una simulazione al computer fatta dal ’Vulcanic Ash Advisory
Centrè di Londra». È sulla base di questi dati che l’agenzia tedesca per la sicurezza dei voli ha deciso la chiusura dello spazio aereo tedesco. Ma Hunold rincara ancora la dose, quando spiega che «in Germania non è stato fatto salire nemmeno un pallone aerostatico per misurare la quantità di cenere vulcanica che si trova nell’atmosfera». La conferma che i cieli tedeschi sono puliti arriva dal portavoce della Lufthansa, Klaus Walther, il quale ha spiegato che nei voli di test compiuti con un Boeing 747 ed un Airbus 340 da Monaco di Baviera a Francoforte non si è riscontrata la minima traccia di cenere vulcanica. «A Francoforte gli aerei sono stati esaminati dai nostri tecnici», precisa Walther, «che non hanno trovato il benchè minimo graffio sugli oblò del cockpit, nè sulla superficie della carlinga, nè tantomeno all’interno dei reattori». Il portavoce della Lufthansa sottolinea che «il divieto di volare, deciso in base a calcoli al computer, ha prodotto un danno economico di miliardi di euro. Per questo chiediamo che in futuro, prima di ogni divieto di volo vengano effettuate misurazioni affidabili». Anche la compagnia olandese Klm ha effettuato un volo test fino ad un altezza di 13mila metri senza trovare nulla di anormale. La compagnia ha precisato
che se altri voli confermeranno questo dato, oggi verranno ripresi sette collegamenti tra
Duesseldorf e Amsterdam. Un portavoce della Klm ha precisato che i voli test sono stati effettuati su richiesta dell’Unione europea. (AGI) Cle 181004 APR 10 NNN

---


VULCANO ISLANDA: OGGI NUOVI TEST DI VOLO PER KLM --(VEDI 'VULCANO ISLANDA: TEST DI VOLO OK...' DELLE 01:28).   (ANSA-REUTERS) - AMSTERDAM, 18 APR - L'Olanda ha reso noto oggi che condurrà in giornata nuovi test di volo nel suo spazio aereo per controllare gli effetti sugli apparecchi delle ceneri vulcaniche sprigionatesi dall'eruzione islandese. Ieri la compagnia Klm, al pari della tedesca Lufthansa, aveva effettuato analoghe prove conclusesi senza apparenti danni ai velivoli che si erano levato in volo senza passeggeri.    Lufthansa aveva fatto volare dieci aerei da Monaco di Baviera a Francoforte a quote per lo più inferiori allo strato di ceneri, ma con puntate fino a 8000 metri. (ANSA-REUTERS).
NUOVI VOLI TEST KLM: OTTIMI, TUTTO OK.  Àmsterdam, 18 apr. (Adnkronos/dpa) - La compagnia aerea olandese Klm - così come le tedesche Lufthansa e Air Berlin- contesta oggi la necessità della chiusura di gran parte dello spazio aereo europeo in seguito alla nube di cenere proveniente dall’Islanda. Non ho mai avuto «un volo migliore», ha dichiarato oggi alla radio olandese Nos il direttore delle operazioni della Klm, Ype de Haan, dopo essere salito ieri a bordo di un Boeing 737 per un viaggio di prova.  «Mai nella mia vita ho volato in un cielo così azzurro, con tanta stabilità. Nell’aereo, fatto raro, non vi è stata alcuna vibrazione anomala», ha raccontato. Oggi un secondo Boeing 737 della Klm è partito dall’aeroporto di Schiphol ad Amasterdam diretto a Duesseldorf. «I primi dati che ci hanno
trasmesso il pilota e il comandante- ha detto de Haan- indicano che tutto procede stupendamente anche oggi». I due voli sono stati effettuati all’altitudine di 11mila metri, quella dei normali voli commerciali.



AIR FRANCE, TEST DA TOLOSA. (Apcom)  La compagnia aerea Air France effettuerà oggi, dopo le 14, un volo senza passeggeri nel sud-ovest della Francia per verificare la presenza di ceneri nello spazio aereo di questa zona del paese: lo ha indicato un portavoce delle autorità locali.   Si tratta di «un volo di valutazione» che dovrebbe decollare da Tolosa, ha precisato la Dgac. (fonte Afp) Coa 181015 apr 10GMT


VOLO TEST IN ITALIA NEL POMERIGGIO. = (Adnkronos) - La rotta della missione disposta dall’Enac, spiega la nota, prevede il decollo dell’aereo Enav da Ciampino nella mattinata odierna, la prosecuzione del velivolo sulla rotta Bolsena-Ferrara, con stabilizzazione a varie quote ed un avvicinamento all’aeroporto di Venezia Tessera; da qui l’aereo Enav riattaccherà direttamente per svolgere quindi un avvicinamento a Milano Linate, da dove, ugualmente senza atterrare, effettuerà il rientro a Ciampino attraversando a varie quote lo spazio aereo italiano lungo la direttrice Pisa-Grosseto.  Al termine di questo volo di ricognizione, il Cessna Citation 2 dell’Enav verrà condotto negli hangar di manutenzione di Ciampino per essere minuziosamente ispezionato; i motori verranno sbancati ed analizzati per verificare il loro stato di usura e l’eventuale presenza di particelle della nube vulcanica, anche nell’olio del motore.  Il Presidente dell’Enac, Vito Riggio, ha inoltre chiesto al Capo del Dipartimento per la Protezione Civile, Guido Bertolaso, di poter disporre prima possibile - attraverso l’Istituto Italiano di Vulcanologia - di appositi sensori in grado di rilevare e misurare la presenza di ceneri vulcaniche in quota, non rilevabili via radar. Ciò al fine di raccogliere al più presto ulteriori dati ed elementi di analisi da poter affiancare a quelli del bollettino europeo ed ai modelli matematici forniti a livello comunitario da Eurocontrol.


----
ORE 12. ADNKRONOS. UCRAINA RIPRENDE I VOLI. SINTESI EUROPA.   Sono una ventina i paesi europei dove i voli continuano ad essere oggi completamente o parzialmente bloccati a causa della nube di cenere proveniente dall’Islanda. La Gran Bretagna ha deciso di estendere il blocco fino all’una del mattino di domani e la Francia ha chiuso oggi tutti gli aeroporti, mentre l’Ucraina ha deciso la ripresa dei voli.  Al momento risulta completamento chiuso lo spazio aereo in Austria, Belgio, Bulgaria, Repubblica Ceca, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Irlanda, Lettonia, Lussemburgo, Olanda, Polonia, Slovacchia, Svezia, Svizzera e Gran Bretagna. In Italia e Spagna è stato chiuso lo spazio aereo settentrionale, mentre in Norvegia è bloccato quello meridionale. In Europa è completamente aperto lo spazio aereo solo in Grecia, Portogallo, Russia, Turchia e Ucraina.
Infine dei 337 voli di oggi fra Europa e Stati Uniti ne partiranno solo 55.  
---
ORE 12.30 . IL PUNTO. ANSA.
BRUXELLES, 18 APR - Il blocco del trasporto aereo in gran parte dell’Europa è arrivato al quarto giorno consecutivo e alcune compagnie (Klm, Lufthansa, Air France) hanno deciso di effettuare voli di prova senza passeggeri per verificare se le condizioni atmosferiche possono consentire la ripresa dei collegamenti. Anche in Italia l’Enac avrebbe autorizzato un volo di prova.
Nella mattinata tutti o quasi i Paesi dell’Europa centro-settentrionale hanno comunque annunciato il prolungamento della chiusura del loro spazio aereo fino alle 20 di questa sera se non direttamente fino a domani.  Anche la Francia, a causa del movimento della nube di cenere vulcanica proveniente dal’Islanda, ha deciso oggi di chiudere tutti gli aeroporti del Paese. E pure la Spagna ha cominciato ad essere coinvolta dall’emergenza: le autorità nazionali hanno deciso di sospendere l’attività in undici scali, tra i quali Bacellona. resta invece operativo, per il momento, l’aeroporto di Madrid. Stop ai voli fino alle 20 di oggi in Gran Bretagna.  Lo stato di emergenza venutosi a creare nel trasporto aereo ha spinto alcune compagnie a effettuare voli ’test’ per riposizionare i suoi aeromobili in vista di una ripresa delle attività e per verificare le condizioni atmosferiche.
L’olandese Klm ha fatto volare questa mattina un suo 737 dall’aeroporto Schipol di Amsterdam fino a quello di Dusseldorf, in Germania, dove, secondo un portavoce della compagnia, l’aeromobile è giunto senza danni con un equipaggio di 20 persone a bordo.
Ieri pomeriggio era stata la tedesca Lufthansa ad aver testato le condizioni atmosferiche facendo trasferire alcuni dei suoi aeroplani da Monaco di Baviera a Francoforte. Gli aerei erano giunti a destinazione volando a bassa quota e senza danni.  Mentre comincia a farsi strada l’ipotesi che le compagnie aeree chiedano all’Ue di intervenire in loro aiuto dichiarando una sorta di stato di crisi, c’è chi ha deciso di tentare comunque la sorte: un
jet executive proveniente dagli Stati Uniti è riuscito a raggiungere Kiruna, nel Nord della Svezia, passando attraverso un corridoio aereo aperto nel Nord della Norvegia. (ANSA).

BERTOLASO: "NESSUNA TRACCIA DI CENERI". (AGI) - Roma, 18 apr. - Continua  il blocco dei voli nel nord Italia, ma sono allo studio soluzioni per non paralizzare tutto il traffico aereo in Italia. Guido Bertolaso, capo della Protezione civile, lo ha detto durante una pausa della riunione del Comitato Operativo che si sta tenedo per studiare le misure per ridurre i disagi conseguenti all’eruzione del vulcano del sud dell’Islanda. Per ora, comunque,
«dai rilevamenti che abbiamo fatto non abbiamo individuato cenere nei nostri cieli.
Vogliamo approfondire a livello scientifico, per capire» se i dati che arrivano dall’estero «sono esagerati e dunque se si possa stabilire l’apertura di corridoi specifici sul nord Italia».
Bertolaso ha confermato che «si può volare su Ciampino e su gli altri scali del centro sud del Paese», e ha annunciato la costituzione di una task force di esperti dell’Istituto Italiano di Geofisica e Vulcanologia che analizzeranno i dati provenienti dall’Inghilterra sulla presenza di ceneri nei cieli del nord Europa. Secondo Bertolaso, inoltre, l’eruzione non si esaurirà nelle prossime ore. Roma è in costante contatto con gli esperti islandesi che rimandano sui monitor della sala operativa della Protezione civile i dati degli strumenti posizionati sul vulcano. «Per ridurre al minimo i disagi per i viaggiatori - ha infine detto Bertolaso - ci si sta organizzando per garantire i trasporti via terra».

I PILOTI: QUALI ELEMENTI DI PERICOLOSITA'?  Nessun problema rilevato da test Klm e Lufthansa Parigi, 18 apr. (Apcom) - I piloti delle linee aeree vogliono «elementi tangibili e concreti» per accertare se le nuvole di cenere provocate dal vulcano islandese Eyafjallajokull costituiscano un pericolo effettivo per la sicurezza dei voli. «Il principio di precauzione va benissimo, ma poi occorrono degli elementi tangibili e concreti che lo confermino o smentiscano, e oggi non ce ne sono», ha spiegato Erick Derivry, portavoce del
principale sindacato dei piloti dell’Air France. La compagnia olandese Klm ha effettuato ieri dei voli di prova, così come la tedesca Lufthansa, senza rilevare particolari problemi per gli apparecchi; la stessa Air France dovrebbe provvedere oggi ad alcuni test.



Io non mi sento italiano, voglio resistere e insorgere


#6 Rosa

Rosa

    Amministratrice

  • Ambasadiani MIra
  • StellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStella
  • Messaggi: 4,833

    Medaglie




Inviato 18 April 2010 - 21:45:25


Visualizza messaggiosergio3, su 17-Apr-2010 20:06, dice:


Mi sa ma sotto c'è qualcosa che non mi convince.
Se avessi visto le notizie delle nostre tv: "all'ora x i "nuvoli" erano arrivati al nord-ovest del paese e verso le ore y arriveranno nel centro del paese. (ovviamente niente immagini ) E fuori non succedeva niente :24:
La "piccola" traggedia pero' e' che... chi in quel momento e' rimasto in aeroporto e quindi i soldi li aveva speso... non li ricevera'! :angry:



Connettere internet cuore e cervello prima di scrivere!! (Franangy)

#7 XCXC

XCXC

    TpX2MI

  • Ambasadiani MIra
  • StellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStella
  • Messaggi: 17,259

Inviato 19 April 2010 - 11:32:24


Visualizza messaggiosergio3, su 17-Apr-2010 19:06, dice:

Adesso si va alla chiusura aeroporti del Nord fino a lunedì alle 08,00--
Ma sarà tutto vero questo allarme ??

Mi sa ma sotto c'è qualcosa che non mi convince.

sai com'e'...

si sta discutendo in EU di corridoio 5, TAV ecc...

una bella occasione per le future compagnie private (vedi Montezemolo & Co.)...

che hanno le loro conoscenze nei posti giusti :on_the_quiet2:

cosi'... giusto per ricordare a qualcuno di accelerare il tutto...


#8 sergio3

sergio3

    TpXMI

  • Ambasadiani MI1ax
  • StellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStella
  • Messaggi: 10,426
    Località:INSUBRIA -PADANIA
    Interessi: TUTTO

    Medaglie




Inviato 19 April 2010 - 15:55:03


Sono stato alla Malpensa alle 15,00 è un deserto e poca gente che bivaccava sulle poltroncine--
Gli unici checin aperti con coda erano  della Lufthansa e della Swissair--
Erano di più le parabole delle varie televisioni nel piazzale delle partenze che la Gente.

0590500c6a3405f4c2e45e280a7f8517_1_.gif



Io non mi sento italiano, voglio resistere e insorgere





Leggono questa discussione 0 utenti

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi










                                                                                    Effettua i tuoi pagamenti con PayPal.  un sistema rapido, gratuito e sicuro.     



 info@ambasada.it    info@pec.ambasada.it    Telegram.me/Ambasada    iMessage: info@ambasada.it   fax +39 02 45503457  tel +39 02 45071457


ATTENZIONE! per i recapiti dell'Ambasciata della Moldavia a Roma click qui , per il Consolato di Milano click qui , per il Consolato di Padova click qui ATTENZIONE!


Privacy e Cookie Policy / Termini e Regole del Forum