Vai al contenuto

  • Log In with Google      Accedi   
  • Registrati ora!


Risparmia acquistando online! Clicca Qui!
TorinoChisinau MilanoChisinau VeronaChisinau VeneziaChisinau BolognaChisinau RomaChisinau CagliariChisinau


  Moldova-mms.com News dal Regina Pacis Seborganelmondo  



SMMS   a
moldova-mms.com

     VEDI MEGLIO
    
e commenta >>

     SMS     a:   +39 (coming soon)
     MMS   a:   live @ moldova-mms . com




- - - - -

Sicurezza, Giovanardi: ora regolarizzare badanti e colf, provvedimento urgente.


  • Non puoi aprire una nuova discussione
  • Effettua l'accesso per rispondere
  • Topic Password
Questa discussione ha avuto 80 risposte

#51 sergio3

sergio3

    TpXMI

  • Ambasadiani MI1ax
  • StellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStella
  • Messaggi: 10,426
    Località:INSUBRIA -PADANIA
    Interessi: TUTTO

    Medaglie




Inviato 11 July 2009 - 17:16:37


Visualizza messaggioAzzurro, su 11-Jul-2009 18:07, dice:

Ecco cosa prevede il testo provvisorio del provvedimento per la 'regolarizzazione selettiva'.


ROMA, 11 luglio 2009 - È pronto il testo provvisorio del provvedimento per la regolarizzazione selettiva di colf e badanti. Il testo, preparato dai tecnici del Ministero del Lavoro e dell'Interno potrà, nei prossimi giorni, subire correzioni, ma dovrebbe essere molto simile a quello finale. Sarà presentato in Parlamento come emendamento al decreto anticrisi.


500 EURO PER LA REGOLARIZZAZIONE



I datori di lavoro italiani, comunitari o anche extracomunitari (ma regolarmente presenti in Italia da almeno 5 anni) potranno regolarizzare colf e badanti che lavorano alle proprie dipendenze in nero. Per farlo, dovranno denunciare la 'sussistenza del rapporto di lavoro', versando un contributo forfettario che al momento (ma la cifra potrebbe subire variazioni) è stato fissato in 500 euro, cifra che corrisponde a tre mensilita' di contributi. L'autodenuncia esclude le 'sanzioni penali, civili e amministrative connesse al rapporto di lavoro irregolare'. Viene quindi sanato il pregresso.

LE DOMANDE



Per i lavoratori comunitari, la domanda va presentata all'Inps, che incassera' il contributo forfettario. Per gli extracomunitari, invece, la domanda va inoltrata allo sportello unico per l'immigrazione competente per territorio, che prima di dare il via libera deve acquisire il parere della questura. Ogni famiglia potra' regolarizzare al massimo una colf e due badanti. La regolarizzazione prevede la formalizzazione del rapporto di lavoro, con il pagamento, a favore del dipendente, di contributi previdenziali, ferie e Tfr e tutte le altre voci previste dai contratti di categoria, disponibili presso l'Inps. Le domande, secondo la bozza provvisoria del testo, andranno presentate fra il 1° e il 30 settembre di quest'anno (salvo slittamenti legati ad eventuali intoppi dell'iter parlamentare).


30 GIUGNO 2009



Sono ammessi alla regolarizzazione colf e badanti in servizio prima del 30 giugno 2009 (la norma in questo senso ha un effetto retroattivo). Il datore di lavoro dovra' dichiarare, sotto la propria responsabilita', la data di inizio del rapporto. Non sono dunque richieste 'prove' particolari dell'effettiva sussistenza del vincolo di lavoro, basta la dichiarazione del datore.

CHI NON E' AMMESSO



Non sono ammessi alla regolarizzazione i cittadini extracomunitari colpiti da provvedimento di espulsione per motivi diversi dal mancato rinnovo del permesso di soggiorno; sono esclusi quelli che hanno segnalazioni, in base agli accordi internazionali, che ne impediscano l'ingresso sul territorio dello Stato (quelli che nel gergo delle questure sono indicati come 'indesiderati' e 'inammissibili '); e ancora tutti quelli che hanno riportato condanne per uno qualsiasi dei reati previsti negli articoli 380 e 381 del codice di procedura penale per i quali e' previsto l'arresto obbligatorio o facoltativo in flagranza (dal furto alla violenza sessuale, dal saccheggio alla rapina, dalla pedopornografia ai reati di terrorismo ed eversione, dalla corruzione alla truffa e altri ancora).


MILIONI DI EURO NELLE CASSE DELL'INPS



La regolarizzazione potrebbe riguardare almeno 300 mila persone, anche se, secondo sindacati e associazioni di assistenza il provvedimento potrebbe interessare almeno 500mila persone. L’operazione dovrebbe portare nelle casse dell’Inps almeno 150 milioni di euro. A regime la regolarizzazione avrà effetti benefici per Inps e fisco: ogni mese saranno versati solo di contributi previdenziali oltre 45 milioni di euro, mentre il gettito fiscale annuale è stimato intorno a 400 milioni di euro all’anno.

I TEMPI PER ESSERE REGOLARIZZATI



Al momento non si conoscono le tempistiche necessarie per essere regolarizzati. Secondo i ministeri dell'Interno e del Lavoro, nel caso dei lavoratori italiani o comunitari, ci vorranno pochi giorni mentre per i lavoratori extracomunitari i tempi dovrebbero essere più lunghi, perché su ogni singola domanda le questure dovranno fornire il parere sull’insussistenza di motivi ostativi al rilascio del permesso di soggiorno. In ogni caso, una volta presentata la domanda, datore e lavoratore devono attendere la convocazione presso lo sportello unico dell’immigrazione per la stipula del contratto di soggiorno e per la presentazione della richiesta del permesso di soggiorno per lavoro subordinato.
Tratto da Stranieri in Italia
Già pubblicato !! leggi bene--



Io non mi sento italiano, voglio resistere e insorgere


#52 sergio3

sergio3

    TpXMI

  • Ambasadiani MI1ax
  • StellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStella
  • Messaggi: 10,426
    Località:INSUBRIA -PADANIA
    Interessi: TUTTO

    Medaglie




Inviato 12 July 2009 - 03:40:13


NUOVE MODIFICHE AL DDL PER REGOLARIZZAZIONE BADANTI
E ce ne saranno ancora fino a Settembre, per ora solo tante parole.
questa è l'ultima versione presentata sull'ANSA:


» 2009-07-12 13:14
ARRIVA REGOLARIZZAZIONE BADANTI-COLF, COSTA 500 EURO
di Chiara Scalise

ROMA - Un contributo unico di 500 euro e un rapporto di lavoro che deve essere in atto almeno da aprile 2009: sono questi due dei paletti fissati per la regolarizzazione di colf e badanti. Secondo l'ultima versione del testo messo a punto dai ministri del Welfare Maurizio Sacconi e dell'Interno Roberto Maroni (un articolo composto da 14 commi, ma che non è escluso possa essere ulteriormente ritoccato) viene confermato che i datori di lavoro potranno essere anche cittadini extracomunitari purché lungo-soggiornanti e che simmetricamente potranno essere messi in regola anche lavoratori italiani. Non si tratta però di una regolarizzazione generalizzata dei clandestini, perché come ribadisce il ministro Sacconi (il cui lavoro di mediazione portato avanti in questi giorni è stato riconosciuto anche dal collega del Viminale) in Italia sarebbe una strada semplicemente impossibile da percorrere: "Il nostro mercato del lavoro non sarebbe in grado - spiega infatti - di recepire altri flussi di lavoratori immigrati in questo momento". La nuova normativa è destinata comunque a entrare in vigore velocemente, prima della pausa estiva: sarà infatti inserita via emendamento nel decreto fiscale. Ecco le misure principali della regolarizzazione 'selettiva'.

FORFAIT UNICO - Sarà il primo adempimento. E sarà uguale per tutti, che si vogliano regolarizzare stranieri o italiani: il contributo forfetario è di 500 euro ed è necessario il suo pagamento per poter dare il via alle pratiche.

CHI POTRA' METTERE IN REGOLA - La denuncia per aprire la pratica di regolarizzazione la potranno fare cittadini italiani, europei o anche extracomunitari se in possesso della carta di soggiorno che si ottiene dopo almeno cinque anni di permanenza in Italia.

CHI POTRA' ESSERE REGOLARIZZATO - Colf e badanti straniere ma anche italiane. Ogni famiglia potrà chiedere di mettere in regola una colf e due badanti.

PER BADANTI OCCORRE CERTIFICAZIONE AD HOC - Se si chiede la regolarizzazione di una badante occorre fornire la documentazione che prova la patologia o l'handicap. Altrimenti niente contratto.

A LAVORO ALMENO DA APRILE 2009 - Il datore di lavoro dovrà assicurare di aver avviato un rapporto di lavoro almeno tre mesi prima del 30 giugno 2009 e dovrà assicurare che il rapporto è ancora in corso al momento della domanda.

UN MESE DI TEMPO PER LE DOMANDE - Le denunce andranno fatte dal primo al trenta settembre.

DOMANDE PER EXTRA UE VIA INTERNET - Le denunce per i lavoratori italiani andranno presentate all'Inps tramite moduli ad hoc. Quelle per i cittadini extracomunitari attraverso il web allo sportello unico per l'immigrazione.

STOP ESPULSIONE MENTRE C'E' REGOLARIZZAZIONE - Lo straniero non può essere espulso mentre la procedura di regolarizzazione é in corso. Nella 'moratoria' , secondo l'ultima versione del testo, rientrerebbero anche le norme relative all'ingresso e al soggiorno nel territorio nazionale e quelle relative all'impiego di lavoratori sul fronte finanziario, fiscale, previdenziale e assistenziale. Le disposizioni non si applicherebbero però, tra l'altro, a quei lavoratori extracomunitari che risultino condannati anche con sentenza non definitiva per uno dei reati previsti dagli articoli 380 (arresto obbligatorio in flagranza) e 381 (arresto facoltativo in flagranza) del codice di procedura penale.



Io non mi sento italiano, voglio resistere e insorgere


#53 sergio3

sergio3

    TpXMI

  • Ambasadiani MI1ax
  • StellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStella
  • Messaggi: 10,426
    Località:INSUBRIA -PADANIA
    Interessi: TUTTO

    Medaglie




Inviato 12 July 2009 - 09:14:33


Visualizza messaggioAzzurro, su 11-Jul-2009 18:07, dice:

Ecco cosa prevede il testo provvisorio del provvedimento per la 'regolarizzazione selettiva'.

.....--.---..,,,.------....,..,.,,.

I TEMPI PER ESSERE REGOLARIZZATI



Al momento non si conoscono le tempistiche necessarie per essere regolarizzati. Secondo i ministeri dell'Interno e del Lavoro, nel caso dei lavoratori italiani o comunitari, ci vorranno pochi giorni mentre per i lavoratori extracomunitari i tempi dovrebbero essere più lunghi, perché su ogni singola domanda le questure dovranno fornire il parere sull’insussistenza di motivi ostativi al rilascio del permesso di soggiorno. In ogni caso, una volta presentata la domanda, datore e lavoratore devono attendere la convocazione presso lo sportello unico dell’immigrazione per la stipula del contratto di soggiorno e per la presentazione della richiesta del permesso di soggiorno per lavoro subordinato.
Tratto da Stranieri in Italia


Bel portale quello: la mano lunga della CGIL e della sinistra--cattiva informatrice di parte, poi quando un portale ti fa' un sondaggio tipo  questo, è detto tutto:

Sondaggio  
Inventa un reato, risolvi il tuo problema!  
   gli infradito  
   i leghisti  
   la fila alle Poste  
   il cappuccino bollente  
   Calderoli  
   la nebbia  
   le zanzare  
   mangiare a bocca aperta  
   le mani sudate  
   le alghe  
   il raffreddore d'estate  
   i bagnini con la pancia  

Ma andate a sc****e il mare banda di zombi allo sbando !!!



Io non mi sento italiano, voglio resistere e insorgere


#54 Guest_Azzurro_*

Guest_Azzurro_*
  • Ospite

Inviato 12 July 2009 - 10:02:16


Visualizza messaggiosergio3, su 12-Jul-2009 10:14, dice:

Bel portale quello: la mano lunga della CGIL e della sinistra--cattiva informatrice di parte, poi quando un portale ti fa' un sondaggio tipo  questo, è detto tutto:
Non ho capito cosa c'è di non vero sull'articolo riportato da Stranieri in Italia?


#55 sergio3

sergio3

    TpXMI

  • Ambasadiani MI1ax
  • StellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStella
  • Messaggi: 10,426
    Località:INSUBRIA -PADANIA
    Interessi: TUTTO

    Medaglie




Inviato 12 July 2009 - 11:50:01


Visualizza messaggioAzzurro, su 12-Jul-2009 11:02, dice:

Non ho capito cosa c'è di non vero sull'articolo riportato da Stranieri in Italia?


Intanto cominciati a leggere questa nota:

© 2000-2009 Stranieri in Italia S.r.l. Tutti i diritti riservati. All rights reserved. Partita iva 05977171007.
La traduzione, l'adattamento, l'elaborazione, la riproduzione con qualsiasi mezzo (compresa la memorizzazione elettronica), la pubblicazione e la distribuzione (totale o parziale) di tutto il materiale contenuto in questo sito sono riservati per tutti i paesi. Per contattare la redazione: mailto:redazione@stranieriinitalia.it

Siamo sempre nella teoria che "delinquere è normale, rispettare la legge, un optional"

Questo sito è di parte (CGIL e sinistra) il più delle volte non è aggiornato, tanto che questa mattina è sto costretto a modificare il testo perchè su segnalazione, è stato fatto notare che le cose non erano così.
Poi ancora di ufficiale non è stato stabilito nulla, quindi sono solo parole per illudere--



Io non mi sento italiano, voglio resistere e insorgere


#56 Guest_Azzurro_*

Guest_Azzurro_*
  • Ospite

Inviato 12 July 2009 - 13:37:45


Visualizza messaggiosergio3, su 12-Jul-2009 12:50, dice:

Intanto cominciati a leggere questa nota:

© 2000-2009 Stranieri in Italia S.r.l. Tutti i diritti riservati. All rights reserved. Partita iva 05977171007.
La traduzione, l'adattamento, l'elaborazione, la riproduzione con qualsiasi mezzo (compresa la memorizzazione elettronica), la pubblicazione e la distribuzione (totale o parziale) di tutto il materiale contenuto in questo sito sono riservati per tutti i paesi. Per contattare la redazione: mailto:redazione@stranieriinitalia.it

E allora?


Siamo sempre nella teoria che "delinquere è normale, rispettare la legge, un optional".

Scasami, ma continuo a non capire?

Vuoi dirmi che la redazione di Stranieri in Italia sono dei delinquenti?



Questo sito è di parte (CGIL e sinistra) il più delle volte non è aggiornato, tanto che questa mattina è sto costretto a modificare il testo perchè su segnalazione, è stato fatto notare che le cose non erano così.
Poi ancora di ufficiale non è stato stabilito nulla, quindi sono solo parole per illudere--

Stranieri in Italia riportava:

Al momento non si conoscono le tempistiche necessarie per essere regolarizzati. Secondo i ministeri dell'Interno e del Lavoro, nel caso dei lavoratori italiani o comunitari, ci vorranno pochi giorni mentre per i lavoratori extracomunitari i tempi dovrebbero essere più lunghi, perché su ogni singola domanda le questure dovranno fornire il parere sull’insussistenza di motivi ostativi al rilascio del permesso di soggiorno. In ogni caso, una volta presentata la domanda, datore e lavoratore devono attendere la convocazione presso lo sportello unico dell’immigrazione per la stipula del contratto di soggiorno e per la presentazione della richiesta del permesso di soggiorno per lavoro subordinato.


Nella sanatoria precedente, quella del 2003, è stata adottata questa procedura.

Sulla bozza del testo pubblicata oggi riporta:


5. Lo Sportello unico per l'immigrazione, verificata l'ammissibilità della dichiarazione e acquisito il parere della Questura sull'insussistenza di motivi ostativi al rilascio del permesso di soggiorno, convoca le parti per la stipula del contratto di soggiorno e per la presentazione della richiesta del permesso di soggiorno per lavoro subordinato, previa esibizione dell'avvenuto pagamento del contributo di cui al comma 2.


Cosa cambia rispetto a quanto anticipato ieri?


#57 Guest_Azzurro_*

Guest_Azzurro_*
  • Ospite

Inviato 12 July 2009 - 13:43:36


La bozza è praticamente identica alla sanatoria del 2003, a cui ho lavorato.

1. Il datore di lavoro italiano o cittadino di Paese appartenente all'Unione Europea ovvero il datore di lavoro extracomunitario in possesso del titolo di soggiorno di cui all'articolo 9 del decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286, che alla data del 30 giugno 2009 occupava irregolarmente alle proprie dipendenze, da almeno tre mesi, lavoratori italiani o cittadini appartenenti all'Unione Europea ovvero lavoratori extracomunitari, comunque presenti nel territorio nazionale, e continua ad occuparli alla data di presentazione della denuncia di cui al presente comma.


Il decreto legge 195/2002 di sanatoria dei lavoratori extracomunitari prevedeva:

1. Chiunque, nell'esercizio di un'attivita' di impresa sia in forma individuale che societaria, ha occupato, nei tre mesi antecedenti la data di entrata in vigore del presente decreto, alle proprie dipendenze lavoratori extracomunitari in posizione irregolare, puo' denunciare, entro trenta giorni dalla medesima data.

________________________________________________________________________

Procedura 2009:

2. La denuncia di cui al comma 1 è presentata previo pagamento di un contributo forfettario di 500 euro per ciascun lavoratore.


Il decreto legge 195/2002 di sanatoria dei lavoratori extracomunitari prevedeva:

3. Ai fini della ricevibilita', alla dichiarazione sono allegati: b) attestato di pagamento di un contributo forfettario pari a 700 euro per ciascun lavoratore.

________________________________________________________________________

Procedura 2009:

4. La denuncia di cui al comma 1, lettera b, è limitata per ciascun nucleo familiare ad una unità per il lavoro domestico di sostegno al bisogno familiare ed a due unità per le attività di sostegno a soggetti affetti da patologie o handicap che ne limitano l'autosufficienza. La data della dichiarazione di cui al medesimo comma è quella indicata nella ricevuta di acquisizione al sistema informatico del Ministero dell'Interno.


Il decreto legge 195/2002 di sanatoria dei lavoratori extracomunitari prevedeva:

1. Chiunque, nell'esercizio di un'attività di impresa sia in forma individuale che societaria, ha occupato, nei tre mesi antecedenti la data di entrata in vigore del presente decreto, alle proprie dipendenze lavoratori extracomunitari in posizione irregolare. (non specifica l’attività, questa del 2009 invece è riservata a 1 colf e 2 badanti).

________________________________________________________________________

Procedura 2009:

e) la dichiarazione che la retribuzione convenuta non è inferiore a quella prevista dal vigente contratto collettivo nazionale di lavoro di riferimento;


Il decreto legge 195/2002 di sanatoria dei lavoratori extracomunitari prevedeva:

d) l'indicazione della retribuzione convenuta, in misura non inferiore a quella prevista dal vigente contratto collettivo nazionale di lavoro di riferimento. (praticamente identico)


________________________________________________________________________

Procedura 2009:

Entro ventriquattro ore dalla data della stipula del contratto di soggiorno, il datore di lavoro deve effettuare la comunicazione obbligatoria di assunzione all'Istituito nazionale previdenza sociale. Restano ferme le disposizioni relative agli oneri a carico del richiedente il permesso di soggiorno.


Il decreto legge 195/2002 di sanatoria dei lavoratori extracomunitari prevedeva:

Il Ministro, con proprio decreto, determina altresi' le modalita' di corresponsione delle somme e degli interessi dovuti per i contributi previdenziali concernenti i periodi denunciati antecedenti ai tre mesi di cui al comma 1.
________________________________________________________________________

Procedura 2009:

Non è ancora specificata la durata del contratto di lavoro.

Il decreto legge 195/2002 di sanatoria dei lavoratori extracomunitari prevedeva:

Il permesso di soggiorno puo' essere rinnovato previo accertamento dell'esistenza di un rapporto di lavoro a tempo indeterminato ovvero a tempo determinato di durata non inferiore ad un anno, nonche' della regolarita' della posizione contributiva della manodopera occupata.

________________________________________________________________________

Procedura 2009:

5. Lo Sportello unico per l'immigrazione, verificata l'ammissibilità della dichiarazione e acquisito il parere della Questura sull'insussistenza di motivi ostativi al rilascio del permesso di soggiorno, convoca le parti per la stipula del contratto di soggiorno e per la presentazione della richiesta del permesso di soggiorno per lavoro subordinato, previa esibizione dell'avvenuto pagamento del contributo di cui al comma 2.


Il decreto legge 195/2002 di sanatoria dei lavoratori extracomunitari prevedeva:

5. Nei dieci giorni successivi alla comunicazione della mancanza di motivi ostativi al rilascio del permesso di soggiorno di cui al comma 4, la Prefettura - Ufficio territoriale del Governo invita le parti a presentarsi per stipulare il contratto di soggiorno per lavoro subordinato e per il contestuale rilascio del permesso di soggiorno, permanendo le condizioni soggettive di cui al comma 4. La mancata presentazione delle parti comporta l'improcedibilità' e l'archiviazione del relativo procedimento. Il permesso di soggiorno può essere rinnovato previo accertamento dell'esistenza di un rapporto di lavoro a tempo indeterminato ovvero a tempo determinato di durata non inferiore ad un anno, nonché della regolarità della posizione contributiva della manodopera occupata. (praticamente identica)

________________________________________________________________________

Procedura 2009:

7. Dalla data di entrata in vigore della presente disposizione e fino alla conclusione del procedimento di cui al presente articolo,  sono sospesi i procedimenti penali ed amministrativi instaurati nei confronti del datore di lavoro e del lavoratore che svolge le attività di cui al comma 1 per le violazioni delle norme:

12. La sottoscrizione del contratto di soggiorno e il rilascio del permesso di soggiorno comportano, rispettivamente, per il datore di lavoro e il lavoratore extracomunitario, l'estinzione dei reati e degli illeciti amministrativi relativi alle violazioni di cui al comma 7.



Il decreto legge 195/2002 di sanatoria dei lavoratori extracomunitari prevedeva:

6. I soggetti di cui al comma 1, che inoltrano la dichiarazione di emersione del lavoro irregolare ai sensi dei commi da l a 3, non sono punibili per le violazioni delle norme relative al soggiorno, al lavoro e di carattere finanziario, compiute antecedentemente alla data di entrata in vigore del presente decreto, in relazione all'occupazione dei lavoratori extracomunitari indicati nella dichiarazione di emersione presentata. Le predette cause di non punibilita' non si applicano a coloro che abbiano presentato una dichiarazione di emersione contenente dati non rispondenti al vero, al fine di procurare il permesso di soggiorno a stranieri.

________________________________________________________________________


#58 sergio3

sergio3

    TpXMI

  • Ambasadiani MI1ax
  • StellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStella
  • Messaggi: 10,426
    Località:INSUBRIA -PADANIA
    Interessi: TUTTO

    Medaglie




Inviato 12 July 2009 - 15:12:09


Visualizza messaggioAzzurro, su 12-Jul-2009 14:43, dice:

La bozza è praticamente identica alla sanatoria del 2003, a cui ho lavorato.

1. Il datore di lavoro italiano o cittadino di Paese appartenente all'Unione Europea ovvero il datore di lavoro extracomunitario in possesso del titolo di soggiorno di cui all'articolo 9 del decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286, che alla data del 30 giugno 2009 occupava irregolarmente alle proprie dipendenze, da almeno tre mesi, lavoratori italiani o cittadini appartenenti all'Unione Europea ovvero lavoratori extracomunitari, comunque presenti nel territorio nazionale, e continua ad occuparli alla data di presentazione della denuncia di cui al presente comma.


Il decreto legge 195/2002 di sanatoria dei lavoratori extracomunitari prevedeva:

1. Chiunque, nell'esercizio di un'attivita' di impresa sia in forma individuale che societaria, ha occupato, nei tre mesi antecedenti la data di entrata in vigore del presente decreto, alle proprie dipendenze lavoratori extracomunitari in posizione irregolare, puo' denunciare, entro trenta giorni dalla medesima data.

________________________________________________________________________

Procedura 2009:

2. La denuncia di cui al comma 1 è presentata previo pagamento di un contributo forfettario di 500 euro per ciascun lavoratore.
Il decreto legge 195/2002 di sanatoria dei lavoratori extracomunitari prevedeva:

3. Ai fini della ricevibilita', alla dichiarazione sono allegati: b) attestato di pagamento di un contributo forfettario pari a 700 euro per ciascun lavoratore.

________________________________________________________________________

Procedura 2009:

4. La denuncia di cui al comma 1, lettera b, è limitata per ciascun nucleo familiare ad una unità per il lavoro domestico di sostegno al bisogno familiare ed a due unità per le attività di sostegno a soggetti affetti da patologie o handicap che ne limitano l'autosufficienza. La data della dichiarazione di cui al medesimo comma è quella indicata nella ricevuta di acquisizione al sistema informatico del Ministero dell'Interno.
Il decreto legge 195/2002 di sanatoria dei lavoratori extracomunitari prevedeva:

1. Chiunque, nell'esercizio di un'attività di impresa sia in forma individuale che societaria, ha occupato, nei tre mesi antecedenti la data di entrata in vigore del presente decreto, alle proprie dipendenze lavoratori extracomunitari in posizione irregolare. (non specifica l’attività, questa del 2009 invece è riservata a 1 colf e 2 badanti).

________________________________________________________________________

Procedura 2009:

e) la dichiarazione che la retribuzione convenuta non è inferiore a quella prevista dal vigente contratto collettivo nazionale di lavoro di riferimento;


Il decreto legge 195/2002 di sanatoria dei lavoratori extracomunitari prevedeva:

d) l'indicazione della retribuzione convenuta, in misura non inferiore a quella prevista dal vigente contratto collettivo nazionale di lavoro di riferimento. (praticamente identico)


________________________________________________________________________

Procedura 2009:

Entro ventriquattro ore dalla data della stipula del contratto di soggiorno, il datore di lavoro deve effettuare la comunicazione obbligatoria di assunzione all'Istituito nazionale previdenza sociale. Restano ferme le disposizioni relative agli oneri a carico del richiedente il permesso di soggiorno.


Il decreto legge 195/2002 di sanatoria dei lavoratori extracomunitari prevedeva:

Il Ministro, con proprio decreto, determina altresi' le modalita' di corresponsione delle somme e degli interessi dovuti per i contributi previdenziali concernenti i periodi denunciati antecedenti ai tre mesi di cui al comma 1.
________________________________________________________________________

Procedura 2009:

Non è ancora specificata la durata del contratto di lavoro.

Il decreto legge 195/2002 di sanatoria dei lavoratori extracomunitari prevedeva:

Il permesso di soggiorno puo' essere rinnovato previo accertamento dell'esistenza di un rapporto di lavoro a tempo indeterminato ovvero a tempo determinato di durata non inferiore ad un anno, nonche' della regolarita' della posizione contributiva della manodopera occupata.

________________________________________________________________________

Procedura 2009:

5. Lo Sportello unico per l'immigrazione, verificata l'ammissibilità della dichiarazione e acquisito il parere della Questura sull'insussistenza di motivi ostativi al rilascio del permesso di soggiorno, convoca le parti per la stipula del contratto di soggiorno e per la presentazione della richiesta del permesso di soggiorno per lavoro subordinato, previa esibizione dell'avvenuto pagamento del contributo di cui al comma 2.


Il decreto legge 195/2002 di sanatoria dei lavoratori extracomunitari prevedeva:

5. Nei dieci giorni successivi alla comunicazione della mancanza di motivi ostativi al rilascio del permesso di soggiorno di cui al comma 4, la Prefettura - Ufficio territoriale del Governo invita le parti a presentarsi per stipulare il contratto di soggiorno per lavoro subordinato e per il contestuale rilascio del permesso di soggiorno, permanendo le condizioni soggettive di cui al comma 4. La mancata presentazione delle parti comporta l'improcedibilità' e l'archiviazione del relativo procedimento. Il permesso di soggiorno può essere rinnovato previo accertamento dell'esistenza di un rapporto di lavoro a tempo indeterminato ovvero a tempo determinato di durata non inferiore ad un anno, nonché della regolarità della posizione contributiva della manodopera occupata. (praticamente identica)

________________________________________________________________________

Procedura 2009:

7. Dalla data di entrata in vigore della presente disposizione e fino alla conclusione del procedimento di cui al presente articolo,  sono sospesi i procedimenti penali ed amministrativi instaurati nei confronti del datore di lavoro e del lavoratore che svolge le attività di cui al comma 1 per le violazioni delle norme:

12. La sottoscrizione del contratto di soggiorno e il rilascio del permesso di soggiorno comportano, rispettivamente, per il datore di lavoro e il lavoratore extracomunitario, l'estinzione dei reati e degli illeciti amministrativi relativi alle violazioni di cui al comma 7.

Il decreto legge 195/2002 di sanatoria dei lavoratori extracomunitari prevedeva:

6. I soggetti di cui al comma 1, che inoltrano la dichiarazione di emersione del lavoro irregolare ai sensi dei commi da l a 3, non sono punibili per le violazioni delle norme relative al soggiorno, al lavoro e di carattere finanziario, compiute antecedentemente alla data di entrata in vigore del presente decreto, in relazione all'occupazione dei lavoratori extracomunitari indicati nella dichiarazione di emersione presentata. Le predette cause di non punibilita' non si applicano a coloro che abbiano presentato una dichiarazione di emersione contenente dati non rispondenti al vero, al fine di procurare il permesso di soggiorno a stranieri.








manca questo passaggio importante:
DOMANDE PER EXTRA UE VIA INTERNET - Le denunce per i lavoratori italiani andranno presentate all'Inps tramite moduli ad hoc. Quelle per i cittadini extracomunitari attraverso il web allo sportello unico per l'immigrazione

Non è il sito"Stranieri in italia" ma birichino sei tu che non puoi esercitare il copia incolla degli articoli del sito (sempre che tu sappia leggere e capire) o hai chiesto l'autarizzazione per la pubblicazione ??.

© 2000-2009 Stranieri in Italia S.r.l. Tutti i diritti riservati. All rights reserved. Partita iva 05977171007.
La traduzione, l'adattamento, l'elaborazione, la riproduzione con qualsiasi mezzo (compresa la memorizzazione elettronica), la pubblicazione e la distribuzione (totale o parziale) di tutto il materiale contenuto in questo sito sono riservati per tutti i paesi. Per contattare la redazione: mailto:redazione@stranieriinitalia.it


Sopra vedrai il mio post aggiornato alle 13,14 di oggi-12.07.09



Io non mi sento italiano, voglio resistere e insorgere


#59 Guest_Azzurro_*

Guest_Azzurro_*
  • Ospite

Inviato 12 July 2009 - 15:27:29


Visualizza messaggiosergio3, su 12-Jul-2009 16:12, dice:

Non è il sito"Stranieri in italia" ma birichino sei tu che non puoi esercitare il copia incolla degli articoli del sito (sempre che tu sappia leggere e capire) o hai chiesto l'autarizzazione per la pubblicazione ??.

© 2000-2009 Stranieri in Italia S.r.l. Tutti i diritti riservati. All rights reserved. Partita iva 05977171007.
La traduzione, l'adattamento, l'elaborazione, la riproduzione con qualsiasi mezzo (compresa la memorizzazione elettronica), la pubblicazione e la distribuzione (totale o parziale) di tutto il materiale contenuto in questo sito sono riservati per tutti i paesi. Per contattare la redazione: mailto:redazione@stranieriinitalia.it

Nel momento che la redazione di un giornale, come in questo caso Stranieri in Italia, che pubblica on line dei documenti, questi sono accessibili e divulgabili per chiunque.

Il divieto a cui fa riferimento attraverso la richiesta per l'autorizzazione a pubblicare, vale soltanto fra editori, perchè questi ultimi divulgano informazione a pagamento, anche quelli che prendono i contributi dallo stato perchè ricevono ricevono fondi pubblici

Per chiunque che volesse diffondere le publicazioni senza scopo di lucro, come nel nostro caso, vige soltanto l'obbligo di mettere l'indicazione della fonte e basta.

Stranieri in Italia dovrebbe pagare a me, che gli faccio pubblicità gratuita al loro quotidiano on line, citando tutte le volte la loro fonte, perchè loro oltre a prendere i contributi dallo stato con i soldi dei contribuenti (compreso me), incassano anche i soldi della pubblicità.


#60 Guest_Azzurro_*

Guest_Azzurro_*
  • Ospite

Inviato 12 July 2009 - 15:44:57


Scusa, ma per caso mi è stato cancellato il testo che avevo postato da Stranieri in Italia?

"I requisiti e tutta la procedura. Leggi il testo completo."


Uno i link pubblicati può inviarli a chi vuole, altrimenti non publicassero giornali on line!!

Su tutti i siti, compreso Facebook, c'è testualmente scritto: Riporta Link.


Se dopo non vogliono che sia riportato il Link, allora disabilitano il copia e incolla come già avviene in altri siti compresi i codici di youtube.





Leggono questa discussione 0 utenti

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi










                                                                                    Effettua i tuoi pagamenti con PayPal.  un sistema rapido, gratuito e sicuro.  



 info@ambasada.it    info@pec.ambasada.it    Telegram.me/Ambasada    iMessage: info@ambasada.it   fax +39 02 45503457  tel +39 02 45071457


ATTENZIONE! per i recapiti dell'Ambasciata della Moldavia a Roma click qui , per il Consolato di Milano click qui , per il Consolato di Padova click qui ATTENZIONE!


Privacy e Cookie Policy / Termini e Regole del Forum