Vai al contenuto

  • Log In with Google      Accedi   
  • Registrati ora!


Risparmia acquistando online! Clicca Qui!
TorinoChisinau MilanoChisinau VeronaChisinau VeneziaChisinau BolognaChisinau RomaChisinau CagliariChisinau


  Moldova-mms.com News dal Regina Pacis Seborganelmondo  



SMMS   a
moldova-mms.com

     VEDI MEGLIO
    
e commenta >>

     SMS     a:   +39 (coming soon)
     MMS   a:   live @ moldova-mms . com



verona - chisinau
Verona Chisinau Verona

* * * * * 1 voti

Decreto flussi a rischio, il ministero: "Non c'è lavoro, disoccupazione anche tra gli immigrati"


  • Non puoi aprire una nuova discussione
  • Effettua l'accesso per rispondere
Questa discussione ha avuto 2 risposte

#1 XCXC

XCXC

    TpX2MI

  • Ambasadiani MIra
  • StellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStella
  • Messaggi: 16,973

Inviato 22 November 2013 - 19:17:04


Decreto flussi a rischio, il ministero: "Non c'è lavoro, disoccupazione anche tra gli immigrati"

Il rapporto interno dei tecnici del dicastero di Giovannini: "I lavoratori stranieri sono già troppi". Se fosse confermato dal governo questo orientamento, quest'anno non potrebbe entrare nessuno per via regolare

di VLADIMIRO POLCHI
Immagine inviata

ROMA  -  L'Italia chiude le porte: stop a nuovi flussi di immigrati regolari. I lavoratori stranieri nel nostro Paese sono già troppi e cresce tra le loro fila l'esercito dei disoccupati. Ne sono certi i tecnici del ministero del Lavoro, che lo mettono nero su bianco in un recente rapporto interno. E così anche quest'anno per cercare fortuna in Italia resteranno aperti solo i canali d'ingresso irregolare, a meno di ripensamenti politici dell'ultima ora (il rapporto non è vincolante).

La relazione del ministero. La relazione dell'ottobre scorso è scritta dalla direzione generale dell'immigrazione del ministero del Lavoro e delle Politiche sociali e si intitola: "Il mercato del lavoro dei lavoratori stranieri in Italia nel secondo trimestre 2013". All'interno delle 24 pagine viene proposta "una serie di considerazioni in merito al tema dei flussi in ingresso nel nostro Paese, derivanti sia dall'analisi dell'offerta che della domanda di lavoro".

Con il decreto flussi si fissano annualmente le quote di extracomunitari che possono entrare in Italia per motivi di lavoro subordinato o autonomo. In realtà, come sanno bene gli immigrati, il decreto è anche una chance per chi già sta sul territorio italiano: uscire dalla clandestinità e mettersi in regola.

Mezzo milione in cerca di lavoro. Stando ai tecnici del ministero, "da un lato, la costante contrazione della domanda e dall'altro il considerevole incremento delle persone in cerca di occupazione, determina una condizione in cui l'offerta di lavoro garantita dai lavoratori stranieri già presenti in Italia è più che sufficiente. Tale affermazione è corroborata da alcuni dati e segnatamente dalla presenza, nel secondo trimestre 2013, di oltre 500mila lavoratori stranieri in cerca di lavoro".

Un quadro fosco, con poche luci: "Gli unici segnali positivi  -  si legge  -  riguardano il segmento dei servizi alla persona, con una domanda in crescita anche nella fase di crisi, ma che gli attuali livelli di disoccupazione possono sostanzialmente compensare". Ed ecco la bocciatura di un eventuale nuovo decreto flussi: "La domanda di lavoro attesa può essere ampliamente soddisfatta nell'ambito dei settori, dei territori, e dei profili richiesti, compreso il settore domestico, dell'offerta di lavoro disponibile, anche in assenza di una nuova programmazione di quote generali tramite i decreti flussi annuali".


#2 Rick

Rick

    Tpx5MI

  • Ambasadiani MI1a
  • StellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStella
  • Messaggi: 5,223

    Medaglie



Inviato 23 November 2013 - 13:25:36


Mi sembra giusto



Immagine inviata


#3 XCXC

XCXC

    TpX2MI

  • Ambasadiani MIra
  • StellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStellaStella
  • Messaggi: 16,973

Inviato 23 November 2013 - 17:43:10


io l'avrei abolito da sempre il decreto flussi... Troppo stupido come strumento... e COSTOSO !

La soluzione semplice semplice?

Con il decreto si manifesta una volonta' di Stato/Governo nel regolare gli stranieri... con la conseguenza che poi passera' tutto tramite la pubblica amministrazione... che ovviamente non fara' differenze (chissa' perche') tra stranieri e italiani.

Io invece avrei fatto cosi':

- qualsiasi imprenditore (con azienda sul mercato da almeno 3 anni) puo' chiamare direttamente lo straniero. Ma sara' civilmente e penalmente responsabile dell'alloggio e del suo ritorno alla fine del contratto. Nessun ricongiungimento fino al 5° anno di lavoro/residenza.

In questo modo si tutela tutti, dai lavoratori italiani a quelli (seri) stranieri.

E via tutti i passaggi burocratici che ci costano un occhio...





Leggono questa discussione 0 utenti

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi










                                                                                    Effettua i tuoi pagamenti con PayPal.  un sistema rapido, gratuito e sicuro.  



 info@ambasada.it    info@pec.ambasada.it    Telegram.me/Ambasada    iMessage: info@ambasada.it   fax +39 02 45503457  tel +39 02 45071457


ATTENZIONE! per i recapiti dell'Ambasciata della Moldavia a Roma click qui , per il Consolato di Milano click qui , per il Consolato di Padova click qui ATTENZIONE!


Privacy e Cookie Policy / Termini e Regole del Forum