Vai al contenuto

  • Log In with Google      Accedi   
  • Registrati ora!


Risparmia acquistando online! Clicca Qui!
TorinoChisinau MilanoChisinau VeronaChisinau VeneziaChisinau BolognaChisinau RomaChisinau CagliariChisinau


  Moldova-mms.com News dal Regina Pacis Seborganelmondo  



SMMS   a
moldova-mms.com

     VEDI MEGLIO
    
e commenta >>

     SMS     a:   +39 (coming soon)
     MMS   a:   live @ moldova-mms . com




- - - - -

Iscritto al Ssn chi attende la regolarizzazione


  • Non puoi aprire una nuova discussione
  • Effettua l'accesso per rispondere
Questa discussione ha avuto 1 risposte

#1 XCXC

XCXC

    TpX2MI

  • Ambasadiani MIra
  • StellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStella
  • Messaggi: 17,204

Inviato 01 December 2009 - 14:30:43


Iscritto al Ssn chi attende la regolarizzazione

Roma - 1 dicembre 2009 - L’esame delle domande di regolarizzazione durerà ancora molti mesi e per le colf e le badanti in attesa si pone il problema dell’iscrizione dal servizio sanitario nazionale: ne hanno diritto? Possono finalmente scegliersi un medico di base o prenotare una visita specialistica? Al di là delle cure urgenti o essenziali, garantite anche ai clandestini, per altre prestazioni è infatti necessaria l’iscrizione al Ssn.

Durante la regolarizzazione del 2002, le Regioni recepirono ad una ad una il principio che il lavoratore in fase di regolarizzazione ha diritto ad una vera iscrizione al servizio Sanitario Nazionale, perché tra i contributi versati con il suo lavoro ci sono anche quelli per la copertura delle spese sanitarie. L’iscrizione al Ssn era però “temporanea”, e diventava stabile solo a regolarizzazione conclusa.

In questi giorni si sta ripetendo quello che è successo negli anni passati. La Regione Piemonte  e la Provincia autonoma di Trento hanno ribadito che chi è in attesa di regolarizzazione deve essere iscritto al SSN, perché con il contributo forfetario di 500,00 euro ha pagato anche la copertura sanitaria.

Per la circolare del Piemonte, lo straniero per il quale il  procedimento di regolarizzazione non è ancora concluso ha una   condizione  “ulteriormente rafforzata dal divieto di espulsione, condizione anche  prevista per le donne in gravidanza e per  i minori per i quali come indicato  dal ministero per il quale devono essere iscritti necessariamente  al Servizio Sanitario nazionale”;  la circolare dopo aver fatto queste premesse ritiene: ” che i cittadini stranieri , per i quali è stata presentata dichiarazione di emersione ai sensi della legge 102/2009,sono assimilabili ai destinatari di assicurazione obbligatoria, di cui all’art 34 del T.U”.

L’iscrizione è comunque temporanea, decorre da  1 aprile 2009, ha una durata di 12 mesi che sarà rinnovata in caso di regolarizzazione per tutta la durata del permesso di soggiorno. Quindi tutti hanno diritto a vedersi iscrivere al SSN, in maniera temporanea, poi a procedimento concluso l’iscrizione diventerà definitiva, a tal proposito verranno comunicati alle ASL locali tutti i nominativi delle pratiche respinte per procedere alla cancellazione nell’anagrafe sanitaria.

Oggi quindi in Piemonte e in Trentino tutti i cittadini extracomunitari con regolare ricevuta di presentazione della richiesta di regolarizzazione, in attesa della convocazione allo sportello unico per l’immigrazione, sono iscrivibili al SSN, come tutti i richiedenti permesso di soggiorno per motivi di lavoro. Sicuramente nei prossimi giorni vedremo che altre Regioni daranno delle indicazioni su questo aspetto della regolarizzazione.

Scarica le circolari della Regione Piemonte e della Provincia autonoma di Trento  

  
Avv. Mariangela Lioy


#2 XCXC

XCXC

    TpX2MI

  • Ambasadiani MIra
  • StellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStella
  • Messaggi: 17,204

Inviato 26 December 2009 - 17:06:48


24.12.2009

Emersione colf e badanti: i richiedenti possono essere iscritti al servizio sanitario nazionale

Lo chiarisce una circolare della Direzione centrale per le politiche dell'immigrazione e dell'asilo

La Direzione centrale per le politiche dell'immigrazione e dell'asilo ha fornito con una circolare, la 8450 del 23 dicembre 2009, alcuni chiarimenti circa l'assistenza sanitaria di cui possono beneficiare i cittadini stranieri, nelle more della conclusione della procedura di emersione per colf e badanti.

I cittadini stranieri, per i quali sia stata presentata dichiarazione di emersione, sono, pertanto, assimilabili ai destinatari di assicurazione obbligatoria (lavoratori subordinati e autonomi) e, quindi, possono essere iscritti al servizio sanitario nazionale.

circ.gif





Leggono questa discussione 0 utenti

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi










                                                                                    Effettua i tuoi pagamenti con PayPal.  un sistema rapido, gratuito e sicuro.  



 info@ambasada.it    info@pec.ambasada.it    Telegram.me/Ambasada    iMessage: info@ambasada.it   fax +39 02 45503457  tel +39 02 45071457


ATTENZIONE! per i recapiti dell'Ambasciata della Moldavia a Roma click qui , per il Consolato di Milano click qui , per il Consolato di Padova click qui ATTENZIONE!


Privacy e Cookie Policy / Termini e Regole del Forum