Vai al contenuto

  • Log In with Google      Accedi   
  • Registrati ora!


Risparmia acquistando online! Clicca Qui!
TorinoChisinau MilanoChisinau VeronaChisinau VeneziaChisinau BolognaChisinau RomaChisinau CagliariChisinau


  Moldova-mms.com News dal Regina Pacis Seborganelmondo  



SMMS   a
moldova-mms.com

     VEDI MEGLIO
    
e commenta >>

     SMS     a:   +39 (coming soon)
     MMS   a:   live @ moldova-mms . com




- - - - -

Sicurezza, Giovanardi: ora regolarizzare badanti e colf, provvedimento urgente.


  • Non puoi aprire una nuova discussione
  • Effettua l'accesso per rispondere
  • Topic Password
Questa discussione ha avuto 80 risposte

#41 sergio3

sergio3

    TpXMI

  • Ambasadiani MI1ax
  • StellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStella
  • Messaggi: 10,426
    Località:INSUBRIA -PADANIA
    Interessi: TUTTO

    Medaglie




Inviato 11 July 2009 - 14:04:56


Visualizza messaggiosergio3, su 11-Jul-2009 05:36, dice:

Piuttosto che niente, meglio piuttosto (anche se è  poco)

A conferma di quanto aveva detto XCXC ieri sera, questa mattina sul  corriere della sera è stato pubblicato questo articolo.
Certo che le "braghe" sono state calate.

         avranno il permesso di soggiorno da 300 a 500mila stranieri
Badanti, 500 euro per metterle in regola
Ogni famiglia potrà regolarizzare una colf e due badanti. La norma riguarda chi è arrivato prima del 30 giugno


NOTIZIE CORRELATE
I NUMERI Due pagine e mezza per un articolo di legge diviso in tredici commi. È questo il testo provvisorio del provvedi­mento per la «regolarizzazione selettiva» di colf e badanti, che sarà presentato in Parlamento come emendamento al decreto anticrisi. Ecco cosa prevede la bozza, che nell’iter legislativo po­trà comunque subire correzioni, e quello che devono fare le fa­miglie.

La «tassa»
L’intervento con­cordato dai ministri Roberto Maroni e Maurizio Sacconi tec­nicamente è una «re­golarizzazione contri­butiva ». I datori di la­voro italiani, comuni­tari o anche extraco­munitari (ma regolar­mente presenti in Ita­lia da almeno 5 anni, i cosiddetti «lun­go-soggiornanti»), potranno regolarizza­re colf e badanti che lavorano alle proprie dipendenze in nero. Per farlo, dovranno denunciare la «sussi­stenza del rapporto di lavoro», versando un contributo forfettario che per ora è stato fis­sato in 500 euro, cifra che corrisponde a tre mensilità di contribu­ti. Una sorta di tassa di emersione. L’auto­denuncia esclude le «sanzioni penali, civili e ammini­strative connesse al rapporto di lavoro irregolare». Viene quindi sanato il pregresso.

Le domande
Per i lavoratori comunitari, la domanda va presentata all’Inps, che incasserà il contributo forfet­tario. Per gli extracomunitari, in­vece, la domanda va inoltrata al­lo sportello unico per l’immigra­zione competente per territorio, che prima di dare il via libera de­ve acquisire il parere della que­stura. La regolarizzazione anche in questo caso sana il pregresso, escludendo così le sanzioni pena­li, civili e amministrative legate al rapporto di lavoro e al soggior­no illegale. E riguarda solo ed esclusivamente «attività di assi­stenza al datore di lavoro stesso o ai componenti della propria fa­miglia affetti da patologie o han­dicap che ne limitano l’autosuffi­cienza, ovvero lavoro domestico di sostegno al bisogno familia­re ». Cioè appunto badanti e colf. Ogni famiglia potrà regolarizzare al massimo una colf e due badan­ti. La regolarizzazione prevede la formalizzazione del rapporto di lavoro, con il pagamento, a favo­re del dipendente, di contributi previdenziali, ferie e Tfr e tutte le altre voci previste dai contratti di categoria, disponibili presso l’Inps. Le domande, secondo la bozza provvisoria del testo, an­dranno presentate fra il 1˚ e il 30 settembre di quest’anno (salvo slittamenti legati ad eventuali in­toppi dell’iter parlamentare).

I requisiti
Sono ammessi alla regolarizza­zione colf e badanti in servizio prima del 30 giugno 2009 (la nor­ma in questo senso ha un effetto retroattivo). Il datore di lavoro dovrà dichiarare, sotto la propria responsabilità, la data di inizio del rapporto. Non sono dunque richieste «prove» particolari del­­l’effettiva sussistenza del vincolo di lavoro, basta la dichiarazione del datore. Il testo fissa però alcu­ni paletti. Eccoli. Non sono am­messi alla regolarizzazione i citta­dini extracomunitari colpiti da provvedimento di espulsione per motivi diversi dal mancato rinnovo del permesso di soggior­no; sono esclusi quelli che han­no segnalazioni, in base agli ac­cordi internazionali, che ne impe­discano l’ingresso sul territorio dello Stato (quelli che nel gergo delle questure sono indicati co­me «indesiderati» e «inammissi­bili »); e ancora tutti quelli che hanno riportato condanne per uno qualsiasi dei reati previsti negli articoli 380 e 381 del codice di procedura penale per i quali è previsto l’arresto obbligatorio o facoltativo in flagranza (dal furto alla violenza sessuale, dal sac­cheggio alla rapina, dalla pedo­pornografia ai reati di terrori­smo ed eversione, dalla corruzio­ne alla truffa e altri ancora).

Quelli del click day
A oggi risultano in sospeso ol­tre 300 mila domande di assun­zione di colf e badanti extraco­munitari presentate dalle fami­glie per via telematica (nei cosid­detti «click day»). La procedura, precisano dal ministero dell’In­terno, è indipendente rispetto al­la regolarizzazione selettiva. I da­tori di lavoro che ancora aspetta­no una risposta alla domanda in­viata per via telematica possono quindi decidere di continuare ad attendere, perché la procedura - assicurano dal ministero del Welfare - continuerà ad andare avanti. Altrimenti, se il lavorato­re da assumere possiede i requisi­ti e se, come succede nella mag­gioranza dei casi, è già in Italia come irregolare, i datori potran­no procedere con la «regolarizza­zione selettiva», pagando il con­tributo previsto. Il ministero dell’Interno addi­rittura auspica che più persone possibile optino per la «regola­rizzazione selettiva», per decon­gestionare la procedura del cli­ck day, che riguarda non solo colf e badanti, ma anche lavora­tori di altri settori. Inoltre i tem­pi di attesa per le domande pre­sentate con il click day allo stato attuale restano molto incerti, mentre la regolarizzazione selet­tiva, almeno nelle intenzioni del governo, dovrebbe procedere più velocemente. Ovviamente dovranno aspettare la risposta dalla prefettura tutti i datori di lavoro regolari, ovvero coloro che hanno fatto domanda di as­sunzione di uno straniero che ancora non è in Italia.

I numeri
Secondo stime non ufficiali dei ministeri competenti, la re­golarizzazione potrebbe riguar­dare almeno 300 mila persone, ma sindacati e associazioni di as­sistenza agli immigrati parlano di una platea di destinatari di al­meno 500 mila persone. Tutta l’operazione dovrebbe portare nelle casse dell’Inps almeno 150 milioni di euro, anche se il costo amministrativo, fra personale, adeguamento software e spese varie, dovrebbe assorbire buona parte di questo «tesoretto». A re­gime, la regolarizzazione avrà comunque effetti benefici per Inps e fisco: ogni mese saranno versati solo di contributi previ­denziali oltre 45 milioni di euro, mentre il gettito fiscale annuale è stimato intorno a 400 milioni di euro all’anno.

Il rebus dei tempi
Quanto tempo ci vorrà per ot­tenere la regolarizzazione? Secon­do i ministeri competenti, nel ca­so dei lavoratori italiani o comu­nitari, «sarà questione di pochi giorni». Tecnicamente sarebbe possibile anche a vista, «ma diffi­cilmente accadrà». Per i lavorato­ri extracomunitari i tempi invece sono più lunghi, perché su ogni singola domanda le questure do­vranno fornire «il parere sull’in­sussistenza di motivi ostativi al rilascio del permesso di soggior­no ». In ogni caso, una volta pre­sentata la domanda, datore e la­voratore devono attendere la convocazione presso lo sportello unico dell’immigrazione «per la stipula del contratto di soggior­no e per la presentazione della ri­chiesta del permesso di soggior­no per lavoro subordinato». Tem­po totale? «La stima è impossibi­le, varierà da città a città», dico­no dal Viminale. Il testo stesso dell’articolo di legge, almeno nel­la stesura attuale, non fissa dei termini obbligatori per ultimare le procedure.

I nodi irrisolti
Per ammissione degli stessi tecnici dei ministeri, la regolariz­zazione presenta ancora degli aspetti problematici. A comincia­re dalla questione dei controlli sull’effettiva sussistenza dei rap­porti di lavoro al 30 giugno 2009. In teoria, il datore di lavo­ro, dichiarando il falso, potreb­be regolarizzare persone entrate successivamente in Italia. «Ma non abbiamo strumenti di verifi­ca », alzano le mani dalla questu­ra di Roma.



Paolo Foschi
11 luglio 2009


:nono:  :girl (29):  :o  :undecided:  :girl_cray2:  :cha (40):  :hg (28):



Io non mi sento italiano, voglio resistere e insorgere


#42 Guest_Gaia_*

Guest_Gaia_*
  • Ospite

Inviato 11 July 2009 - 14:19:31


Visualizza messaggiosergio3, su 11-Jul-2009 16:04, dice:




:nono:  :girl (29):  :o  :undecided:  :girl_cray2:  :cha (40):  :hg (28):

finalmente una mamma potra' abbracciare sua figlia che non ha visto da piu di 4 anni...e sicuramente altre 300 milla come minimo...



#43 giemme74

giemme74

    Tpx4MI

  • Ambasadiani MI1a
  • StellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStella
  • Messaggi: 4,664

    Medaglie



Inviato 11 July 2009 - 14:35:34


Visualizza messaggiosergio3, su 11-Jul-2009 15:04, dice:

A re­gime, la regolarizzazione avrà comunque effetti benefici per Inps e fisco: ogni mese saranno versati solo di contributi previ­denziali oltre 45 milioni di euro, mentre il gettito fiscale annuale è stimato intorno a 400 milioni di euro all’anno.




come dicevo qualche post indietro... l'avrei fatta anche gratis, fra inps ed erario significa entrate per oltre 1 miliardo di euro all'anno, a questo punto cosa cambia a incassare 150.000.000 di euro (nel caso di 500 euro a testa) o 300.000.000 di euro (nel caso avessero fatto pagare 1000 euro) ???



Immagine inviata


#44 sergio3

sergio3

    TpXMI

  • Ambasadiani MI1ax
  • StellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStella
  • Messaggi: 10,426
    Località:INSUBRIA -PADANIA
    Interessi: TUTTO

    Medaglie




Inviato 11 July 2009 - 15:15:58


Visualizza messaggioGaia, su 11-Jul-2009 15:19, dice:

finalmente una mamma potra' abbracciare sua figlia che non ha visto da piu di 4 anni...e sicuramente altre 300 milla come minimo...



Le faccine erano contro Maroni--
Questa mattina ho contattato due badanti (una Ucraina e una Moldava) per dare la buona notizia: piangevano dalla gioia--sono rimasto commosso anch'io--
Quest'oggi hanno comperato "il Corriere della Sera" e mi hanno chiamato (sono amiche) per dirmi che era proprio vero.

Sono contento e felice anch'io (politicamente, no ! umanamente , SI !!!)



Io non mi sento italiano, voglio resistere e insorgere


#45 Guest_Gaia_*

Guest_Gaia_*
  • Ospite

Inviato 11 July 2009 - 15:29:50


....e una figlia potra piangere sulla tomba di suo padre che la vita non le ha permesso abbracciarlo da vivo...

P.S. e non si sentira cosi' sfortunata...tvtb cara Maria... :6:  :heart:  :kiss3:



#46 Carlo

Carlo

    Tpx3MI

  • Ambasadiani MI1a
  • StellaStellaStellaStellaStellaStellaStella
  • Messaggi: 3,832

    Medaglie



Inviato 11 July 2009 - 16:30:08


Visualizza messaggiosergio3, su 11-Jul-2009 15:15, dice:

Le faccine erano contro Maroni--
Sono contento e felice anch'io (politicamente, no ! umanamente , SI !!!)

Sergio, vedi è per questo che ti apprezzo, per la tua completa sincerità..Anch'io sono felice per tutte quelle persone che finalmente avranno una dignità giuridica.

Politicamente è un altro aspetto... Fosse stata fatta dalla sinistra sarebbero tuoni e saette e l'avrebbero chiamata "sanatoria".

Perfino uno come Bersani,  che non è il mio modello politico, affermava in questi giorni..
“Giovanardi sta consigliando al governo di prendere la pillola del giorno dopo. Il sottosegretario alla famiglia si accorge a distanza di sole 48 ore dell’approvazione della legge sull’immigrazione da parte dell’esecutivo di cui fa parte, che si apre un problema di criminalizzazione di badanti che pur non avendo le carte a posto stanno aiutando i nostri anziani. E’ incredibile la leggerezza con cui si sta trattando un problema serissimo che riguarda anche gli immigrati che stanno perdendo il lavoro per la crisi. Spero che la realtà dei fatti induca la destra italiana a ragionare con la testa e a non cercare consenso recando danni evidenti alle condizioni dei più deboli”.

Ma la politica non serve in questi giorni.
Qualcuno oggi sicuramente sarà più felice e questa è la cosa più importante.




#47 Carlo

Carlo

    Tpx3MI

  • Ambasadiani MI1a
  • StellaStellaStellaStellaStellaStellaStella
  • Messaggi: 3,832

    Medaglie



Inviato 11 July 2009 - 16:41:44


MARONI...QUESTA SE LA MERITA..




#48 sergio3

sergio3

    TpXMI

  • Ambasadiani MI1ax
  • StellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStella
  • Messaggi: 10,426
    Località:INSUBRIA -PADANIA
    Interessi: TUTTO

    Medaglie




Inviato 11 July 2009 - 16:42:04


Visualizza messaggioCarlo, su 11-Jul-2009 17:30, dice:

Sergio, vedi è per questo che ti apprezzo, per la tua completa sincerità..Anch'io sono felice per tutte quelle persone che finalmente avranno una dignità giuridica.

Politicamente è un altro aspetto... Fosse stata fatta dalla sinistra sarebbero tuoni e saette e l'avrebbero chiamata "sanatoria".

Perfino uno come Bersani,  che non è il mio modello politico, affermava in questi giorni..
“Giovanardi sta consigliando al governo di prendere la pillola del giorno dopo. Il sottosegretario alla famiglia si accorge a distanza di sole 48 ore dell’approvazione della legge sull’immigrazione da parte dell’esecutivo di cui fa parte, che si apre un problema di criminalizzazione di badanti che pur non avendo le carte a posto stanno aiutando i nostri anziani. E’ incredibile la leggerezza con cui si sta trattando un problema serissimo che riguarda anche gli immigrati che stanno perdendo il lavoro per la crisi. Spero che la realtà dei fatti induca la destra italiana a ragionare con la testa e a non cercare consenso recando danni evidenti alle condizioni dei più deboli”.

Ma la politica non serve in questi giorni.
Qualcuno oggi sicuramente sarà più felice e questa è la cosa più importante.


:6:  :6:  :6:



Io non mi sento italiano, voglio resistere e insorgere


#49 Guest_Azzurro_*

Guest_Azzurro_*
  • Ospite

Inviato 11 July 2009 - 16:45:08


Volevo ricordare che più di una volta avevo consigliato in passato, qui sul forum, a tutte quelle donne che chiedevano della regolarizzazione, di mettersi da parte tutto quello che riguardava il loro soggiorno in Italia.


La cosa più importante è il cartellino della Caritas, poi qualsiasi altra ricevuta che attesti che si è stati in italia, dalle ricevute di pagamento di pensioni, acquisti, affitti, visite mediche, e altro.


Queste ricevute o documenti però, devono averli qui in Italia e non in Moldova, perchè il giorno che si recheranno in prefettura per ottenere il permesso di soggiorno, dovranno esibire questa documentazione.


#50 Guest_Azzurro_*

Guest_Azzurro_*
  • Ospite

Inviato 11 July 2009 - 17:07:13


Ecco cosa prevede il testo provvisorio del provvedimento per la 'regolarizzazione selettiva'.


ROMA, 11 luglio 2009 - È pronto il testo provvisorio del provvedimento per la regolarizzazione selettiva di colf e badanti. Il testo, preparato dai tecnici del Ministero del Lavoro e dell'Interno potrà, nei prossimi giorni, subire correzioni, ma dovrebbe essere molto simile a quello finale. Sarà presentato in Parlamento come emendamento al decreto anticrisi.


500 EURO PER LA REGOLARIZZAZIONE



I datori di lavoro italiani, comunitari o anche extracomunitari (ma regolarmente presenti in Italia da almeno 5 anni) potranno regolarizzare colf e badanti che lavorano alle proprie dipendenze in nero. Per farlo, dovranno denunciare la 'sussistenza del rapporto di lavoro', versando un contributo forfettario che al momento (ma la cifra potrebbe subire variazioni) è stato fissato in 500 euro, cifra che corrisponde a tre mensilita' di contributi. L'autodenuncia esclude le 'sanzioni penali, civili e amministrative connesse al rapporto di lavoro irregolare'. Viene quindi sanato il pregresso.


LE DOMANDE



Per i lavoratori comunitari, la domanda va presentata all'Inps, che incassera' il contributo forfettario. Per gli extracomunitari, invece, la domanda va inoltrata allo sportello unico per l'immigrazione competente per territorio, che prima di dare il via libera deve acquisire il parere della questura. Ogni famiglia potra' regolarizzare al massimo una colf e due badanti. La regolarizzazione prevede la formalizzazione del rapporto di lavoro, con il pagamento, a favore del dipendente, di contributi previdenziali, ferie e Tfr e tutte le altre voci previste dai contratti di categoria, disponibili presso l'Inps. Le domande, secondo la bozza provvisoria del testo, andranno presentate fra il 1° e il 30 settembre di quest'anno (salvo slittamenti legati ad eventuali intoppi dell'iter parlamentare).


30 GIUGNO 2009



Sono ammessi alla regolarizzazione colf e badanti in servizio prima del 30 giugno 2009 (la norma in questo senso ha un effetto retroattivo). Il datore di lavoro dovra' dichiarare, sotto la propria responsabilita', la data di inizio del rapporto. Non sono dunque richieste 'prove' particolari dell'effettiva sussistenza del vincolo di lavoro, basta la dichiarazione del datore.


CHI NON E' AMMESSO



Non sono ammessi alla regolarizzazione i cittadini extracomunitari colpiti da provvedimento di espulsione per motivi diversi dal mancato rinnovo del permesso di soggiorno; sono esclusi quelli che hanno segnalazioni, in base agli accordi internazionali, che ne impediscano l'ingresso sul territorio dello Stato (quelli che nel gergo delle questure sono indicati come 'indesiderati' e 'inammissibili '); e ancora tutti quelli che hanno riportato condanne per uno qualsiasi dei reati previsti negli articoli 380 e 381 del codice di procedura penale per i quali e' previsto l'arresto obbligatorio o facoltativo in flagranza (dal furto alla violenza sessuale, dal saccheggio alla rapina, dalla pedopornografia ai reati di terrorismo ed eversione, dalla corruzione alla truffa e altri ancora).


MILIONI DI EURO NELLE CASSE DELL'INPS



La regolarizzazione potrebbe riguardare almeno 300 mila persone, anche se, secondo sindacati e associazioni di assistenza il provvedimento potrebbe interessare almeno 500mila persone. L’operazione dovrebbe portare nelle casse dell’Inps almeno 150 milioni di euro. A regime la regolarizzazione avrà effetti benefici per Inps e fisco: ogni mese saranno versati solo di contributi previdenziali oltre 45 milioni di euro, mentre il gettito fiscale annuale è stimato intorno a 400 milioni di euro all’anno.




I TEMPI PER ESSERE REGOLARIZZATI



Al momento non si conoscono le tempistiche necessarie per essere regolarizzati. Secondo i ministeri dell'Interno e del Lavoro, nel caso dei lavoratori italiani o comunitari, ci vorranno pochi giorni mentre per i lavoratori extracomunitari i tempi dovrebbero essere più lunghi, perché su ogni singola domanda le questure dovranno fornire il parere sull’insussistenza di motivi ostativi al rilascio del permesso di soggiorno. In ogni caso, una volta presentata la domanda, datore e lavoratore devono attendere la convocazione presso lo sportello unico dell’immigrazione per la stipula del contratto di soggiorno e per la presentazione della richiesta del permesso di soggiorno per lavoro subordinato.


Tratto da Stranieri in Italia





Leggono questa discussione 0 utenti

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi










                                                                                    Effettua i tuoi pagamenti con PayPal.  un sistema rapido, gratuito e sicuro.  



 info@ambasada.it    info@pec.ambasada.it    Telegram.me/Ambasada    iMessage: info@ambasada.it   fax +39 02 45503457  tel +39 02 45071457


ATTENZIONE! per i recapiti dell'Ambasciata della Moldavia a Roma click qui , per il Consolato di Milano click qui , per il Consolato di Padova click qui ATTENZIONE!


Privacy e Cookie Policy / Termini e Regole del Forum