Vai al contenuto

  • Log In with Google      Accedi   
  • Registrati ora!


Risparmia acquistando online! Clicca Qui!
TorinoChisinau MilanoChisinau VeronaChisinau VeneziaChisinau BolognaChisinau RomaChisinau CagliariChisinau


  Moldova-mms.com News dal Regina Pacis Seborganelmondo  



SMMS   a
moldova-mms.com

     VEDI MEGLIO
    
e commenta >>

     SMS     a:   +39 (coming soon)
     MMS   a:   live @ moldova-mms . com




- - - - -

Domanda aperta: secondo voi va bene?10 punti al più onesto...?


  • Non puoi aprire una nuova discussione
  • Effettua l'accesso per rispondere
Questa discussione ha avuto 1 risposte

#1 YAHOO Answers

YAHOO Answers

    TpxMI

  • Ambasadiani MI1ax
  • StellaStellaStellaStellaStella
  • Messaggi: 1,757

Inviato 19 February 2010 - 20:58:55


secondo voi va bne come testo della mia viata raccontata in breve ????Geografia : storia                       L’arrivo in città Descrizione :Natalia è una ragazza nata in Moldavia esattamente a Tomai che , all’età di otto anni , viene qua con i suoi genitori e va a scuola primamente a Roma , poi a Parma e , infine , a Sorbolo .                Storia (racconto in prima persona , passato )Ero arrivata all’aeroporto con mia madre e mia nonna , avevo gli occhi pieni di lacrime e non ero l’unica : anche mia nonna stava piangendo ed era ovvio che lo facesse perché stavo partendo . In quel momento non mi sembrava più tanto bello dover partire per un DOVE che non conoscevo , ero convinta che sarebbe stato bello ma non volevo piangere così , in fondo sarei ritornata no ? E , quando sarei ritornata , potevo ridiventare la vecchia me stessa , sapevo che sarei cambiata .Per distaccarmi dalle mie lacrime pensai a come sarebbe stato il volo : era la mia prima volta su un aereo anche perché , prima di quel giorno , non ero mai andata così lontano .Passai con mia mamma a lasciare le valige e , dopo una decina di minuti , dovetti salutare mia nonna , stavo per andarmene .Sorpassai i controlli e mi diressi all’uscita dell’aereo . Anche mia mamma stava per piangere ma non lo fece , probabilmente per non scoraggiarmi ancora di più . Salite sull’autobus ci dirigemmo verso l’aereo : era molto grande e lungo , con piccole finestrelle sul lato e con una scala alta che lo collegava al suolo .Scesa dall’autobus salii sulla scala, dove c’erano almeno una ventina di persone che stavano salendo .Mia madre fece un sospiro e mi spiegò che era un bene avere dei posti circa al centro dell’aereo , così non avremmo potuto sentire il motore .Una voce squillante annunciò che era ora di partire , ci informò della temperatura e del vento . Lo fece più volte , la prima in moldavo , la seconda e la terza non riuscivo a capirle perché erano l’italiano e l’inglese .Poi una voce maschile che ci dette il benvenuto e ci tranquillizzò nel caso fossimo allarmati .L’aereo cominciò ad avanzare lentamente ma poi aumentò la sua velocità a tal punto che si staccò dalla pista e prese il volo . Io , allarmata , strinsi forte il braccio di mia madre . Dopo di ché mi resi conto che non era poi così male , ma sentivo le orecchie chiuse e , per non avere altri dolori , chiusi gli occhi e cercai di dormire . Non so quanto tempo fosse passato ma mi svegliai dal suono di un carrello che andava avanti tra i sedili ed un hostess che lo spingeva e parlava piano , può darsi che lo faceva per non svegliare i passeggeri che stavano dormendo . Dopo circa due minuti arrivò anche da noi e passò a mia mamma due contenitori verdi insieme ad una tazza di tè ed un bicchiere di coca-cola .Mia madre posò il bicchiere di coca e un contenitore verde su un banchetto che aveva allungato dal sedile anteriore .Dentro al contenitore c’erano due fette di carne e dei cetriolini sott’aceto . Non avevamo neanche cominciato a mangiare che arrivò di nuovo l’hostess che ci porse due panini rotolati in un sacchetto anche esso verde . Cominciai a mangiare e svuotai il contenitore in pochi minuti , ero affamata perché avevo pianto molto .Dopo circa dieci minuti ripassò l’hostess che ritirò tutto dai tavolini dei  passeggeri . Io mi rimisi a dormire e non riuscii quasi a chiudere gli occhi che fummo già a terra . Scesa dall’aereo osservai bene quello che mi circondava : c’erano enormi distese di asfalto e molti più aerei che in Moldavia , all’esterno , tutt’intorno , tantissimi palazzi costeggiavano l’aeroporto .Risalii su un autobus molto più grande del precedente che ci portò tutti all’entrata degli uffici dell’aeroporto . Era immenso , sembrava quasi infinito con scale mobili alte e tantissimi macchinari che non conoscevo ancora .Dopo aver passato gli ennesimi controlli arrivai da mio padre : mi aspettava a braccia aperte come se io fossi un neonato ai primi passi e lui che aveva in serbo qualcosa di speciale se riuscivo a non cadere . Gli saltai a dosso con molta velocità e lo feci quasi cadere .Usciti dall’aeroporto salimmo su una golf grigia che , molto probabilmente era di mio padre . Per quasi due ore raccontai a mio padre come erano cresciute le mie capre e i vitellini del nonno aiutandomi con gesta che facevano sembrare più realistico il racconto . Mio padre parcheggiò di fronte ad una grande casa a due piani , con una piscina che si vedeva tra i cancelli e due cani che stavano sbavando dal bordo della piscina .Quella era la mia nuova casa , i miei genitori lavoravano lì come un tipo di domestici e , nello stesso tempo , come parte della famiglia .Era estate quindi avevo ancora tempo per imparare l’italiano . Nella casa vivevano una famiglia di italiani : Alessandra ( la madre ) , Maurizio ( il padre ) , Edoardo ( Il figlio maggiore ) e Domitilla ( la figlia minore ) . C’erano anche due cani : Luna ( un labrador ) e Orazio ( un terranova )
http://it.answers.ya...19115855AAdLfHc


#2 XCXC

XCXC

    TpX2MI

  • Ambasadiani MIra
  • StellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStella
  • Messaggi: 17,204

Inviato 20 February 2010 - 01:38:51


oh mamma mia...

uniamo la Moldova all'Europa... cosi' nn saranno cosi' traumatici i trasferimenti...

una volta solo andare in Germania o Belgio sembrava chissa' cosa...

passaporti, visti ecc...

poi USA e Canada... ok... son lontani

e dell'Australia che dire? Partire era quasi morire... soprattutto in nave...

ma la Moldova... suvvia... non e' lontana...

tra 10 anni Chisinau diventera' una delle tante citta' europee...

credo che gia' i romeni considerano l'Italia come una regione d'Europa e nn piu' come un Paese lontano...





Leggono questa discussione 0 utenti

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi










                                                                                    Effettua i tuoi pagamenti con PayPal.  un sistema rapido, gratuito e sicuro.  



 info@ambasada.it    info@pec.ambasada.it    Telegram.me/Ambasada    iMessage: info@ambasada.it   fax +39 02 45503457  tel +39 02 45071457


ATTENZIONE! per i recapiti dell'Ambasciata della Moldavia a Roma click qui , per il Consolato di Milano click qui , per il Consolato di Padova click qui ATTENZIONE!


Privacy e Cookie Policy / Termini e Regole del Forum